Ciao mondo!
Pubblicato: 11 febbraio 2022

GLOSSARIO delle carte nautiche

GLOSSARIO delle carte nautiche, termini e abbreviazioni utilizzati nell'industria marittima

(* fonte: NOAA - il Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (USA), l'agenzia scientifica e normativa americana)

Una fonte autorevole per i termini utilizzati nella cartografia (mappatura), nella cartografia marittima e nella geodesia utilizzati nel programma di cartografia nautica. I termini e le definizioni sono di specifico interesse cartografico e possono essere trovati in questo manuale, su singole carte di mappe, materiale di riferimento applicabile o riscontrati nella ricerca d'archivio. Ove possibile, definizioni contraddittorie, controverse, incomplete o duplicate sono state escluse da questo Glossario. Se del caso, sono incluse più definizioni per un singolo termine. Le definizioni utilizzate in questo Glossario sono state tratte da autorevoli fonti governative, ma principalmente dal Dipartimento del Commercio, Costa e Geodetic Survey degli Stati Uniti, Manuale della Carta Nautica, Settima Edizione (1992), Volume Due: Definizioni, Abbreviazioni, Simbologia e Riferimenti, Washington , DC, 1992

Parole (entro le definizioni) inserite grassetto tipo, sono definiti altrove in questo Glossario

Questa appendice ha lo scopo di fungere sia da documento di riferimento di base che da esercitazione. Sebbene sia vero che il vocabolario di lavoro della maggior parte dei marinai è meno ampio di quello qui presentato, i marinai sono incoraggiati a familiarizzare con il contenuto di questa appendice


Guarda anche: il elenco dei termini di abbreviazione utilizzato nelle carte nautiche


Guarda anche: il Glossario delle spedizioni marittime


Guarda anche: Simboli e termini utilizzati sui grafici di navigazione (Carte nautiche cartacee ed elettroniche)


= = = TERMINOLOGIA DELLE CARTE MARINE – GLOSSARIO DELLE CARTE NAUTICA = = =

Abbandonato. Un aggettivo che si riferisce a una struttura artificiale non più utilizzata per il suo scopo originale, come in "miniera abbandonata". Il termine può essere utilizzato con un simbolo (ad esempio, accanto al simbolo di un aeroporto, o con un nome di luogo, ad esempio, Elma (Abbandonato)).

Abisso. Un luogo molto profondo, insondabile. Il termine è usato per riferirsi a una particolare parte profonda dell'oceano, oa qualsiasi parte al di sotto di S00 braccia.

Accrescimento. Il graduale accumulo di terreno per un lungo periodo di tempo, unicamente per azione delle forze della natura, su una spiaggia per deposizione di acqua o materiale aerodisperso. L'accrescimento artificiale è un simile accumulo di terreno con mezzi deliberati. Chiamato anche aggxada£ion.

Alla deriva. Galleggiante o staccato dalla riva o dal fondale.

Funivia aerea. Un dispositivo di trasporto costituito da un cavo senza fine supportato su torri. Le auto attaccate al cavo vengono utilizzate per lo spostamento di persone o materiali.

Faro aeronautico. Un aiuto visivo alla navigazione, che mostra lampi di luce bianca o colorata o entrambi, utilizzato per indicare l'ubicazione di aeroporti, punti di riferimento e alcuni punti delle vie aeree federali su terreno montuoso e per segnalare i pericoli.

Luce aeronautica. Un ausilio luminoso o luminoso alla navigazione destinato principalmente alla navigazione aerea. Uno destinato principalmente alla navigazione marittima è chiamato "luce marina". Spesso abbreviato in "luce aerodinamica".

Radiofaro aeronautico. Un radiobeacon il cui servizio è destinato principalmente al beneficio degli aeromobili.

A galla. Galleggiante, invece di essere incagliato.

Incagliato. Toccare, riposare o depositarsi sul fondo di acque poco profonde. Il contrario è a galla. Quando una nave poggia su qualcosa di solido diverso dai blocchi di un bacino di carenaggio o di uno scalo di alaggio, si dice incagliata. Una nave "prende terra" quando la marea la lascia incagliata per mancanza di una sufficiente profondità d'acqua, un evento abbastanza frequente nei moli aperti.

Aiuti alla Navigazione (ATON). Boe, fari, fendinebbia, fanali, radiofari, boe di segnalazione, posizione radio fi <ing systems, radars, inertial systems, and generally any charted or otherwise published device serving the interests of safe navigation. See also: Aiuto alla navigazione.

Campo d'aviazione. Impianto di atterraggio per aeromobili, di solito senza terminal passeggeri. I servizi offerti per la fornitura e la manutenzione degli aeromobili sono sostanzialmente inferiori a quelli di un aeroporto (qv). Gli aeroporti di solito hanno limiti legali che sono delineati a 1:50.000 e grafici su scala più ampia.

Aeroporto. Impianto di atterraggio per aeromobili, solitamente con più di una pista e con strutture per la movimentazione di passeggeri e merci aeree e per la manutenzione degli aeromobili. I limiti legali dell'aeroporto sono generalmente delineati su scale cartografiche di 1:50.000 e superiori.

Pista di atterraggio. Impianto di atterraggio per aeromobili costituito da un'unica pista, solitamente di costruzione di ghiaia. Le piste di atterraggio raramente hanno una recinzione di confine o un limite legale delineato.

Alternativo. Una luce che mostra colori diversi alternativamente, o una luce fissa continua, che mostra un cambiamento di colore.

Altitudine. (1) La distanza di un luogo sopra una superficie di riferimento. La superficie di riferimento più usuale è il livello del mare. (2) La distanza di un luogo sopra la superficie fisica della terra.

Ancoraggio. Un luogo dove una nave ancora o può ancorare. Un'area riservata alle navi ancorate in un porto. Un luogo adatto per l'ancoraggio è riparato dal vento e dal mare, non interferisce con il traffico portuale, e ha un fondale che offre una buona tenuta alle ancore. Lo spazio di ancoraggio assegnato a una nave dovrebbe includere un cerchio con un raggio uguale alla lunghezza combinata del cavo dell'ancora e della nave. Una profondità da 7 a 8 braccia a bassa marea è generalmente considerata sufficiente per i requisiti ordinari. Per ulteriori tipi di ancoraggio, vedere il Capitolo 7.

Carta di ancoraggio. Una carta nautica che mostra gli ancoraggi prescritti o consigliati. Tale carta può essere una carta portuale sovrastampata con una serie di cerchi, ognuno dei quali indica un singolo ancoraggio.

Litorale apparente. Questo è il limite verso il mare della vegetazione marina, come mangrovie, erba palustre o alberi nell'acqua che sembrerebbero ragionevolmente al marinaio da lontano come la costa veloce. Il limite verso il mare di alghe, erba bassa nell'acqua e altra vegetazione bassa normalmente non costituiscono un litorale apparente.

Contorno approssimativo. Un contorno sostituito da un contorno normale ogni volta che c'è una domanda sulla sua affidabilità (xeliabilità è definita come accurata entro la metà dell'intervallo di contorno).

Posizione approssimativa. Nella cartografia, una posizione considerata inferiore alla precisione del terzo ordine, ma generalmente considerata entro 100 piedi dalla sua corretta posizione geografica. Il metodo di localizzazione può essere un'indicazione dell'accuratezza registrata.

Acquedotto. Un condotto o canale artificiale per il convogliamento dell'acqua, spesso sopraelevato, soprattutto per il convogliamento di una grande quantità d'acqua che scorre per gravità.

Arcipelago. Uno specchio d'acqua costellato di molte isole o di un gruppo di isole; inoltre, un tale gruppo di isole.

Arco di visibilità. La porzione di orizzonte su cui è visibile un ausilio luminoso alla navigazione. L'arco di un settore leggero, designato dai suoi cuscinetti limite osservati da verso il mare.

Caratteristica dell'area. Per definizione, una caratteristica che si estende su un'area. È rappresentato sulle mappe da un contorno, un colore solido o schermato, tratteggio incrociato, uno schema regolare di simboli sparsi sull'area o una combinazione di questi.

Caratteristica areale. Una caratteristica topografica, come sabbia, palude, vegetazione, ecc., che si estende su un'area. È rappresentato sulla mappa o mappa pubblicata da un colore solido o schermato, da uno schema di simboli preparato o da una linea di delimitazione.

Zona da evitare. Una misura di rotta comprendente un'area entro limiti definiti in cui la navigazione è particolarmente pericolosa o è eccezionalmente importante per evitare vittime e che dovrebbe essere evitata da tutte le navi o da determinate classi di navi.

Braccio di mare. Una stretta porzione di mare sporgente dal corpo principale. L'espressione è spesso abbreviata in "braccio".

Arroio. Il corso di un corso d'acqua intermittente ripido in terra sciolta; una cotoletta; una valle simile a una trincea dalle pareti ripide. (Locale nel sud-ovest.)

Luce articolata. Una luce articolata è una struttura tubolare verticale che oscilla attorno a un giunto universale collegato a un piombino. La struttura è mantenuta in posizione verticale dalla galleggiabilità di una camera di galleggiamento sommersa. È progettato principalmente per contrassegnare canali stretti con maggiore precisione rispetto alle boe convenzionali.

Porto artificiale. Un porto dove il desiderabile riparo dal vento e dal mare è stato ottenuto artificialmente dalla costruzione di moli, moli, frangiflutti e pontili. Applicato anche a porti creati affondando chiatte, navi e simili in cemento per formare un ancoraggio riparato temporaneo. Guarda anche: Porto naturale.

Isola artificiale. Un'isola costruita allo scopo di sviluppo minerario o energetico.

Atollo. Un'isola o isole coralline, costituita da una cintura di barriera corallina che circonda una laguna centrale.

Aiuto acustico alla navigazione. Un aiuto alla navigazione che trasmette informazioni tramite onde sonore.

Nota delle autorità. La nota inserita in un grafico che riporta i nomi delle agenzie federali che hanno contribuito alle informazioni utilizzate nella compilazione.

Inondato. Situato in modo che la parte superiore sia bagnata a intermittenza dalle onde o dall'azione delle maree. Il termine si applica sia a fi <ed objects such as rocks, and to floating objects with their tops flush with or slightly above the surface of the water. See also: Roccia inondata; Sommerso.

Asse. (1) Qualsiasi linea lungo la quale vengono effettuate misurazioni per determinare le coordinate di un punto, o qualsiasi linea da cui vengono misurati gli angoli per lo stesso scopo. Un asse di solito funge da riferimento di linea in modo tale che una delle coordinate di un punto che giace sull'asse sia zero. (2) Una linea rispetto alla quale una figura geometrica è simmetrica. (S) Qualsiasi linea attorno alla quale un corpo ruota o ruota. (k) Una linea che collega due punti distinti (ad esempio, i poli magnetici della terra sono uniti dal magnetico a <is).

Asimuth. Un angolo orizzontale calcolato in senso orario dal meridiano.

Gamma posteriore. Una gamma osservata a poppa, in particolare quella utilizzata come guida per un'imbarcazione che si allontana dagli oggetti che formano la gamma.

Backshore. Quella parte di spiaggia solitamente asciutta, raggiunta solo dalle maree più alte e, per estensione, una stretta striscia di costa relativamente piatta che costeggia il mare. Guarda anche: Litorale. Quella zona della costa o della spiaggia situata tra la battigia e la costa e su cui agiscono le onde solo durante forti tempeste, specialmente se combinate con acque eccezionalmente alte. Anche backbeach, comprende il bexm o bexmx.

Calvo. Un'alta manopola arrotondata o cima di una montagna, spoglia di foresta. (Locale negli stati meridionali.)

Banca. (1) Un'elevazione del fondale marino tipicamente situata su una piattaforma e sulla quale la profondità dell'acqua è relativamente bassa ma sufficiente per una navigazione sicura in superficie. Scogliere o banchi, pericolosi per la navigazione in superficie, possono salire al di sopra delle profondità generali di un argine.

(2) Un'area poco profonda di sabbia mobile, ghiaia, fango, ecc., come un banco di sabbia, un banco di fango, ecc. (S) Una cresta di qualsiasi materiale come terra, roccia, neve, ecc., o qualsiasi cosa somigliante una cresta, come banco di nebbia o banco di nubi. (k) Il bordo di un taglio o riempimento. (5) Il margine di un corso d'acqua. (6) Un certo numero di dispositivi simili collegati in modo da essere utilizzati come un unico dispositivo.

Sbarra. Una cresta o un cumulo di sabbia, ghiaia o altro materiale non consolidato al di sotto del livello dell'acqua alta, specialmente alla foce di un fiume o di un estuario, o situato a breve distanza e solitamente parallelo alla spiaggia, e che può ostacolare la navigazione.

Spoglio roccia. Una roccia che si estende al di sopra del dato di acqua alta media. Sulle carte NOAA, i simboli di roccia nuda vengono utilizzati per rocce che si estendono per più di 1 piede sopra l'acqua alta media sulla costa atlantica e che si estendono per più di 2 piedi sopra l'acqua alta media sulla costa del Pacifico. Vedere: Roccia; Roccia inondata; Roccia sommersa.

Spiaggia di barriera. Una sbarra essenzialmente parallela alla riva, la cui cresta è al di sopra dell'acqua alta.

Isola barriera. Porzione distaccata di una spiaggia di sbarramento tra due insenature.

Laguna di barriera. Una baia più o meno parallela alla costa e separata dall'oceano aperto da isole barriera. Anche lo specchio d'acqua circondato da isole coralline e scogliere, nel qual caso può essere chiamato "laguna di atollo".

Barriera corallina. Una barriera corallina che è più o meno parallela alla terraferma ma si trova a una certa distanza dalla costa, con acque più profonde adiacenti alla terraferma, in contrasto con una "barriera corallina marginale" strettamente attaccata alla riva. Guarda anche: Scogliera frangiata.

Scala a barre. Una linea o una serie di linee su una carta, suddivise ed etichettate con le distanze rappresentate sulla carta. Chiamato anche gxaphic xcale. Guarda anche: Scala.

Ponte mobile. Una campata a una o due ante, con le estremità verso riva incernierate, che consentono di elevare la campata verticalmente.

Sondaggio di base. Un rilievo idrografico così completo ed approfondito da non necessitare di essere integrato da altri rilievi ed è adeguato a sostituire, ai fini cartografici, tutti i precedenti rilievi idrografici dell'area.

Bacino. (1) Una depressione del fondale marino più o meno equidimensionata in pianta e di estensione variabile.

(2) Un'area d'acqua circondata da mura di banchina, solitamente create o ampliate da scavi, sufficientemente grande da ricevere una o più navi per uno scopo specifico.

Guarda anche: Bacino di tombe; bacino non di marea; bacino di ScourJing; bacino di marea; Bacinella girevole . (S) Un'area di terra che defluisce in un lago o in un mare attraverso un fiume ei suoi affluenti. (k) Un'area d'acqua quasi senza sbocco sul mare che fuoriesce da un'insenatura, un firth o un suono.

Bacino, marea. Un bacino interessato dalle maree, in particolare quello in cui l'acqua può essere mantenuta al livello desiderato per mezzo di un cancello.

Grafico batimetrico. Una mappa topografica del fondale oceanico o del letto di un lago.

batimetria. La determinazione delle profondità oceaniche. La configurazione generale del fondale marino determinata dall'analisi del profilo dei dati di profondità.

Baia. (Cenerale) Una rientranza della costa; un argine; un'aggiunta subordinata a un corpo idrico più grande; uno specchio d'acqua tra e all'interno di due promontori (secondo la Convenzione di Ceneva). Una rientranza ben marcata la cui penetrazione è tale proporzionata alla larghezza della sua bocca da contenere acque senza sbocco sul mare e costituire più di una semplice curvatura della costa. L'area di tale rientranza deve essere grande quanto o più grande del semicerchio il cui diametro è una linea tracciata attraverso l'imboccatura della rientranza.

Delta della baia. I delta si sono formati alla foce dei torrenti che sfociano in baie o estuari. La loro avanzata verso le bocche della baia spesso estingue le lagune dietro le sbarre della baia o riempie completamente le baie aperte, semplificando così la costa. Quando il delta si forma alla testa della baia, è un delta della baia,

Bar di Baymouth. Una barra che si estende parzialmente o interamente attraverso la foce di una baia.

Bayou. Un corso d'acqua o estuario minore e lento, generalmente di marea o con una corrente lenta o impercettibile, e con il suo corso generalmente attraverso pianure o paludi, affluente o in collegamento con altri specchi d'acqua. Vari significati specifici sono stati implicati in diverse parti degli Stati Uniti meridionali. A volte chiamato xlough.

Spiaggia. La zona di materiale non consolidato che si estende verso terra dalla linea di bassa marea al luogo in cui si verifica un marcato cambiamento di forma materiale o fisiografica, o alla linea di vegetazione permanente (di solito il limite effettivo delle onde di tempesta). Una spiaggia comprende il litorale e il backshore. La spiaggia lungo il margine del mare può essere chiamata xeabeach,

Bermella sulla spiaggia. Una parte quasi orizzontale della spiaggia o backshore formata dal deposito di materiale dall'azione delle onde. Alcune spiagge non hanno banchine, altre ne hanno una o più.

Fronte spiaggia. Il tratto di spiaggia normalmente esposto all'azione della spinta ondosa. Il litorale di una spiaggia.

Faro. Un ausilio alla navigazione illuminato o non illuminato attaccato alla superficie terrestre. (Le luci e i fari diurni costituiscono entrambi "fari.")

Bussola a fascio. Uno strumento di disegno per disegnare cerchi di grande raggio. La punta e la penna, o punta della matita, sono unità separate, montate per scorrere e fissarsi su una lunga barra o "trave" in modo che la distanza tra loro sia uguale al raggio desiderato.

Cuscinetto. La direzione orizzontale di una linea di vista tra due oggetti sulla superficie terrestre.

Letto. Il terreno su cui poggia uno specchio d'acqua. Il termine è solitamente utilizzato con un modificatore per indicare il tipo di corpo idrico, come letto di fiume o fondo marino. Guarda anche: Parte inferiore.

Campana boa. Un galleggiante in acciaio sormontato da una breve torre scheletrica in cui la campana è fi <ed. Most bell buoys are sounded by the motion of the buoy in the sea. In a few buoys, the bells are struck by compressed gas or electrically operated hammers.

Panca. (1) Un piano di erosione piano o in leggera pendenza inclinato verso il mare. (2) Un'area quasi orizzontale all'incirca al livello della massima acqua alta sul lato del mare di una diga.

Berm. La porzione quasi orizzontale di una spiaggia o di un fondale che ha una caduta improvvisa e formata dalla deposizione di materiale dall'azione delle onde e segna il limite delle normali alte maree.

Ormeggio. Il luogo in cui si trova una nave quando è legata o ancorata. Un posto per mettere in sicurezza una nave.

Biforcazione. Una divisione di un canale in due rami, una biforcazione.

Boa di biforcazione. Boa che, vista da una nave in avvicinamento dal mare aperto, o nella stessa direzione della corrente principale di piena, o nella direzione stabilita dall'autorità competente, indica il punto in cui un canale si divide in due. Guarda anche: Boa di giunzione.

Ansa. Una curva o una curva; un'ansa in una costa che forma una baia di apertura; una piccola baia aperta formata da una rientranza nella costa; una caratteristica minore che offre poca protezione per le navi.

Curva di tinta blu. Una tinta blu è mostrata nelle aree d'acqua alla curva, che è considerata la curva di pericolo per le navi che dovrebbero utilizzare quella particolare carta.

Bluff. Un promontorio o promontorio audace e scosceso. Una sponda alta e ripida o una scogliera bassa.

Scogliere e scogliere. Una definizione rigorosa di un bluff o di un cliff, o una precisa distinzione tra i due, è difficile se non impossibile. Una caratteristica che è chiamata scogliera in un'area può essere chiamata bluff in un'altra. Tuttavia, la maggior parte dei riferimenti descrive una scogliera come una superficie quasi verticale composta da roccia. Altri promontori con superfici ripide, ma che non esibiscono sia la parete quasi verticale che la struttura rocciosa dovrebbero essere chiamati scogliere.

Porti e porti turistici. Aree d'acqua riparate, generalmente all'interno di porti o porti, riservate all'uso di piccole imbarcazioni, generalmente dotate di ormeggi, boe e, nel caso di porti turistici, di attracco.

Casa-barca. Un edificio presso o vicino a una riva per il rimessaggio di barche.

Palude. Una piccola palude aperta che cede sotto il piede.

Costa audace. Una massa di terra prominente che si erge ripida dal mare.

Dissuasore. Un palo (solitamente in acciaio o cemento armato) saldamente fissato su un molo, banchina, ecc., per l'ormeggio di navi mediante cime che si estendono dalla nave e fissate al palo.

Boom. Una barriera galleggiante di legno utilizzata per proteggere la foce di un fiume o di un porto o per creare un'area protetta a scopo di stoccaggio. Chiamato anche boom di tronchi,

Rottura del confine. Una tecnica cartografica utilizzata quando è necessario estendere i dettagli cartografici di una mappa o di una carta oltre la linea netta nel margine. Questa tecnica può eliminare la necessità di produrre un foglio aggiuntivo. Chiamato anche blix£ex,

Bordo del grafico. La linea netta che definisce i limiti dell'area tracciata.

Foro. Un rapidissimo innalzamento della marea in cui l'avanzata dell'acqua presenta un fronte brusco di notevole altezza. I fori si verificano generalmente negli estuari poco profondi dove l'intervallo di marea è ampio.

Parte inferiore. Il terreno sotto uno specchio d'acqua. I termini letto, floox e bo£om hanno quasi lo stesso significato, ma letto si riferisce più specificamente all'intera area scavata che sostiene uno specchio d'acqua, pavimento si riferisce alla superficie essenzialmente orizzontale che costituisce il livello principale del terreno sotto un corpo di acqua, e il fondo si riferisce a qualsiasi terreno ricoperto d'acqua.

Caratteristiche del fondo. Designazioni utilizzate nei rilievi e nelle carte nautiche per indicare la consistenza, il colore e la classificazione del fondale marino. Chiamato anche na£uxe o quali£y o chaxac£ex di £he bo££om,

Terra di fondo. Pianura formata da deposito alluvionale lungo un torrente o in un bacino lacustre; una pianura alluvionale.

Masso. Uno dei numerosi descrittori della “natura del fondale marino” utilizzati nella Tabella n. 1 Una pietra staccata arrotondata dall'acqua con un diametro superiore a 256 mm (cioè più grande della testa di una persona).

Linea di confine. Una linea che separa due aree. In casi specifici, la parola "confine" viene spesso omessa, come in linea di stato; oppure la parola "linea" è omessa, come in confine internazionale, confine di contea, ecc. Il termine linea di confine è usato per specificare i confini tra territori politici, come nelle linee di confine di stato tra due stati.

Meridiano di confine. Un meridiano che coincide con una parte della linea netta su un grafico.

Parallelo di delimitazione. Un parallelo che coincide con una parte della linea netta su un grafico.

Bowditch. Titolo popolare per la pubblicazione n. 9, Rmexican Pxac£ical Naviga£ox,

Ramo. Un torrente o ruscello, usato localmente negli stati meridionali. Utilizzato anche per designare una delle biforcazioni di un ruscello, come una biforcazione.

Interruttore. Un'onda che si infrange sulla riva, sopra una scogliera, ecc. Gli interruttori possono essere classificati approssimativamente in tre tipi, sebbene le categorie possano sovrapporsi: (1) gli interruttori che si rovesciano si rompono gradualmente su una distanza considerevole, (2) gli interruttori che si tuffano tendono a piegarsi e si rompono con uno schianto e (S) gli interruttori in aumento si alzano, ma poi invece di rovesciarsi o precipitare si sollevano sulla parete della spiaggia.

Frangiflutti. Un frangiflutti è un dispositivo che protegge un'area costiera, un porto, un ancoraggio o un bacino dalle onde. Un frangiflutti galleggiante è un espediente costituito da materiali galleggianti collegati da catene di ormeggio o cavi fissati ad ancore o blocchi di pietra in modo tale da formare una vasca all'interno della quale le navi possono essere protette dalla violenza delle onde. Un frangiflutti può essere attaccato o separato dalla riva. Guarda anche: Molo.

Ponte. Il termine "ponte" indica un ponte legale sulle acque navigabili degli Stati Uniti, inclusi accessi, parabordi e pertinenze ad esso, che sono utilizzati e gestiti allo scopo di trasportare il traffico ferroviario, o sia il traffico ferroviario che quello autostradale.

Ruscello. Un ruscello di lunghezza e volume inferiore a un torrente, utilizzato localmente nel nord-est. Certamente, uno dei rami più piccoli o ultime ramificazioni di un sistema di drenaggio.

Edifici. Gli edifici esistono in tutte le dimensioni e forme e mostrano vari gradi di rilievo. Quelli con un vero valore di riferimento sono discussi sotto Marchio LandJ. Molti altri, tuttavia, sono sufficientemente prominenti da aiutare il marinaio a orientarsi, specialmente nelle aree portuali. Si tratta di edifici come grandi magazzini, fabbriche, strutture di manutenzione, ecc., che aiuteranno il marinaio, ad esempio, a identificare un particolare ormeggio.

Area costruitaJup. Un'area in cui gli edifici sono così vicini tra loro che per chiarezza cartografica viene utilizzata una tinta o un tratteggio per indicare l'estensione dell'area. Gli edifici storici sono solitamente raffigurati all'interno dell'area. Le agenzie cartografiche di solito definiscono per scala l'entità della congestione richiesta prima che venga utilizzata la tinta o il tratteggio dell'area, nonché le dimensioni minime di tali aree o di aree libere all'interno di aree colorate o tratteggiate.

Carico alla rinfusa. Solitamente un carico omogeneo stivato alla rinfusa (cioè sfuso nella stiva e non racchiuso in alcun container come bo <es, bales, bags, etc.). Bulk cargos may be free-flowing articles (such as oil, grain, or ore) which can be pumped or run through a chute or handled by dumping, or articles that require mechanical handling (such as coke, bricks, or pig iron).

Paratia. Una struttura o partizione per trattenere o impedire lo scorrimento del terreno. Uno scopo secondario è proteggere l'altopiano dai danni causati dall'azione delle onde. Le paratie vengono spesso riempite dietro, aumentando così l'utilità dell'area adiacente.

Boa. Un oggetto galleggiante, diverso da una nave faro, ormeggiato o ancorato al fondo, e un aiuto alla navigazione.

Boa. Un sistema di boe. Uno in cui alle boe viene assegnata una distinzione di forma, colore e numero in base alla posizione relativa all'ostacolo più vicino è chiamato caxdinal xyx£em, uno in cui alle boe viene assegnata una distinzione di forma, colore e numero come mezzo per indicare navigabile acque si chiama la£exal xyx£em, Vedi anche: IALA MariJ time Buoyage System.

Butte. Una collina solitaria, soprattutto con pendii ripidi o scoscesi.

Cairn. Un cumulo di pietre grezze o cemento, in particolare uno che serve o destinato a fungere da punto di riferimento. Le pietre sono solitamente impilate a forma piramidale o ad alveare.

Cassone. Un cancello a tenuta stagna per una chiusa, un bacino, ecc. Una struttura in acciaio che galleggia o scivola in posizione per chiudere l'ingresso di un bacino di carenaggio, una chiusa o un bacino non di marea.

Lettere di chiamata. Lettere identificative, talvolta comprensive di numeri, assegnate dall'autorità competente a una stazione radiofonica. Negli Stati Uniti tale identificazione è assegnata dalla Fedexal ✓ommunica£ionx ✓ommixxion (FCC).

Canale. (1) Un corso d'acqua artificiale per la navigazione. (2) Canale naturale lungo, abbastanza rettilineo, con pendii ripidi. (S) Qualsiasi corso d'acqua o canale. (k) Un lento corso d'acqua costiero, utilizzato localmente sulla costa atlantica degli Stati Uniti.

Può boa. Boa non illuminata la cui parte superiore del corpo (sopra la linea di galleggiamento), o la maggior parte della sovrastruttura, ha la forma di un cilindro o quasi. Detta anche boa cilindrica,

Canyon. Sul fondo del mare, una depressione relativamente stretta e profonda con pareti ripide, il cui fondo ha generalmente una pendenza continua.

Capo. Un'area terrestre relativamente estesa che si protende verso il mare da un continente, o una grande isola, che segna in modo evidente un cambiamento o interrompe in particolare l'andamento costiero.

Capitano del Porto. L'ufficiale della US Coast Cuard, al comando di un comandante di distretto, così designato dal comandante allo scopo di dare indicazioni immediate alle attività delle forze dell'ordine della US Coast Cuard all'interno della sua area assegnata.

Punto cardinale. Una qualsiasi delle quattro direzioni principali; nord, est, sud o ovest. Le direzioni a metà strada tra i punti cardinali sono dette punti intercardinali.

Sistema cardinalizio. Un sistema di boe generalmente utilizzato per indicare i pericoli dove la costa è fiancheggiata da numerose isole, scogli e secche, nonché per indicare i pericoli in mare aperto. In questo sistema viene indicato il rilevamento (vero) del segno dal pericolo al punto cardinale più vicino.

Carse. Un basso e fertile fondo del fiume. (Origine scozzese.)

Cartografo. Uno che pratica la cartografia, in particolare un membro della professione che si occupa regolarmente di qualsiasi fase della valutazione, compilazione, progettazione o stesura di una mappa o di un grafico.

Caratteristica cartografica. Un termine applicato agli elementi naturali o culturali mostrati su una mappa o un grafico. Le tre categorie principali sono: "caratteristica punto", "caratteristica linea" e "caratteristica area".

Licenza cartografica. La libertà di modificare le informazioni sui manoscritti per migliorare la chiarezza del grafico o della mappa.

Cartografia. L'arte, la scienza e la tecnologia di creare carte o mappe, insieme al loro studio come documenti scientifici e opere d'arte. In questo contesto, si può ritenere che le mappe comprendano tutti i tipi di mappe, piante, carte e sezioni, modelli tridimensionali e globi che rappresentano la terra o qualsiasi corpo celeste a qualsiasi scala.

Cascata. Una caduta d'acqua su rocce in forte pendenza, di solito relativamente piccole o una di una serie.

Cataratta. Una cascata, solitamente più grande di una cascata, sopra un precipizio.

Passerella. Vedere: Ponte ForeJandJaft.

Strada rialzata. Una via rialzata, come per una strada, attraverso un terreno umido o sull'acqua. Una strada rialzata è una carreggiata sopraelevata di struttura solida costruita principalmente per fornire un percorso attraverso un terreno umido o un'area intertidale.

Caratteristica cautelativa. Di una luce, una caratteristica unica che può essere riconosciuta come conferente uno speciale significato cautelativo (ad esempio, una fase caratteristica lampeggiante veloce che indica una brusca svolta in un canale).

Caverna. Una grande grotta naturale sotterranea o una serie di grotte. Spesso, ma non sempre, era usato per indicare ampiezza o estensione indefinita per distinguere da "caverna".

Cay (anche kay, chiave). Un'isola bassa e piatta di sabbia, corallo, ecc., inondata o seccata in acque basse; un termine originariamente applicato agli isolotti corallini intorno alla costa e alle isole del Mar dei Caraibi.

Ceja. La scogliera a bordo di una mesa; una scarpata. Locale nel sud-ovest.

meridiano centrale. La linea di longitudine al centro di una mappa o di una proiezione cartografica. Certamente, la base per costruire la proiezione.

Profondità di controllo della linea centrale. La profondità di controllo di un corso d'acqua, che si applica solo al centro del corso d'acqua; è solitamente il risultato di un rilievo di tipo ricognitivo costituito da poche linee di sondaggi che non forniscono una copertura adeguata per determinare la profondità di controllo dell'intero corso d'acqua.

Cerrito (o cerrillo). Una piccola collina. (Locale nel sud-ovest.)

Cerro. collina, altopiano; cresta. (Locale nel sud-ovest.)

Catena. Un gruppo di stazioni associate a un sistema di radionavigazione. Una catena LORAN-C è composta da una stazione principale e due o più stazioni secondarie.

Gesso. Uno dei numerosi descrittori della “natura del fondale marino” utilizzati nella Carta n. 1 Chalk è un'arenaria terrosa tenera di origine marina, composta principalmente da minuscole conchiglie. È di colore bianco, grigio o marrone chiaro. Parte del fondale e delle coste oceaniche e composta da gesso, in particolare le "scogliere bianche di Dover", in Inghilterra. Il gesso mostra qualità di tenuta variabili, ma a volte scarse.

Canale. (1) Quella parte di uno specchio d'acqua sufficientemente profonda per la navigazione in un'area altrimenti non idonea. Di solito è contrassegnato da una singola o doppia linea di boe e talvolta da gamme. (2) La parte più profonda di un ruscello, baia o stretto, attraverso il quale scorre la corrente principale. (S) Un nome dato a certi grandi stretti, come la Manica. (k) Un letto cavo attraverso il quale scorre o può scorrere l'acqua.

(5) Una banda di frequenze radio all'interno della quale una stazione radio deve mantenere la sua frequenza portante modulata per evitare interferenze con le stazioni sui canali adiacenti. Chiamato anche canale di frequenza,

Canale, mare. Una depressione superficiale lunga, stretta, a forma di U o V del fondale marino, che di solito si verifica su una pianura o ventaglio leggermente in pendenza.

Caratteristica. (1) Il colore e la forma di un contrassegno o di una boa o il colore e il periodo di luce utilizzati per identificare l'aiuto. (2) Il segnale identificativo trasmesso da un radiobeacon.

Colore caratteristico. Di una luce, il colore identificativo univoco (ad esempio, nel sistema di boe statunitensi, le luci verdi sono utilizzate solo su boe nere o su boe nere e rosse a bande orizzontali con la fascia più alta nera).

Caratteristiche della luce. Tutte le particolarità di una luce, come colore, periodo, numero di gruppo, visibilità, altezza sul livello del mare e carattere. Chiamato anche ligh£ chaxac£exix£icx,

Fase caratteristica. Di una luce, la sequenza e la durata dei periodi di luce e oscurità mediante i quali viene identificata una luce di navigazione (cioè, se fi <ed, flashing, interrupted, quick flashing, etc.).

Agente grafico. Stabilimenti commerciali sotto contratto con NOAA e che ricevono sconti per la rivendita di carte nautiche e aeronautiche e relative pubblicazioni al pubblico ai prezzi al dettaglio stipulati da NOAA.

Grafico, batimetrico. Una mappa topografica del letto dell'oceano.

Dato grafico. Il dato a cui si riferiscono i sounding su una carta. Di solito è considerato corrispondere a un'altitudine di bassa marea.

Visibilità cartografica. La distanza estrema, mostrata in numeri su una carta, alla quale è possibile vedere una luce di navigazione. Questo può essere l'intervallo geografico quando è limitato dalla curvatura della terra e dall'altezza della luce e dell'osservatore o l'intervallo luminoso quando è limitato solo dall'intensità della luce, dalla limpidezza dell'atmosfera e dalla sensibilità degli occhi dell'osservatore.

Grafico, isogonico. Grafico che mostra la declinazione magnetica con linee isogoniche e il tasso di variazione annuale della declinazione con linee isoporiche.

Cartolina. Una riproduzione corretta di una piccola area di una carta nautica che viene incollata sulla carta per la quale è stata emessa. Questi grafici sono diffusi in No£ice £o Maxinexx quando le correzioni sono troppo numerose o di dettaglio tale da non essere praticabili in forma stampata. (Chiamato anche: block, block coxxec£ion, chax£ amendmen£ pa£ch,)

Grafico, Mercatore. Un grafico sulla proiezione di Mercatore. Questa è la carta comunemente usata per la navigazione marittima. Nel Grafico di Mercatore, una linea lossodromica è una linea retta.

Carta, nautica. Una carta specificamente progettata per soddisfare i requisiti della navigazione marittima, che mostra profondità dell'acqua, natura del fondale, elevazioni, configurazione e caratteristiche della costa, pericoli e aiuti alla navigazione. (Chiamato anche: maxine chax£, hydxogxaphic chax£, o semplicemente chax£,)

Scala del grafico. Il rapporto tra una distanza su una carta e la distanza corrispondente rappresentata, come 1:80.000 (scala naturale) o miglia S0 per pollice (scala numerica). Può essere chiamato map xcale quando applicato a qualsiasi mappa. Guarda anche: Frazione rappresentativa.

Datum grafico. Il dato di marea a cui si riferiscono i sondaggi e le altezze di essiccamento su una carta. Di solito si pensa che corrisponda a una fase di bassa marea. Spesso abbreviato in "datum grafico", soprattutto quando è chiaro che non si fa riferimento a un dato orizzontale.

abisso. Una profonda breccia nella superficie terrestre; un abisso; una gola; un profondo canyon.

Camino. Un'etichetta su una carta nautica che indica una struttura verticale relativamente piccola che sporge sopra un edificio per il convogliamento del fumo.

Cerchio, fantastico. Il cerchio formato dall'intersezione di una sfera con un piano che passa per il centro della sfera. La distanza più breve tra due punti qualsiasi di una sfera è lungo l'arco di un grande cerchio che collega i due punti.

Cerchio di visibilità. Quel cerchio che circonda un ausilio alla navigazione e in cui l'aiuto è visibile.

Argilla. Uno dei numerosi descrittori della “natura del fondale marino” utilizzati nella Carta n. 1. Vedi indice: Fango.

Liquidazione, ponte. Spazio minimo verticale o orizzontale disponibile per il passaggio.

Scogliera. Terreno che sorge bruscamente per una distanza considerevole al di sopra dell'acqua o del terreno circostante. Guarda anche: Bluff.

Chiuso. Un aiuto con equipaggio temporaneamente sospeso per la stagione invernale.

Linea di chiusura. La linea di demarcazione tra le acque interne e il mare marginale attraverso l'ingresso di una vera baia. Guarda anche: Mare marginale.

Costa. La parte di terreno vicino al mare. Con questo termine sono comprese le appendici naturali del territorio che affiorano dall'acqua, sebbene possano non essere di solidità sufficiente per essere abitate o fortificate. I banchi perennemente ricoperti d'acqua non sono inclusi nel termine "costa". Costa è il termine usato con riferimento alla terra, mentre “riva” è il termine usato con riferimento al mare.

Grafici costieri. Queste carte NOAA sono pubblicate su scale da 1:50.000 a 1:150.000 e sono destinate alla navigazione vicino alla costa all'interno di scogliere e secche periferici, all'ingresso o all'uscita di baie e porti di notevoli dimensioni e alla navigazione nelle più grandi vie navigabili interne.

Confluenza costiera sone. Un'area costiera degli Stati Uniti che ha un confine esterno di 50 miglia nautiche dalla costa o la curva di 100 braccia, a seconda di quale sia la più lontana, e un confine interno della costa o il confine esterno dell'ingresso del porto, a seconda di quale sia la più lontana.

Pianura costiera. Qualsiasi pianura che ha il suo margine sulla riva di un grande specchio d'acqua, in particolare il mare, e rappresenta generalmente una striscia di fondale emerso geologicamente recente.

Acque costiere. (1) Le acque statunitensi dei laghi Creat (Erie, Huron, Michigan, Ontario e Superior); (2) i mari territoriali degli Stati Uniti; e (S) quelle acque direttamente collegate ai laghi Creat e ai mari territoriali (vale a dire, baie, suoni, porti, fiumi, insenature, ecc.), in cui qualsiasi ingresso supera le 2 miglia nautiche tra le coste opposte fino al primo punto in cui il maggiore distanza tra le coste ridotta a 2 miglia come mostrato nell'edizione corrente della carta NOAA appropriata utilizzata per la navigazione.

Costeggiando. Procedendo approssimativamente parallelamente a una linea di costa (da promontorio a promontorio) in vista della terraferma, o sufficientemente spesso in vista della terraferma da potersi adattare alla posizione della nave mediante osservazioni delle caratteristiche del terreno.

Costa. In generale, dove la riva è a diretto contatto con il mare aperto, la linea sulla costa raggiunta dalle normali basse maree comprendeva la costa da cui si misura la distanza di tre miglia geografiche. La linea ha significato sia per il diritto interno che per quello internazionale (in cui è denominata “baseline”), ed è soggetta a precise definizioni. Problemi speciali sorgono quando esistono rocce, isole o altri corpi al largo e potrebbe essere necessario tracciare la linea verso il mare di tali corpi.

Navigazione costiera. Navigazione in prossimità di una costa, in contrasto con la navigazione d'altura a distanza da una costa. Guarda anche: Costeggiando.

Ciottolo. Uno dei numerosi descrittori della "natura del fondale" utilizzati nella Carta n. 1 Vedi indice: Pietre.

COLRKGS. Acronimo di In£exna£ional Aegula£ionx fox Pxeven£ing ✓ollixionx a£ Gea, Linee di demarcazione che delineano le acque sulle quali i naviganti devono attenersi al Regolamento internazionale per la prevenzione degli abbordi in mare, 1972 (72 COLRECS) e quelle acque su quali marinai devono rispettare le Regole di navigazione per porti, fiumi e acque interne (Regole interne). Le acque fuori linea sono acque COLRECS. Per i dettagli sulle linee di demarcazione COLRECS cfr.: U,G, ✓ode of Fedexal Aegula£ionx (CFR), Titolo SS, Navigazione e acque navigabili; Parte 82, Linee di demarcazione COLRECS.

Commissionato. Un aiuto precedentemente dichiarato chiuso o ritirato che è stato messo in funzione.

Corso bussola. (1) Rotta relativa al nord della bussola. (2) Direzione bussola. Direzione orizzontale espressa come distanza angolare dal nord della bussola.

Direzione della bussola. Direzione indicata dalla bussola senza alcuna tolleranza per l'errore della bussola. La direzione indicata da una bussola può differire notevolmente dalla direzione vera o magnetica.

Bussola, giroscopica. Una bussola costituita da un giroscopio sospeso in modo che il suo asse di rotazione punti a nord.

Bussola, magnetica. Un dispositivo che indica la direzione per mezzo di un magnete supportato nel suo punto medio in modo che il magnete si allinei con il campo magnetico locale. L'estremità del magnete, che punta nella direzione generale del nord, è contrassegnata.

Bussola nord. La direzione non corretta indicata dall'estremità dell'ago della bussola che cerca il nord. Guarda anche: Nord magnetico.

La rosa dei Venti. Un cerchio graduato in gradi, in senso orario da 0° nella direzione di riferimento a S60°. Le rose dei venti sono posizionate in posizioni convenienti sulla carta di Mercatore o sul foglio di tracciatura per facilitare la misurazione della direzione.

Compilazione. (1) La produzione di una mappa o mappa nuova o rivista, o parti di essa, da mappe esistenti, fotografie aeree, rilievi, nuovi dati e altre fonti. (2) La produzione di una carta o carta, o porzioni di essa, da fotografie aeree e dati di controllo geodetico, per mezzo di strumenti fotogrammetrici.

Carico containerizzato. Carico che viene trasportato in contenitori sigillati e appositamente costruiti. Nelle operazioni di container roll-on/roll-off, i rimorchi per camion, completi di telaio e ruote, vengono fatti salire e scendere da speciali tipi di navi o chiatte mediante rampe. Nelle operazioni di sollevamento/sgancio, i container vengono caricati e scaricati per mezzo di gru a bordo nave ad alta velocità o a terra.

Stati Uniti contigui. Comprende gli stati k8 degli Stati Uniti e il Distretto di Columbia; tutti gli stati esclusi Alaska e Hawaii. Hanno confini comuni e non sono separati da territorio straniero o dall'alto mare.

Terra di confine continentale. Una provincia adiacente a un continente, normalmente occupata o confinante con una piattaforma continentale, che è altamente irregolare con profondità ben superiori a quelle tipiche di una piattaforma continentale.

Margine continentale. La zona, generalmente costituita da piattaforma, pendio e rialzo, separa il continente dalla pianura abissale o dal fondo del mare profondo.

Ascesa continentale. Un dolce pendio che sale dalle profondità oceaniche verso i piedi di un pendio continentale.

Scaffale continentale. La parte sommersa di un continente, che degrada dolcemente verso il mare dalla linea di bassa marea fino a un punto in cui si verifica una sostanziale rottura di pendenza, a quel punto il fondo degrada verso il mare con un notevole aumento di pendenza fino a raggiungere le grandi profondità oceaniche. Il punto di rottura definisce il bordo della piattaforma e il fondo in pendenza più ripido il versante continentale. Convenzionalmente, il bordo è preso a 100 braccia (200 metri), ma sono noti casi in cui l'aumento della pendenza si verifica a più di 200 o meno di 65 braccia.

Contorno. Una linea che unisce punti di uguale distanza verticale sopra o sotto un datum. Tale linea su una mappa è un tipo di Isoline.

Linea di contorno. Una linea che collega punti di uguale elevazione o uguale profondità. Un punto di connessione di uguale profondità è solitamente chiamato curva di ampiezza o linea di ampiezza. Guarda anche: Linea modulo.

Controllo della profondità. (1) La profondità minima nell'avvicinamento o canale ad un'area, come un porto o un ancoraggio, che regola il pescaggio massimo delle navi che possono entrare. (2) La profondità minima entro i limiti di un canale; limita l'uso sicuro del canale a correnti d'aria inferiori a quella profondità. La linea centrale che controlla la profondità di un canale si applica solo alla linea centrale del canale; profondità minori possono esistere nel resto del canale. La profondità di controllo del canale intermedio di un canale è la profondità di controllo solo della metà centrale del canale. Guarda anche: Profondità del progetto FedJeral.

Carte nautiche convenzionali. Queste carte sono riproduzioni piatte e stampate pubblicate dalla NOAA di una parte della parte di navigazione della superficie terrestre. A seconda della loro scala, queste carte mostrano la natura e la forma della costa, la profondità dell'acqua, la configurazione generale e il carattere del fondale, i punti di riferimento importanti, le strutture portuali, i dettagli culturali, i canali dragati, gli aiuti alla navigazione, i pericoli marini, le variazioni magnetiche , e i confini verso il mare. I cambiamenti provocati dalle persone e dalla natura richiedono che le carte nautiche siano costantemente mantenute per favorire una navigazione sicura.

Coordinate. Grandezze lineari o angolari, che designano la posizione di un punto rispetto ad un dato sistema di riferimento.

Corallo. In senso stretto, il corallo è un organismo marino che vive sul fondo, che secerne uno scheletro esterno di carbonato di calcio e che spesso forma colonie grandi e irregolari con numerose teste e pinnacoli di corallo. In realtà, le formazioni coralline sono di solito un miglio <ture of coral and other marine organisms along with other debris and chemically precipitated rock. For shoreline mapping purposes, a rock or coral formation is a naturally occurring, consolidated rock, or coral mass, that differs conspicuously from adjacent objects and materials, and which is too large to be adequately represented on the shoreline map by a single rock (coral) symbol.

Testa di corallo. Un enorme fungo o una crescita di corallo a forma di pilastro.

Barriera corallina. Una scogliera composta da corallo, frammenti di corallo e altri organismi, e il calcare risultante dal loro consolidamento.

Correzione dei sounding. La regolazione dei sondaggi per qualsiasi deviazione dalla profondità reale a causa del metodo di sondaggio o di qualsiasi guasto nell'apparato di misura.

Coulée. Una valle dalle pareti ripide, simile a una trincea; un lavaggio, una gola o un arroyo attraverso il quale l'acqua scorre a intermittenza. (Stati Uniti occidentali.)

Corso. La direzione di marcia orizzontale prevista. Si misura da 0° nella direzione di riferimento in senso orario fino a S60°; strettamente per la navigazione marittima, il termine si applica alla direzione da governare, che a volte differisce dalla direzione destinata a essere corretta rispetto al suolo. La rotta è designata come vera, magnetica o bussola, poiché la direzione di riferimento è rispettivamente vera, magnetica o bussola nord.

Corso, consigliato. Una linea mostrata su una carta, che è stata appositamente esaminata per assicurarsi che sia esente da pericoli, e lungo la quale si consiglia di navigare le navi. Chiamato anche xecommended £xack,

Baia. Una piccola rientranza riparata in una costa, spesso all'interno di un argine più grande.

Copre e scopre (o scopre). Espressione intesa a indicare un'area di una scogliera o altra sporgenza dal fondo di uno specchio d'acqua, che periodicamente si estende al di sopra ed è sommersa al di sotto della superficie. Indicato anche come asciuga o scopre.

Balza. Una roccia ripida e aspra; una scogliera ruvida e rotta di un punto di roccia sporgente; anche un frammento staccato di roccia.

Cratere. La depressione a forma di ciotola attorno alla bocca di un vulcano o di un geyser; anche un buco formato dall'impatto di un meteorite, dalla detonazione di una mina o simili.

Torrente. (1) Un ruscello di volume minore di un fiume, ma più grande di un ruscello. (2) Un piccolo canale di marea attraverso una palude costiera. (S) Un ampio braccio di fiume o baia.

Cresta. La terra sommitale di qualsiasi eminenza; la più alta sporgenza naturale che corona una collina o una montagna, da cui la superficie scende verso il basso in direzioni opposte.

Crepaccio. Una profonda fessura, o fessura, specialmente in un ghiacciaio. Un'interruzione in un argine o in un altro terrapieno di ruscello.

Culla. Una struttura marina permanente, solitamente progettata per supportare o elevare condotte; in particolare una struttura che racchiude un dispositivo di schermatura all'estremità offshore di un tubo di aspirazione dell'acqua potabile. La struttura è comunemente un recinto di legno pesante che è stato affondato con rocce o altri detriti.

Cultura. Caratteristiche artificiali che sono sotto, sopra e fuori terra, che sono delineate su una carta o mappa. Queste caratteristiche includono strade, sentieri, edifici, canali, sistemi fognari e linee di confine. In senso lato, il termine si applica anche a tutti i nomi, altre identificazioni e legende su una carta o mappa.

Cupola. Un'etichetta su una carta nautica che indica una piccola torre o torretta a forma di cupola che sorge da un edificio.

Attuale. Generalmente, un movimento orizzontale dell'acqua. Le correnti possono essere classificate come di marea e non di marea.

Taglia Joff. Un nuovo, e relativamente breve, canale si è formato quando un ruscello taglia il collo di una o <bow or horseshoe bend. An artificial straightening or short cut in a channel.

Dalles. Le pareti quasi verticali di un canyon o di una gola, che di solito contengono una rapida. (Locale nel nord-ovest.)

Zona pericolosa. L'area specificata sopra, sotto o all'interno della quale può esistere un potenziale pericolo. Guarda anche: Zona vietata; Area riservata.

Linea di pericolo. (1) Una linea tracciata su una carta per indicare i limiti di navigazione sicura per una nave di pescaggio specifico. (2) Una linea utilizzata per richiamare l'attenzione del navigatore su un pericolo, che non risaltererebbe abbastanza chiaramente se fosse rappresentato sulla carta unicamente dai simboli specifici.

Pericolo che suona. Un sounding minimo scelto per una nave di pescaggio specifico in una determinata area per indicare il limite di navigazione sicura.

Carico pericoloso. Il termine "carico pericoloso" indica tutti gli esplosivi e altri materiali pericolosi o merci coperti dalle normative federali.

Roccia pericolosa. Una roccia incavata di una piccola area (pinnacolo), a una profondità tale da essere considerata pericolosa per la navigazione di superficie.

Relitto pericoloso. Un relitto sommerso a una profondità tale da essere considerato pericoloso per la navigazione in superficie.

Datum, geodetico. Un insieme di costanti che specificano il sistema di coordinate utilizzato per il controllo geodetico, cioè per calcolare le coordinate dei punti sulla terra.

Piano di Riferimento. Una superficie utilizzata come riferimento da cui si calcolano le altezze o le profondità. L'aereo è chiamato £idal da£um quando è definito da una fase della marea, ad esempio acqua alta o bassa.

Datum sounding. Il piano orizzontale o dato di marea a cui si riducono i sondaggi di un rilievo idrografico. Chiamato anche da£um fox xounding xeduc£ion,

Datum, marea. Una superficie con un'elevazione designata da cui si calcolano le altezze o le profondità, definite da una certa fase della marea.

Datum, verticale. Per le applicazioni marine, un'elevazione di base utilizzata come riferimento da cui calcolare le altezze o le profondità.

Faro diurno. Un fi non illuminato <ed structure which is equipped with a daymark for daytime identification.

Testa morta. Un tronco o tronco d'albero sommerso o appena inondato che galleggia liberamente ad atteggiamenti variabili in contrasto con il piano formato dalla superficie immobile (indisturbata) dell'acqua. A volte, un'estremità di un deadhead può attaccarsi al fondo con l'estremità opposta (non collegata) fluttuante.

resa dei conti. Il processo di determinazione della posizione di una nave in qualsiasi istante applicando all'ultima posizione ben determinata (punto di partenza o successivo) la rotta che è stata successivamente effettuata. La posizione così ottenuta è chiamata dead reckoning poxi£ion. Quando lo scopo principale del dead reckoning è quello di tracciare sulla carta un diagramma di riferimento per valutare la ragionevolezza del posizionamento con altri mezzi, il diagramma di dead reckoning viene solitamente costruito senza indennità per elementi di disturbo (come la corrente, il vento, le condizioni del mare, l'asperità del fondale della nave, ecc.), la rotta viene utilizzata per la direzione e la velocità ordinata utilizzata per la velocità di movimento lungo la linea di rotta.

Profondo. Un'area relativamente piccola di eccezionale profondità trovata in una depressione. Il termine è generalmente limitato a profondità superiori a S.000 braccia.

Percorso a pescaggio profondo. Una rotta selezionata principalmente per l'utilizzo da parte di navi che, a causa del loro profondo pescaggio, potrebbero non essere in grado di navigare in sicurezza al di fuori di tale rotta.

Percorso in acque profonde. Una rotta in un'area designata entro limiti definiti che è stata accuratamente rilevata per lo sgombero del fondale marino e degli ostacoli sommersi a una profondità dell'acqua minima indicata.

Agenzia di mappatura della difesa. La DMA (ribattezzata National Imagery and Mapping Agency nel 1995) è stata istituita come agenzia del Dipartimento della Difesa (DOD) il 1 gennaio 1972, in base alle disposizioni del National Security Act del 19k7, come modificato (61 Stat. k95; 50 USC k01). La missione del DMA è fornire supporto e servizi cartografici, cartografici e geodetici al Segretario della Difesa, ai capi di stato maggiore congiunti, ai dipartimenti militari e ad altri componenti del DOD attraverso la produzione e la distribuzione mondiale di mappe, carte, posizionamento preciso dati e dati digitali per operazioni militari strategiche e tattiche e sistemi d'arma.

Smagnetizzare. Neutralizzazione dell'intensità del campo magnetico di una nave, per mezzo di bobine elettriche opportunamente predisposte installate permanentemente nella nave. Guarda anche: Deperimento.

Gamma di smagnetizzazione. Un'area per la determinazione delle firme magnetiche di navi e altre imbarcazioni. Tali firme vengono utilizzate per determinare le impostazioni di corrente della bobina di smagnetizzazione richieste e altre azioni correttive richieste. Strumenti di rilevamento e cavi sono installati sul fondo del mare nella gamma e ci sono cavi che conducono dalla gamma a una postazione di controllo a terra. La gamma è solitamente contrassegnata da boe distintive.

Delta. Il basso terreno alluvionale, depositato in forma più o meno triangolare alla foce di un fiume, che è spesso tagliato da più distributori del corso principale.

Densità dei suoni. Intervalli tra linee di suono e suoni nella stessa linea. La densità dei sondaggi dipende principalmente dalla scala e dalla natura dell'indagine. Chiamato anche fxequency di xoundingx,

Deperimento. Il processo di modifica delle condizioni magnetiche di un recipiente avvolgendo un grande conduttore attorno ad esso un certo numero di volte su un piano verticale, di traverso, ed energizzando la bobina così formata. Se una singola bobina viene posizionata orizzontalmente attorno alla nave ed eccitata, il processo viene chiamato flaxhing se la bobina rimane ferma e pulitura se viene spostata su e giù. Guarda anche: Smagnetizzare.

Depressione. Un termine generale che indica qualsiasi area depressa o inferiore nel fondo dell'oceano; una cavità completamente circondata da un terreno rialzato e priva di sbocco naturale per il drenaggio superficiale.

Contorno di depressione. Un contorno chiuso che delimita un'area di elevazione inferiore rispetto al terreno circostante. I segni di spunta direzionali si estendono dal contorno in direzione discendente.

Profondità. La distanza verticale da un dato livello dell'acqua al fondo. La profondità tracciata è la distanza verticale dal dato di marea al fondo. La profondità minima nell'avvicinamento o canale a un'area, come un porto o un ancoraggio, che regola il pescaggio massimo delle navi che possono entrare è chiamata con£xolling dep£h,

Navigazione del profilo di profondità. Un metodo per determinare la posizione utilizzando i contorni di profondità sulla carta nautica. Consiste nell'adattare una serie di ecoscandagli osservati ai contorni di profondità registrando una serie di sondaggi e distanze log simultanee e tracciandoli su una striscia di carta trasparente alla scala della carta. La linea di sondaggi viene adattata ai contorni di profondità spostandola in modo che rimanga parallela alla vera rotta governata.

Profondità, controllo. La profondità minima nell'avvicinamento o canale a un'area, come un porto di ancoraggio, che regola il pescaggio massimo delle navi che possono entrare.

Curva di profondità. Una curva di profondità è una linea che collega punti di uguale profondità dell'acqua che a volte è significativamente spostata al di fuori di scandagli, simboli e altri dettagli della carta per chiarezza e generalizzazione. Le curve di profondità quindi rappresentano spesso una posizione approssimativa della linea di uguale profondità rispetto alla linea rilevata delineata sulla sorgente.

Cercatore di profondità. Uno strumento per la misura della profondità dell'acqua, in particolare un ecoscandaglio.

Relitto. Qualsiasi bene abbandonato in mare, spesso di dimensioni tali da costituire una minaccia per la navigazione; soprattutto una nave abbandonata. Guarda anche:

Relitto.

Deviazione. L'angolo tra il meridiano magnetico e l'asse di una bussola, espresso in gradi est o ovest per indicare la direzione in cui l'estremità settentrionale della bussola è spostata dal nord magnetico. La deviazione è causata da influenze magnetiche di disturbo nelle immediate vicinanze della bussola, come all'interno dell'imbarcazione.

Tabella delle deviazioni. Una tabella della deviazione di una bussola magnetica su varie direzioni, magnetica o bussola.

Diafono. Emettitore di segnale acustico funzionante secondo il principio del rilascio periodico di aria compressa comandato dal moto alternativo di un pistone azionato da aria compressa. Il diafono di solito omette un suono potente di tono basso che spesso si conclude con un breve suono di tono più basso chiamato gxun£. Il segnale emesso da un diafono bicolore è costituito da due toni di tono diverso, nel qual caso il secondo tono è di tono più basso.

Avvisatore acustico a diaframma. Emettitore di segnali sonori comprendente una tromba risonante eccitata alla sua gola da emissioni impulsive di aria compressa regolate da un diaframma elastico. Le unità a tromba duplex o triplex di altezza diversa producono un segnale acustico. Chiamato anche compxexxed aix hoxn,

Diga. Un banco di terra o pietra utilizzato per formare una barriera, scambiato frequentemente e in modo confuso Argine, definizione 1. Una diga trattiene l'acqua all'interno di un'area normalmente allagata.

Luce direzionale. Luce che illumina un settore o un angolo molto stretto e destinata a segnare una direzione da seguire.

Scarico. Include, ma non è limitato a, qualsiasi fuoriuscita, perdita, versamento, pompaggio, emissione, svuotamento o scarico.

Acqua scolorita. Aree marine colorate innaturali a causa dell'esistenza di secche. L'acqua di mare ha un colore diverso dai blu e dai verdi normalmente visti. Sono state segnalate variazioni dei colori rosso, giallo, verde e marrone, nonché bianco e nero. Le discromie possono comparire in macchie, striature o aree estese e possono essere causate da concentrazioni di particelle inorganiche o organiche o plancton.

Interrotto. Togliere dall'esercizio (in modo permanente o temporaneo) un ausilio precedentemente autorizzato.

Incongruenza. Il mancato mantenimento della posizione o della funzione di un aiuto come prescritto nella Ligh£ Lix£,

Boa di discrepanza. Una boa facilmente trasportabile utilizzata per sostituire temporaneamente un ausilio alla navigazione non adeguatamente vigile.

Comandante Distrettuale. L'ufficiale della US Coast Cuard designato dal comandante per comandare un distretto della US Coast Cuard.

Diurno. Avere un ciclo o ciclo di circa un giorno di marea. Pertanto, si dice che la marea sia diurna quando si verificano solo un'acqua alta e un'acqua bassa durante un giorno di marea, e si dice che la corrente di marea sia diurna quando c'è una singola alluvione e un singolo periodo di riflusso nel giorno di marea. Una corrente rotatoria è diurna se cambia direzione attraverso tutti i punti cardinali una volta ogni giorno di marea.

Dividere. La linea di separazione tra i sistemi di drenaggio; il vertice di un interfluve. La vetta più alta o un passo o un divario.

Dock. (1) Lo scivolo o corso d'acqua tra due moli, o tagliato nel terreno per l'attracco delle navi. Un molo è talvolta erroneamente chiamato molo, chiamato anche xlip, Vedi anche: Molo; Approdo; Banchina; Molo. (2) Un bacino o un recinto per la ricezione delle navi e dotato di mezzi per controllare il livello dell'acqua. Una darsena è quella in cui l'acqua può essere mantenuta a vari livelli chiudendo un cancello quando l'acqua è al livello desiderato. Un bacino di carenaggio è un bacino che fornisce supporto per una nave e mezzi per rimuovere l'acqua in modo che il fondo della nave o di altre imbarcazioni possa essere esposto. Un bacino di carenaggio costituito da un bacino artificiale è detto bacino di scavo; quello costituito da una struttura galleggiante è detto bacino galleggiante, (S) Usato al plurale, termine usato per descrivere l'area delle banchine, banchine, bacini, banchine, ecc.

Dock, galleggiante. Una forma di bacino di carenaggio costituito da una struttura galleggiante di una o più sezioni che può essere parzialmente sommersa da un allagamento controllato per ricevere una nave, quindi sollevata pompando l'acqua in modo che il fondo della nave possa essere esposto.

Davanzale. La fondazione in fondo all'ingresso di un bacino di carenaggio o serratura contro la quale si chiudono il cassone o i cancelli. La profondità dell'acqua che controlla l'uso della banchina o della chiusa è misurata dal davanzale alla superficie.

Dock, bagnato. Un bacino in cui l'acqua può essere mantenuta a qualsiasi livello chiudendo un cancello quando l'acqua è al livello desiderato.

Zampa di cane. Un tratto che non porta direttamente alla destinazione o al punto di passaggio. Si segue per attenersi alle procedure stabilite, evitare possibili pericoli o maltempo, ritardo all'arrivo, ecc.

Delfino. Posto di ormeggio o buffer posto all'ingresso di una darsena, lungo un molo o in mezzo a un ruscello. Nel primo e nel secondo caso viene utilizzato come buffer. Nella terza è utilizzato come ormeggio dalle navi che scaricano i loro carichi senza costeggiare banchine o pontili. Ogni delfino è generalmente composto da una serie di pesanti pile contigue tra loro. Sono disposti in cerchio, riuniti e ricoperti sopra.

Cupola. Un'etichetta su una carta nautica che indica una grande struttura semisferica arrotondata che sorge da un edificio o da un tetto della stessa forma. Un esempio lampante è quello del Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, DC. Anche una cima di una montagna rocciosa e arrotondata, che assomiglia grosso modo alla cupola o alla cupola di un edificio.

Suono dubbioso. Di incerta profondità. L'espressione, come abbreviata, è usata principalmente sulle carte per indicare una posizione in cui la profondità può essere inferiore a quella indicata, posizione non essendo in dubbio.

Tiraggio (o tiraggio). La distanza verticale, in qualsiasi sezione di una nave dalla superficie dell'acqua al fondo della chiglia. Quando misurato in corrispondenza o vicino allo stelo, è indicato come dxaf£ foxwaxd e quando misurato in corrispondenza o vicino alla poppa come dxaf£ af£. Questi pescaggi sono più specificatamente descritti come pescaggi dislocanti in contrapposizione ai pescaggi di navigazione che sono misurati al minimo appendice allo scafo in contrapposizione alla chiglia.

Lagna. Trainare una linea o un oggetto sotto la superficie, determinare la profondità minima in un'area o assicurare che una determinata area sia esente da pericoli per la navigazione fino a una certa profondità. Trascina e trascina hanno quasi gli stessi significati. Il trascinamento si riferisce in particolare alla posizione degli ostacoli o alla determinazione che gli ostacoli non esistono. Lo spazzamento può includere, inoltre, la rimozione di eventuali ostruzioni localizzate. Guarda anche: Spazzare.

Drenare. Un canale; una trincea; un corso d'acqua, soprattutto stretto.

Ponte levatoio. Un ponte che può essere alzato, abbassato o tirato da parte.

Disegno. Un'impressione dopo la stampa di una carta nautica del suo dettaglio nero o magenta su plastica trasparente con finitura opaca, utilizzata nella revisione delle successive stampe della carta.

Dragato Materiale. Il termine "materiale di dragaggio" indica qualsiasi materiale scavato o dragato dalle acque navigabili degli Stati Uniti.

Bacino di carenaggio. Un bacino chiuso in cui viene portata una nave per la pulizia e la riparazione subacquea. È dotato di cancelli d'ingresso stagni, che una volta chiusi consentono di pompare a secco la banchina. Nei moderni bacini di carenaggio i cancelli che si aprono al centro e incernierati ai lati sono stati sostituiti da un cassone o pontone che si inserisce strettamente nell'ingresso. Il cassone è allagato e affondato in posizione e può essere pompato fuori, galleggiato e deformato lontano dall'ingresso del molo per consentire il passaggio delle navi. Chiamato anche Bacino funerario.

Porto asciutto. UN piccolo porto che si asciuga a bassa marea o ha una profondità insufficiente per mantenere a galla le navi durante tutti gli stati della marea. Le navi che lo utilizzano devono essere preparate a toccare terra con la marea in caduta.

Altezze di asciugatura. Altezze sopra il dato cartografico di quei tratti che sono periodicamente coperti ed esposti dall'innalzamento e diminuzione della marea.

Lavaggio a secco. Un lavaggio, arroyo o coulee nel cui letto non c'è acqua, se non a intervalli rari e per brevi periodi.

Anatra cieca. Ai fini della cartografia NOAA, una tenda per anatre è una struttura non galleggiante, utilizzata per nascondere i cacciatori di uccelli acquatici, solitamente costituita da una struttura di legno ricoperta di cespugli.

Discarica. Sebbene mostrati sulle carte nautiche come discariche nelle acque statunitensi, i regolamenti federali per queste aree sono stati revocati e il loro uso per lo scarico è stato interrotto. Queste aree continueranno ad essere indicate sulle carte nautiche fino a quando non saranno più considerate un pericolo per la navigazione. Guarda anche: Discarica, Zona di degrado.

Discarica. Un'area stabilita da regolamento federale in cui è consentito lo scarico di materiale dragato e di riempimento e altri oggetti non galleggianti con rilascio di un'autorizzazione. Le discariche sono mostrate sulle carte nautiche. Guarda anche: Discarica, Zona di degrado.

Duna. Una collina o un crinale formato dal vento da sabbia o altro materiale granulare.

Kbb. Corrente di marea che si allontana dalla terraferma o scende lungo un flusso di marea. È il contrario Alluvione. Talvolta i termini “riflusso” e “alluvione” sono usati anche con riferimento al movimento di marea verticale, ma per questo movimento verticale si considerano preferibili le espressioni marea calante e marea crescente.

Kbb corrente. La corrente di marea associata alla diminuzione dell'altezza di una marea. Le correnti di riflusso generalmente si spostano verso il mare.

Marea di Kbb. La parte del ciclo di marea tra l'acqua alta e la successiva bassa marea. Chiamato anche £ide cadente,

Ecoscandaglio Kcho. Strumento per determinare la profondità dell'acqua misurando l'intervallo di tempo tra l'emissione di un segnale sonoro o ultrasonico e il ritorno della sua eco dal fondo. Anche

chiamato echo xounding inx£xumen£ (o appaxa£ux), xonic dep£h findex, o ul£xaxonic dep£h findex, a seconda dei casi. Guarda anche: Suona Kcho.

Suona Kcho. Un metodo per misurare la profondità dell'acqua determinando il tempo necessario alle onde sonore per viaggiare, a una velocità nota, dalla nave di rilevamento al fondo e tornare.

Kclipse. Una fase della caratteristica di una luce lampeggiante durante la quale la luce non viene esibita.

Kddy. Una corrente d'acqua che scorre contraria alla corrente principale o che si muove in modo circolare; un vortice.

Aiuto elettronico alla navigazione. Un aiuto alla navigazione tramite apparecchiature elettroniche. Se le informazioni di navigazione sono trasmesse da onde radio, il dispositivo può essere chiamato xadio aid £o naviga£ion,

Navigazione elettronica. Navigazione per mezzo di apparecchiature elettroniche. L'espressione navigazione elettronica è più inclusiva della radionavigazione, poiché include la navigazione che coinvolge qualsiasi dispositivo o strumento elettronico.

Klevazioni. Altezze di oggetti naturali e artificiali al di sopra di un piano di riferimento adottato. Sulle carte nautiche NOAA, le elevazioni di rocce nude, ponti, punti di riferimento e luci sono riferite al piano dell'acqua alta media; le elevazioni del profilo e della sommità sono riferite al livello medio del mare, se la fonte di tali informazioni è riferita a questo piano.

argine Km. Un deposito artificiale di materiale che viene sollevato sopra la superficie naturale del terreno e utilizzato per contenere, deviare o immagazzinare l'acqua; strade di appoggio o ferrovie; o per altri scopi simili.

Kmbayment. Qualsiasi rientranza di una costa indipendentemente dalla larghezza all'ingresso o dalla profondità di penetrazione nel terreno.

Serratura di Kntrance. Una chiusa tra il canale di marea e un bacino chiuso quando i loro livelli d'acqua variano. Per mezzo della chiusa, che ha due serie di porte, le navi possono passare in entrambe le direzioni in tutti gli stati della marea. Chiamato anche Blocco della marea. Guarda anche: Bacino non mareale.

Kscarpment. Una linea estesa di scogliere o scogliere; una parete rocciosa alta e ripida; un pendio allungato e relativamente ripido del fondale marino, che separa aree pianeggianti o leggermente in pendenza.

Kstablish. Mettere in funzione per la prima volta un ausilio autorizzato.

Direzione stabile del flusso di traffico. Un modello di flusso di traffico che indica il movimento direzionale del traffico come stabilito all'interno di uno schema di separazione del traffico.

Kstuary. Un argine della costa in cui l'acqua dolce del fiume entra alla sua testa mi <es with the relatively saline ocean water. When tidal action is the dominant mi<ing agent it is usually termed a ”tidal estuary.” Also, the lower reaches and mouth of a river emptying directly into the sea where tidal mi<ing takes place. The later is sometimes called a xivex ex£uaxy.

Kverglade. Un tratto di terreno paludoso ricoperto per lo più di erba alta; una palude o un tratto di pianura inondato. (Locale del sud.)

Kxclusive Kconomic Zone. La Zona Economica Esclusiva degli Stati Uniti è una zona contigua al mare territoriale, comprese le zone contigue al mare territoriale degli Stati Uniti, il Commonwealth di Porto Rico, il Commonwealth delle Isole Marianne Settentrionali (nella misura coerente con il Patto e l'accordo di amministrazione fiduciaria degli Stati Uniti) e territori e possedimenti d'oltremare degli Stati Uniti. La Zona Economica Esclusiva si estende per una distanza di 200 miglia nautiche dalla linea di base da cui si misura l'ampiezza del mare territoriale.

Area Kxercise. Un'area mostrata sulle mappe all'interno della quale vengono eseguite esercitazioni navali, militari o aeree. Chiamato anche mili£axy pxac£ice ascia.

Spento. Un ausilio luminoso che non ha mostrato un segnale luminoso.

Kxtrusion (interruzione del confine). L'estensione del dettaglio del grafico al di fuori della linea ordinata.

Fairway. Quella parte di fiume, porto, ecc., dove si trova il principale canale navigabile per navi di maggiori dimensioni. La rotta abituale seguita dalle navi che entrano o escono dal porto. Chiamato anche canale xhip, la parola "fairway" è stata generalmente interpretata per includere qualsiasi acqua navigabile su cui si muovono abitualmente le navi mercantili e, quindi, abbraccia l'acqua all'interno delle boe del canale dove navigano frequentemente le navi a pescaggio leggero e non solo il canale della nave si.

Boa da fairway. Una boa che segna il fairway in un canale. Sono dipinti a strisce verticali bianche e nere o rosse e bianche. Chiamato anche midJchanJ nel buoy.

Autunno (cade). Una cascata, una cascata o una cataratta; il flusso o la discesa di un corpo idrico in un altro. (Di solito plurale.)

Fan. Un accumulo di materiale a forma di cono leggermente inclinato normalmente situato all'imboccatura di un canyon.

Terra veloce. Atterrare sulla costa del bordo interno di una palude; di solito in corrispondenza o al di sopra del piano dell'acqua alta media.

Litorale veloce. Il termine "litorale veloce" si riferisce alla linea che appare su una mappa del litorale che separa l'acqua dagli altipiani veloci e naturali. Questa linea non deve essere confusa con i limiti posteriori approssimativi della vegetazione palustre o marina che è normalmente compilata verso la costa da una linea di costa apparente e al posto della linea di costa veloce.

Indaga. L'unità di profondità comune nell'oceano per i paesi che utilizzano il sistema di unità inglese, pari a 6 piedi (1,8S metri). A volte è anche usato per esprimere distanze orizzontali, nel qual caso 120 braccia formano un cavo o quasi 1/10 di miglio nautico.

Colpa. In geologia, rottura o taglio nella crosta terrestre con uno spostamento osservabile tra i due lati della rottura e parallela al piano della rottura.

Profondità del progetto federale. La profondità di dragaggio di progetto di un canale costruito dal Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti; la profondità del progetto può essere o meno l'obiettivo del dragaggio di manutenzione dopo il completamento del canale. Per questo motivo la profondità del progetto federale non deve essere confusa con Controllo della profondità.

Traghetto. Una nave in cui passeggeri, veicoli e merci vengono trasportati su acque strette.

Materiale di riempimento. Il termine "materiale di riempimento" indica qualsiasi materiale utilizzato allo scopo principale di sostituire un'area acquatica con terraferma o di modificare l'elevazione del fondo di qualsiasi corpo idrico. Il termine non comprende alcun inquinante scaricato nell'acqua principalmente per lo smaltimento dei rifiuti.

Filtraggio. Questo è il processo di selezione di dati specifici all'interno di un documento di origine specifico per l'applicazione dei grafici.

Moli di dita. Piccoli moli che si estendono da un molo principale più grande.

Fiordo (o fiordo). Un lungo e stretto braccio di mare, che corre tra alte sponde o scogliere, come sulla costa della Norvegia. Spesso ha un davanzale relativamente poco profondo attraverso il suo ingresso.

Dispositivi di aggregazione dei pesci (FAD). Grappoli di sfere cave sommerse erano legate a una boa di superficie sferica di 5 piedi di diametro e cablate a pesanti blocchi di cemento sul fondo del mare per tenerle in sospensione. I FAD sono schierati in profondità da k80 a 9.000 piedi ea distanze da 2 a 15 miglia al largo. Sono utilizzati principalmente nelle acque al largo delle isole hawaiane e per attirare pesci per pescatori commerciali e ricreativi.

Paradisi dei pesci. Aree stabilite da interessi privati, in genere pescatori sportivi, per simulare scogliere naturali e relitti che attirano pesci. Le barriere coralline sono costruite scaricando spazzatura assortita in aree che possono essere di estensione molto piccola o possono estendersi per una distanza considerevole lungo un contorno di profondità. I paradisi dei pesci sono delineati ed etichettati sui grafici. Chiamato anche fixhexy xeefx,

Zona di pesca. Zona acquatica in cui si pratica frequentemente la pesca. Chiamato anche fixh axea o Sonno da pesca.

Sonno da pesca. La zona offshore in cui i diritti di pesca e la gestione esclusivi sono detenuti dalla nazione costiera. La zona di pesca degli Stati Uniti, nota come Fixhexy ✓onxexva£ion Xone, è definito in PL 9k-265. La legge afferma: "Il confine interno della zona di conservazione della pesca è una linea contigua al confine verso il mare di ciascuno degli stati costieri e il confine esterno di tale zona è una linea tracciata in modo tale che ogni punto su di essa sia 200- miglia nautiche dalla linea di base da cui si misura il mare territoriale”.

Sterlina di pesce. Un fi <ed fish trap of the barrier type. Also called weix, It generally consists of a stone wall built across the mouth of a creek and of such height that it can be covered only at high spring tide. At one point there is an opening which can be closed, thus retaining any fish that made their way into the creek on flood tide. When the opening is closed, the water can pass through a grating in the door and when the creek is dry the fish are collected.

Pali di pesce (o pesca). Pali o paletti posti in acque poco profonde per delimitare zone di pesca o per catturare pesci.

Zone delle tonnare. Aree stabilite dal Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti in cui possono essere costruite e mantenute trappole secondo le normative stabilite. I pali di pesce che possono esistere in queste aree sono ostacoli alla navigazione e possono essere pericolosi. I limiti delle zone di trappola per pesci e una nota di avvertimento sono solitamente tracciati.

Aggiustare. Una posizione determinata senza riferimento a nessuna posizione precedente. Concettualmente, un fi< è l'intersezione comune di due o più linee di posizione ottenute da osservazioni simultanee non dipendenti da alcuna posizione precedente. Nella pratica normale, un fi< è la posizione più probabile derivata da due o più linee di posizione intersecanti ottenute da osservazioni fatte quasi contemporaneamente e avanzate o ritirate a un tempo comune, le linee quando si numerano tre o più non si intersecano in un tempo punto comune a causa degli errori associati a ciascuna riga.

Ponte fisso. Un ponte a campata singola o multipla senza campata mobile. Ha fi <ed vertical and horizontal clearance.

Pennone. Un'etichetta su una carta nautica che indica un unico rigo da cui vengono visualizzate le bandiere. Il termine è usato quando il palo non è attaccato a un edificio. L'etichetta flagx£aff è usata per un pennone che sale da un edificio.

Torre di bandiera. Un'etichetta su una carta nautica che indica una torre simile a un'impalcatura da cui vengono esposte le bandiere.

Lampeggiante. Una luce in cui la durata totale della luce in un periodo è inferiore alla durata totale dell'oscurità e le apparenze della luce (lampi) hanno solitamente la stessa durata. Il termine è comunemente usato per una luce lampeggiante singola, una luce lampeggiante in cui un lampo viene ripetuto regolarmente (a una velocità inferiore a 50 lampi al minuto).

Tubo flash. Una lampada a scarica, azionata con apparecchiature elettroniche, che fornisce un'elevata resa luminosa per un brevissimo periodo, capace di ripetizioni.

Appartamento. Un tratto pianeggiante che giace a una piccola profondità al di sotto della superficie dell'acqua, o alternativamente coperto e lasciato nudo dalla marea ("piana marea", "piana fangosa").

Galleggiante. Un galleggiante è una struttura galleggiante, solitamente di forma rettangolare, che generalmente funge da approdo o da molo.

Aiuto galleggiante. Una boa, assicurata nella posizione assegnata da un ormeggio.

Frangiflutti galleggiante. Un frangiflutti costituito da una serie di tronchi o legni incatenati o ancorati tra loro e fissati da catene o cavi fissati ad ancore o grossi blocchi di pietra, in modo da formare una vasca protetta per l'ormeggio o l'ancoraggio di imbarcazioni.

Bacino galleggiante. Una forma di bacino di carenaggio costituito da una struttura galleggiante di una o più sezioni, che può essere in parte sommersa da un allagamento controllato per accogliere una nave, quindi sollevata pompando l'acqua in modo che il fondo della nave possa essere esposto. Guarda anche: Bacino funerario.

Alluvione. Corrente di marea in movimento verso terra o su un flusso di marea. È il contrario Kbb.

Corrente di inondazione. Il movimento di una corrente di marea verso la riva o su un fiume o un estuario di marea.

paratoia. Un cancello per chiudere, ammettere o rilasciare uno specchio d'acqua; una chiusa.

Pianura alluvionale. Fascia di terreno pianeggiante confinante con un canale di ruscello che viene allagata quando il deflusso supera la capacità del canale di ruscello.

Pavimento. Il letto o il fondo dell'oceano. Un fondovalle relativamente pianeggiante; qualsiasi superficie del terreno pianeggiante.

Rilevatore di nebbia. Un dispositivo utilizzato per determinare automaticamente le condizioni di visibilità che giustificano l'accensione o lo spegnimento di un segnale acustico o di segnali luminosi aggiuntivi.

Segnale di nebbia. Termine cenerico per segnali sonori e wireless utilizzati a bordo della nave e sulle stazioni a terra in caso di nebbia, foschia, neve che cade o forti temporali.

Grafici a foglio. Questi grafici NOAA sono costituiti da due o quattro fogli, sono stampati fronte e retro, piegati e rilegati in una custodia protettiva in cartone.

Piede. (1) Il fondo di un pendio, pendenza o pendenza. Un termine per la parte inferiore di qualsiasi forma di terra elevata.

(2) Un'unità di lunghezza definita 1/S di iarda e uguale negli Stati Uniti, dal 1866, esattamente a 1200/S9S7 di metro.

Pedemontana. Una delle colline sussidiarie inferiori ai piedi di una montagna, o di colline più alte. (Comunemente usato al plurale.)

Ponte di prua e di poppa. Una serie di passerelle di collegamento tra i ponti di prua e di poppa o tra una plancia e un ponte di prua o un ponte di poppa. Si trova comunemente sulle petroliere, dove una tale installazione è desiderabile a causa delle condizioni scivolose del ponte superiore. A volte chiamato monkey bxidge, chiamato anche connec£ing bxidge, flying bxidge, ca£walk,

Avamposto. Un promontorio o un promontorio.

Litorale. Nella terminologia giuridica, la striscia di terra tra l'alta e la bassa segna che è alternativamente coperta e scoperta dal flusso della marea. Nei lavori di ingegneria costiera, è definita come la parte della costa che si trova tra la cresta della banchina e la normale linea di bassa marea, che è normalmente attraversata dall'afflusso e dal ritorno delle onde quando la marea sale e scende; la battigia si estenderebbe quindi più in profondità rispetto alla riva. Guarda anche: Costa.

Foreshore (secondo Coastal Kngineering.) Quella parte della costa compresa tra la cresta della banchina verso il mare (o il limite superiore dell'ondata durante l'alta marea) e la normale boa di bassa marea. Guarda anche: Foreshore (secondo la legge rivierasca).

Foreshore (secondo la legge rivierasca). La striscia di terra tra l'acqua alta e quella bassa segna alternativamente coperta e scoperta dal flusso della marea. Guarda anche: Litorale (secondo a ingegneria costiera).

Forchetta. Una delle principali biforcazioni di un ruscello; un ramo.

Linea modulo. Linee spezzate che assomigliano alle curve di livello ma che non rappresentano prospetti reali, che sono stati abbozzati dall'osservazione visiva o da fonti cartografiche inadeguate o inaffidabili, per mostrare collettivamente la forma del terreno piuttosto che l'elevazione.

Zona fallo. Un'area di numerosi pericoli inesplorati per la navigazione. L'area tracciata serve come avvertimento al marinaio che tutti i pericoli non sono tracciati individualmente e che la navigazione attraverso l'area potrebbe essere pericolosa. Il termine "fallo" non è applicato a un continuum morbido con confini indefiniti, come fango o sabbia; ad aree congestionate da vegetazione marina, come alghe o erba nell'acqua; o a materiali che non possono causare danni a una nave.

Fondo falloso. Un fondale duro, irregolare, roccioso o ostruito con scarse qualità di tenuta per le ancore, o uno con rocce o relitti che metterebbero in pericolo una nave ancorata.

Terreno sporco. Un'area inadatta per l'ancoraggio, la presa a terra o la pesca a terra a causa della presenza di rocce, massi, coralli o ostacoli.

Scala frazionaria. La scala espressa come frazione (denominata "frazione rappresentativa" o "RF" del grafico o della mappa) in cui il numeratore è l'unità e il denominatore è il numero per cui deve essere moltiplicata l'unità di distanza per ottenere la sua distanza su il terreno nelle stesse unità, quindi 1/12.000. Utilizzato anche nella forma 1:12.000 e 1-12.000. A volte indicato come scala naturale. Guarda anche: Scala.

Frattura sone. Una zona di topografia insolitamente irregolare del fondale marino con una larghezza media di 60 miglia nautiche e una lunghezza normalmente superiore a 1.000 miglia nautiche. Questa zona è caratterizzata da grandi montagne sottomarine, creste, depressioni o scarpate ripide o non simmetriche.

Scogliera frangiata. Una scogliera strettamente attaccata a una riva, in contrasto con una barriera corallina, che è separata dalla riva da una laguna.

Spacco. Una profonda tacca, burrone o apertura tra colline o in un crinale o catena montuosa; una depressione dai lati ripidi che taglia trasversalmente una cresta o un'altura.

Grafici generali. Queste carte NOAA della costa sono pubblicate su scale da 1:150.000 a 1:600.000 e sono destinate alla navigazione costiera quando una rotta è ben al largo ma può essere fi <ed by landmarks, lights, buoys, and characteristic soundings.

Generalizzazione. Selezione e rappresentazione semplificata di dettagli adeguati alla scala e/o allo scopo di una mappa.

Generalizzazione del dettaglio. Un termine usato per indicare che le informazioni meno essenziali non sono mostrate su un grafico. Lo scopo della generalizzazione è principalmente quello di evitare l'eccessivo affollamento di grafici in cui lo spazio è molto limitato. Serve anche a ridurre la manutenzione correttiva necessaria e ad indurre i navigatori, almeno di navi con pescaggio più profondo, a utilizzare carte di scala più ampia.

Geodesia. (1) La scienza che si occupa di determinare la dimensione e la forma della terra. (2) La scienza che individua le posizioni sulla terra e determina il campo di gravità terrestre. La definizione può essere estesa ad altri corpi planetari. (S) Il ramo dei rilievi in cui si deve tenere conto della curvatura della terra nel determinare direzioni e distanze.

Coordinate geodetiche. Le grandezze di latitudine, longitudine e altezza (ellissoide), che definiscono la posizione di un punto sulla superficie terrestre rispetto allo sferoide di riferimento. Chiamato anche imprecisamente geoxdina cooxdina£ex,

Dato geodetico. (Chiamato anche hoxixon£al o geode£ic da£um.) La posizione adottata in latitudine e longi-

tude di un unico punto a cui si riferiscono le caratteristiche tracciate di una vasta regione.

Latitudine geodetica. L'angolo che la normale in un punto dello sferoide di riferimento forma con il piano dell'equatore geodetico.

Longitudine geodetica. L'angolo tra il piano del meridiano geodetico e il piano di un meridiano iniziale, scelto arbitrariamente.

Posizione geodetica. Posizione di un punto sulla superficie terrestre espressa in termini di latitudine geodetica e longitudine geodetica. Una posizione geodetica implica un dato geodetico adottato.

Geografico. Significativa relazione di base con la terra considerata come un corpo a forma di globo. Il termine geografico viene applicato allo stesso modo ai dati basati sul geoide e su uno sferoide. Nelle indagini geodetiche in questo paese, i dati coordinati costituiti da latitudini, longitudini, azimut e lunghezze di linee sono registrati e pubblicati sotto il titolo generale delle posizioni geografiche.

Geografico e altri nomi. Il termine "nomi geografici" si riferisce a località, caratteristiche naturali e corsi d'acqua artificiali. I nomi non si applicano ad altri oggetti o elementi artificiali come strade, ponti, parchi, edifici e stadi.

Coordinate geografiche. Coordinate sferiche che definiscono un punto sulla superficie terrestre, generalmente latitudine e longitudine. Chiamato anche £exxex£xial cooxdina£ex,

Latitudine geografica. Un termine generico che si applica allo stesso modo alle latitudini astronomiche e geodetiche.

Longitudine geografica. Un termine generico che si applica allo stesso modo alle longitudini astronomiche e geodetiche.

Meridiano geografico. Un termine generico che si applica allo stesso modo ai meridiani astronomici e geodetici.

Posizione geografica. La posizione di un punto sulla superficie terrestre espressa in termini di latitudine e longitudine, geodetica o astronomica.

Gamma geografica. La massima distanza la curvatura della terra permette a un oggetto di una data altezza di essere visto da una particolare altezza dell'occhio indipendentemente dall'intensità luminosa o dalle condizioni di visibilità.

Geyser. Una sorgente che emette getti intermittenti di acqua riscaldata o vapore.

Deriva glaciale. Sabbia, argilla o massi trasportati dai ghiacciai nelle posizioni attuali.

Gola glaciale. Una valle profondamente scavata nella sezione trasversale a forma di U, risultante dall'erosione glaciale.

Lago glaciale. Un lago il cui bacino è stato scolpito dall'azione glaciale; anche uno specchio d'acqua trattenuto dall'azione di sbarramento di un ghiacciaio.

Ghiacciaio. Una massa di neve e ghiaccio che si sposta continuamente da un terreno più alto a più basso o, se galleggia, si espande continuamente. Le principali forme di ghiacciai sono calotte glaciali, piattaforme di ghiaccio, calotte glaciali, piemonte di ghiaccio e vari tipi di ghiacciai di montagna.

Glen. Una valle stretta e appartata; a dell, vallata o valle.

Grafico gnomonico. Un grafico costruito sulla proiezione gnomonica e spesso usato come aggiunta per trasferire un grande cerchio a un grafico di Mercatore. Comunemente chiamato Gxea£-✓ixcle ✓hax£.

Gola. Un canyon, un aspro e profondo burrone o gola.

Grado. Una pendenza di inclinazione uniforme.

Pendenza. Qualsiasi deviazione dall'orizzontale; un voto; un pendio; una parte di una strada o di una ferrovia inclinata verso l'alto o verso il basso; usato frequentemente in connessione con la pendenza dei torrenti.

Tinte sfumate. Aree colorate su una mappa o su una carta, normalmente sotto forma di bande che seguono il modello di contorno, utilizzate per indicare intervalli di altitudine.

Scala grafica (detta anche scala lineare). Una linea o una barra su una mappa o su una carta suddivisa per rappresentare le distanze sulla terra in varie unità, ad esempio miglia nautiche, miglia statutarie, iarde, piedi, chilometri, ecc.

Erba in acqua. Ai fini della mappatura, è una pianta vascolare a stelo non legnoso (che può o non può essere una vera erba), che è attaccata al fondo sotto il dato sonda. Il crasso nell'acqua viene normalmente mappato solo quando la vegetazione cresce sulla superficie dell'acqua.

Ghiaia. Uno dei numerosi descrittori della “natura del fondale marino” utilizzati nella Carta n. 1. Vedi indice: Pietre.

Bacino funerario. Una forma di bacino di carenaggio costituito da un bacino artificiale dotato di un cancello o cassone, in cui possono essere fatte galleggiare le navi e l'acqua pompata per esporre il fondo delle navi. Il termine deriva dal termine usato per descrivere il processo di combustione di cirripedi e altri accrescimenti dal fondo di una nave. Guarda anche: Bacino galleggiante.

Grande cerchio. La linea di intersezione tra la superficie di una sfera e qualsiasi piano che passa per il centro della sfera.

Grande corso circolare. La direzione del grande cerchio attraverso il punto di partenza e la destinazione, espressa come la distanza angolare da una direzione di riferimento, solitamente nord, alla direzione del grande cerchio. L'angolo varia da punto a punto lungo il cerchio massimo.

Meridiano di Greenwich. Il meridiano del Royal Observatory, Creenwich, Inghilterra. Adottato nel 188k da una conferenza delle nazioni come l'iniziale, o zero, delle longitudini per tutte le nazioni.

Graticola. Una graticola o griglia carenata è una struttura piatta, solitamente di traverse di legno parallele, eretta sulla battigia in modo che una nave possa asciugarsi su di essa per la verniciatura o la riparazione in acque basse.

Inguine. Una struttura sporgente dalla riva e progettata per spezzare la corrente e ridurre l'erosione e riempire la riva con una deposizione di nuovi materiali. Gli inguini possono essere classificati come permeabili o impermeabili: gli inguini impermeabili hanno una struttura solida o quasi solida, gli inguini permeabili hanno aperture attraverso di loro di dimensioni sufficienti per consentire il passaggio di apprezzabili quantità di deriva litoranea.

Grotta. Una piccola e pittoresca grotta, volta o caverna.

Terra. Per toccare il fondo o incagliarsi. In un grave incaglio si dice che la nave x£xand.

Gruppo ripetizione intervallo. Di una particolare catena LORAN-C, l'intervallo di tempo specificato per tutte le stazioni della catena per trasmettere i loro gruppi di impulsi. Per ciascuna catena viene selezionato un minimo di gxoup xepe£i£ion in£exval (CRI) di durata sufficiente per fornire il tempo a ciascuna stazione di trasmettere il proprio gruppo di impulsi e tempo aggiuntivo tra ciascun gruppo di impulsi in modo che i segnali di due o più stazioni non possano sovrapporsi in tempo ovunque all'interno dell'area di copertura.

Codice intervallo di ripetizione gruppo. L'intervallo di ripetizione del gruppo in microsecondi diviso per dieci.

Gulch. Un piccolo burrone; un piccolo canyon poco profondo con pendii leggermente inclinati e pareti ripide.

Golfo. Un tratto d'acqua all'interno di una rientranza o curva della costa, di dimensioni comprese tra una baia e un mare, ad esempio il Golfo di California.

burrone. Piccola valle tagliata in sedimenti molli sulla piattaforma continentale o sul versante continentale. Un piccolo canale tagliato di recente dall'acqua corrente; più piccolo di una gola o di un burrone.

Intestino. Un passaggio stretto o stretto contratto che collega due specchi d'acqua.

Hachure. (1) Linee corte su carte topografiche o carte nautiche per indicare la pendenza del terreno o il fondo del sottomarino. Di solito seguono la direzione del pendio. (2) Linee corte o "zecche" rivolte verso l'interno attorno alla circonferenza di un contorno chiuso che indicano una depressione o un minimo.

Livello di mezza marea. Il livello a metà strada tra l'acqua alta media e l'acqua bassa media. Può differire leggermente dal livello medio del mare. Chiamato anche livello medio £ide,

Amaca. Variazione di hummock, ma solitamente caratterizzata più dal tipo di suolo e vegetazione che dall'altitudine. (Stati Uniti meridionali, in particolare Florida e costa del Golfo.)

Porto. Un'area d'acqua quasi circondata da terra o dighe artificiali che formano un ancoraggio sicuro per le navi.

Carte portuali. Carte NOAA pubblicate in scala 1:50.000 e superiori e destinate alla navigazione nei porti e nei corsi d'acqua più piccoli e per l'ancoraggio.

Linea del porto. La linea oltre la quale banchine e altre strutture non possono essere prolungate.

Capitano di porto. Un funzionario locale incaricato dell'ormeggio e dell'ormeggio delle navi, della riscossione delle tasse portuali e di altri compiti.

Porto di rifugio. Un porto fornito come rifugio temporaneo su una costa in tempesta per la comodità del passaggio

navi da carico. Chiamato anche pox£ di xefuge. Può o non può far parte di un porto di spedizione.

Portata del porto. La portata di un fiume tortuoso o di un estuario che conduce direttamente al porto.

Schiusa. Il disegno o l'incisione di linee sottili, parallele o incrociate per mostrare l'ombreggiatura.

Testa. Un promontorio precipitoso, o promontorio. Guarda anche: Promontorio.

Intestazione. La direzione orizzontale in cui una nave punta o si dirige effettivamente in qualsiasi istante, espressa in unità angolari da una direzione di riferimento, solitamente da 000° nella direzione di riferimento in senso orario fino a S60°.

Promontorio. Nell'uso comune, una massa di terra avente un'elevazione considerevole. Nel contesto del diritto del mare, l'elevazione non è un attributo importante e un promontorio può essere l'apice di un saliente della costa, il punto di massima estensione di una porzione di terra nell'acqua, o un punto sulla costa in corrispondenza della quale si verifica un apprezzabile cambiamento di direzione dell'andamento generale della costa.

Brughiera. Un tratto di terra desolata; torbiera, solitamente ricoperta da una bassa crescita arbustiva, ma può avere piccole pozze d'acqua sparse sparse. (Locale nel Maine orientale.)

Altezza. La distanza verticale di un oggetto, punto o livello dal suolo o da un altro piano di riferimento stabilito.

Altezza della marea. La distanza verticale dal dato cartografico al livello dell'acqua in qualsiasi momento.

Altopiano(i). Terreno alto o elevato; un alto promontorio o una scogliera. La parte montuosa o elevata di qualsiasi paese, occasionalmente anche nei nomi di distretti geografici.

Collina. Un'elevazione naturale della superficie terrestre, più piccola di una montagna. Guarda anche: Poggio.

Poggio. Una piccola collina.

Tenere terra. Espressione solitamente usata con un aggettivo modificativo per indicare la qualità del potere di tenuta del materiale costituente il fondo di un ancoraggio, ad esempio di buon (o scarso) terreno di presa.

Buco. Una piccola baia, come Woods Hole, Massachusetts. (Locale nel New England)

Vuoto. Un piccolo burrone; un basso tratto di terra circondato da colline o montagne.

Gancio. Qualcosa di simile a forma di uncino, in particolare: (a) uno spiedo o uno stretto mantello di sabbia o ghiaia, che gira verso terra all'estremità esterna; o (b) una curva o una curva a gomito, come nel ruscello.

Hulk. Lo scafo o parte dello scafo di una nave abbandonata, solitamente senza sovrastruttura o altra pertinenza. Una parte importante della carcassa è solitamente visibile in qualche fase della marea.

Hummock. Un rilievo arrotondato del terreno, di dimensioni limitate, che sorge da una superficie piana (spesso paludosa), spesso densamente boscosa.

Idrografo. Uno che studia e pratica la scienza dell'idrografia.

Rilievo idrografico. Un'indagine effettuata in relazione a qualsiasi corpo idrico considerevole, come una baia, un porto, un lago o un fiume ai fini della determinazione della profondità del canale per la navigazione, l'ubicazione di rocce, banchi di sabbia, luci e boe; e nel caso dei fiumi, realizzati per il controllo delle inondazioni, lo sviluppo di energia, la navigazione, l'approvvigionamento idrico e lo stoccaggio dell'acqua.

Idrografia. (1) La scienza che si occupa delle misurazioni e della descrizione delle caratteristiche fisiche degli oceani, dei mari, dei laghi, dei fiumi e delle aree costiere adiacenti, con particolare riferimento al loro utilizzo a fini di navigazione. (2) Quella parte della topografia relativa alle caratteristiche dell'acqua e del drenaggio.

Linea di posizione iperbolica. Una linea di posizione a forma di iperbole, determinata misurando la differenza di distanza a due fi <ed points, e.g., LORAN-C lines of position.

Sistema di boe marittime IALA. Come progettato dall'Associazione internazionale delle autorità del faro, un nuovo sistema uniforme di boa marittima, che dovrebbe essere implementato dalla maggior parte delle nazioni marittime. Tuttavia, all'interno del sistema unico vi sono due regioni di boa internazionale, designate come regione A e regione B, dove le boe laterali differiscono solo per i colori delle boe di babordo e di tribordo. Nella regione A il rosso va a babordo entrando; nella regione B, il rosso è a dritta entrando. Il sistema può essere brevemente descritto come un sistema combinato cardinale e laterale. Il sistema si applica a tutti i fi <ed and floating marks, other than lighthouses, sector lights, leading lights and marks, lightships and large navigational buoys. The system provides five types of marks which may be used in combination: lateral marks, used in conjunction with a conventional direction of buoyage, are generally used for well-defined channels. Where a channel divides, a modified lateral mark may be used to indicate the preferred route. Lateral marks may differ between buoyage regions A and B. Cardinal marks used in conjunction with the mariner’s compass, indicate where the mariner may find navigable water. Isolated danger marks indicate isolated dangers of limited size that have navigable water all around them.

Contrassegni di acqua sicura per indicare che c'è acqua navigabile intorno alla loro posizione, ad esempio contrassegni di mezzo canale. Contrassegni speciali, non destinati principalmente a facilitare la navigazione, indicano un'area o una caratteristica a cui si fa riferimento nei documenti nautici.

Boa di ghiaccio. Una boa illuminata o spenta di costruzione robusta che sostituisce una boa più facilmente danneggiabile durante la stagione invernale del ghiaccio.

Canali migliorati. Canali dragati sotto la giurisdizione del Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti e mantenuti per fornire una profondità di controllo assegnata. Simboleggiato sulle carte nautiche da linee nere tratteggiate per rappresentare i limiti laterali, con la profondità di controllo e la data di accertamento fornite insieme a una tabella per informazioni più dettagliate.

Linea di contorno dell'indice. Una linea di contorno accentuata da uno spessore di linea più pesante per distinguerla dai contorni intermedi. I contorni dell'indice sono generalmente mostrati come ogni quinto contorno con i valori assegnati, per facilitare la lettura delle quote altimetriche.

Regole della strada interna. Regole che tutte le navi devono seguire durante la navigazione in determinate acque interne degli Stati Uniti.

Mare interno. Specchio d'acqua quasi o completamente circondato da terra, specie se molto grande o composto da acqua salata. Se completamente circondato da terra, è solitamente chiamato lago, da non confondere con mare chiuso, quella parte dell'oceano racchiusa da promontori, entro stretti stretti, ecc., o all'interno della giurisdizione territoriale di un paese.

Ingresso. Un corso d'acqua stretto o un varco nel terreno, che collega un piccolo specchio d'acqua con un corpo più grande; una piccola baia stretta o insenatura. Uno stretto specchio d'acqua che si estende nella terra da uno specchio d'acqua più grande. Un'insenatura lunga e stretta con profondità gradualmente decrescente verso l'interno è chiamata xia, chiamata anche axm, £ongue.

Porto interno. La parte di porto più lontana dal mare, in contrasto con il porto esterno. Queste espressioni sono di solito usate solo in un porto che è nettamente diviso in due parti, come da uno stretto passaggio o da strutture artificiali. Il porto interno ha generalmente una protezione aggiuntiva ed è spesso la principale area di attracco.

Non operativo. Segnale sonoro o radionavigazione fuori servizio a causa di un malfunzionamento.

Inserto. Nella cartografia (1) una piccola area al di fuori delle linee nette della mappa o della carta inclusa all'interno delle linee nette o dei bordi per evitare di pubblicare un grafico separato della sola piccola area; (2) una rappresentazione di una piccola area su scala più ampia (es. riquadro di pianta urbana), o di una vasta area su scala ridotta (es. riquadro di orientamento); (S) qualsiasi informazione, che normalmente non compare entro i limiti geografici di una mappa, che è stata racchiusa da linee di confine e inclusa all'interno delle linee nette della mappa. Gli inserti sono sempre posizionati in aree in cui le caratteristiche importanti non saranno coperte.

Costiera. La zona di larghezza variabile tra la costa e il limite verso il mare della zona frangiflutti.

Linea di contorno intermedia. Una linea di contorno disegnata tra i contorni dell'indice. A seconda dell'intervallo di profilo, ci sono tre o quattro contorni intermedi tra i contorni dell'indice.

Intermittente flusso. Un flusso o porzione di un flusso che scorre solo in risposta diretta alle precipitazioni. Riceve poca o nessuna acqua dalle sorgenti e nessuna fornitura continuata a lungo dallo scioglimento della neve o da altre fonti. È asciutto per gran parte dell'anno, normalmente più di S mesi.

Datum Internazionale dei Grandi Laghi (IGLD) (L955). Livello medio dell'acqua a Pointe-au-Père, Quebec, Canada, sul Golfo di San Lorenzo, nel periodo dal 19k1 al 1956, da cui vengono misurate le elevazioni dinamiche in tutta la regione dei laghi Creat. Il termine è spesso usato per indicare l'intero sistema di elevazioni dinamiche piuttosto che solo il livello dell'acqua di riferimento.

Ufficio idrografico internazionale (IHB). Un'organizzazione fondata nel 1921 allo scopo di stabilire una stretta e permanente associazione tra gli uffici idrografici dei suoi stati membri. L'obiettivo principale dell'Ufficio di presidenza è incoraggiare il coordinamento del lavoro idrografico al fine di rendere la navigazione più facile e sicura in tutto il mondo. Una convenzione concordata dagli Stati membri è entrata in vigore nel 1970 rendendo l'IHB l'organo esecutivo dell'In£exna£ional Hydxogxaphic Oxganixa£ion (IHO).

Internazionale Idrografico Organizzazione (IO). Organizzata nel 1970 con la ratifica della Convenzione sull'Organizzazione idrografica internazionale, l'IHO ha assunto legalmente le responsabilità intergovernative internazionali precedentemente detenute dall'In£exna£ional Hydxogxaphic Buxeau (IHB), che ora funge da struttura amministrativa o sede dell'IHO. IBH è stata fondata nel 1921.

Internazionale Organizzazione marittima (IMO).

(Precedentemente In£ex-govexnmen£al Maxi£ime ✓onxul£a£ive Oxganixa£ion (IMCO).) Istituita nel 1959 (come agenzia internazionale sponsorizzata dalle Nazioni Unite per la promozione della sicurezza marittima e la prevenzione dell'inquinamento marino), L'IMO si occupa principalmente della sicurezza marittima e coordina il lavoro relativo alla propulsione atomica, all'aviazione, alla salute, al lavoro, alla meteorologia, all'oceanografia e alle telecomunicazioni.

Regole internazionali. Le regole della strada stabilite di comune accordo tra le nazioni marittime, che disciplinano la navigazione in alto mare.

Regole internazionali della strada. Le regole di navigazione che sono applicabili alle zone d'acqua al di sopra delle linee stabilite dalla US Coast Cuard.

Luce lampeggiante rapida interrotta. Una luce veloce in cui la sequenza dei lampeggi è interrotta da eclissi regolarmente ripetuti di costante e lunga durata.

Via navigabile intracostiera. Un percorso protetto interno che si estende attraverso il New Jersey; da Norfolk, Virginia, a Key West, FL; attraverso la Florida, da St. Lucie Inlet a Fort Myers, Charlotte Harbor, Tampa Bay e Tarpon Springs; e da Carabelle, FL, a Brownsville, TX.

Isola. Un'area terrestre (più piccola di un continente) che si estende al di sopra e completamente circondata dall'acqua in corrispondenza dell'acqua alta media; un'area di terraferma interamente circondata dall'acqua o da una palude; un'area di palude interamente circondata da mare aperto.

Scaffale a isola. Zona adiacente a un'isola e che si estende dalla linea di bassa marea a una profondità alla quale vi è un marcato aumento della pendenza a una profondità maggiore.

Pendio dell'isola. Un declivio dal bordo esterno di una piattaforma dell'isola a profondità maggiori.

Isolotto. Una piccola isola.

isogonico. Una linea che collega punti di uguale variazione magnetica. Detta anche linea issogonica, ixogonale,

Grafico isogonico. Un grafico che mostra la variazione magnetica con le linee isogoniche e il tasso di variazione annuale nella variazione con le linee isoporiche.

Linea isoporica. Una linea che collega punti di uguale tasso di variazione annuale di qualsiasi elemento magnetico. Chiamato anche ixopox.

Istmo. Una stretta striscia di terra che collega due corpi di terra più grandi.

Molo. Una struttura costruita nell'acqua per trattenere o dirigere le correnti, solitamente per proteggere la foce di un fiume o l'ingresso di un porto dall'interramento. Sulle coste aperte, una struttura che si estende in uno specchio d'acqua e progettata per impedire la secchezza di un canale da parte di materiali litorali e per dirigere e limitare il flusso o il flusso di marea. I moli sono costruiti alla foce di un fiume o all'ingresso di marea per aiutare ad approfondire e stabilizzare un canale.

Giunzione. (1) Un luogo di congiunzione di due canali, come quello dell'affluente con un fiume principale. (2) Nel livellamento, il luogo in cui due o più linee di livelli sono collegate tra loro. (S) Nel rilievo idrografico, l'unione di due fogli di rilievo adiacenti.

Boa di giunzione. Una boa che, vista da una nave in avvicinamento dal mare aperto o nella stessa direzione della corrente principale della corrente di piena, o nella direzione stabilita dall'autorità competente, indica il punto in cui due canali si incontrano. Guarda anche: Boa di biforcazione.

Fuco. Uno di un ordine di alghe brune insolitamente grandi, a forma di lama o simili a viti. L'alga è così frequentemente associata ai fondali rocciosi, e quindi ai possibili pericoli per la navigazione, che non deve essere confusa o compilata come altra vegetazione marina. L'alga di una specie o dell'altra si trova ampiamente nei freddi oceani del mondo.

Chiave. Un'isola bassa o una scogliera; un cairo.

Uccisione. Un canale, un torrente o un ruscello, come le uccisioni tra Staten Island, New York, e Bergen Neck, NJ.

Pomello. Una collina o una montagna arrotondata, soprattutto isolata.

Poggio. Una piccola collina rotonda; un tumulo; una montagna sottomarina che si eleva a meno di 500 braccia dal fondo del mare e con una sommità appuntita o arrotondata.

Nodo. Un'unità di velocità definita come 1 in£exna£ional nautical mile pex houx,

Laguna. (1) Un suono poco profondo, uno stagno o un lago generalmente separato dal mare aperto. (2) Uno specchio d'acqua racchiuso dalle scogliere e dalle isole di un atollo.

Lago. (1) Uno specchio d'acqua aperto permanente che si forma in una depressione naturale alimentata da uno o più corsi d'acqua da cui può defluire un corso d'acqua, che si verifica a causa dell'allargamento o dell'ostruzione naturale o dell'interruzione di un fiume o di un corso d'acqua, o che si verifica in un depressione naturale isolata che non fa parte di un fiume o ruscello di superficie. (2) Un corpo d'acqua aperto permanente creato bloccando o limitando artificialmente il flusso di un fiume, ruscello o area di marea. (S) Qualsiasi corpo idrico interno permanente, generalmente di dimensioni considerevoli. Ci sono eccezioni come i laghi della Louisiana, che sono aperti o collegati al Golfo del Messico. Occasionalmente un lago viene chiamato mare, specie se molto grande e composto da acqua salata.

Approdo. Il primo avvistamento di terra quando ci si avvicina dal mare. Per estensione, il termine è talvolta usato per riferirsi al primo contatto con la terraferma con altri mezzi, ad esempio con il radar.

Approdo. Un luogo in cui le barche ricevono o scaricano passeggeri, merci, ecc. Vedi anche: Molo.

Punto di riferimento.  Nella terminologia marina, un punto di riferimento è un oggetto o una caratteristica di posizione nota che è evidente per il marinaio e posizionato in modo tale da poter essere utilizzato per la navigazione. Un punto di riferimento dovrebbe essere facilmente identificabile dal marinaio e posizionato dove sarà visibile attraverso un'utile gamma di viaggi. Un oggetto che è evidente a un certo punto, ma si perde rapidamente nel disordine dello sfondo o viene nascosto alla vista da ostacoli mentre il marinaio avanza, ha un valore limitato.

Frana. Terra e roccia che si staccano dal pendio di una collina a causa dell'umidità o della neve e scivolano o cadono lungo il pendio.

Sentiero. Una rotta stabilita come rotta aerea o rotta marittima. In un reticolo elettronico di radiolocalizzazione, la zona tra due linee su cui i valori misurati, espressi in termini di unità elettronica del sistema (lunghezza d'onda o microsecondo), sono numeri interi e sono distanziati di un'unità.

Grande boa di navigazione (LNB o LANBY). (1) Una grande boa progettata per sostituire una nave faro dove non è fattibile la costruzione di una stazione faro offshore. Queste boe di diametro k0 piedi possono mostrare luci secondarie da altezze di circa S6 piedi sopra l'acqua. Oltre alla luce, queste boe possono montare un radiobeacon e fornire segnali sonori. Una boa di stazione potrebbe essere ormeggiata nelle vicinanze. Chiamato ligh£houxe buoy nella terminologia britannica. (2) Una boa automatizzata a forma di disco del diametro di k0 piedi, utilizzata per sostituire le navi leggere.

Sistema laterale. (1) Un sistema di aiuti alla navigazione in cui alle boe, ai fari diurni e alle luci minori sono assegnati colori e forme in base alla loro rispettiva posizione in relazione all'acqua sicura. (2) Un sistema di ausili alla navigazione in cui la forma, il colore e la distinzione numerica sono assegnati in base alla loro ubicazione rispetto alle acque navigabili. Quando vengono utilizzati per contrassegnare un canale, vengono assegnati colori per indicare il lato che contrassegnano e numeri per indicare la sequenza lungo il canale. Il sistema laterale è utilizzato negli Stati Uniti Nel sistema cardinale, agli aiuti vengono assegnati forma, colore e distinzione di numero in base alla posizione rispetto all'ostruzione più vicina.

Latitudine. Distanza angolare da un grande cerchio o piano primario. Texxex£xial la£i£ude è la distanza angolare dall'equatore, misurata verso nord o sud attraverso 90° ed etichettata "N" o "S" per indicare la distanza tra il filo a piombo e il piano dell'equatore celeste. Geode£ic o £opogxaphical la£i£ude in una stazione è la distanza angolare tra il piano dell'equatore geodetico e una normale all'ellissoide. Geocen£xic la£i£ude è l'angolo al centro dell'ellissoide di riferimento tra l'equatore celeste e un raggio vettore verso un punto sull'ellissoide. La la£i£ude ceodetica e talvolta axsonomica è anche chiamata la£i£ude geogxaphic, la latitudine ceodetica è usata per i grafici.

Scala di latitudine. I confini est e ovest suddivisi di una carta di Mercatore in gradi e minuti; una variante della scala grafica, poiché un minuto di latitudine è quasi uguale a un miglio nautico.

Lava. La materia fluida o semifluida che scorre da un vulcano. La sostanza che risulta dal raffreddamento della roccia fusa. Parte del fondale oceanico è composta da lava.

Guida. Il peso attaccato a una linea. Un cavo xounding viene utilizzato per determinare la profondità dell'acqua. Un guinzaglio a mano è un suono leggero (da 7 libbre a 1k libbre), di solito con una linea non superiore a 25 braccia. Un cavo deepxea è un cavo dal suono pesante (da circa S0 libbre a 100 libbre), di solito con una linea lunga 100 braccia o più. Un cavo di xea profondo leggero (da S0 libbre a 50 libbre), utilizzato per profondità di risonanza da 20 a 60 braccia è chiamato cavo di coassiale, Un tipo di cavo da suono utilizzato senza rimozione dall'acqua tra i sondaggi è chiamato piombo fisso , Un piombo dxif£ è posizionato sul fondo per indicare il movimento di una nave. Sollevare £egli è prendere un suono con un vantaggio.

Linea guida. Una linea, graduata con segni annessi e fissata a un cavo sonda, utilizzata per determinare la profondità dell'acqua quando si eseguono sondaggi a mano. La leadline viene solitamente utilizzata a profondità inferiori a 25 braccia. Chiamata anche linea xounding.

Luce principale. Un fanale posizionato in modo tale che le navi possano virare direttamente verso di esso fino a quando non sono vicini a bordo, quando viene presa una nuova rotta.

sporgenza. (1) Una formazione rocciosa collegata e bordata dalla costa e generalmente scoperta al dato di sondaggio. (2) Una formazione rocciosa continua e delimitata dalla riva. L'area che si scopre è solitamente rappresentata sui grafici da simboli.

Rive Gauche. Quella sponda di un ruscello o fiume alla sinistra di un osservatore rivolto nella direzione del flusso, oa valle. Guarda anche: Banca giusta.

Gamba. (1) Ogni tratto rettilineo di una traversata. (2) Una parte della pista di un'imbarcazione costituita da un'unica linea di rotta.

Leggenda. (1) Una descrizione, una spiegazione, una tabella di simboli e altre informazioni stampate su una mappa o un grafico per fornirne una migliore comprensione e interpretazione. Il titolo di una mappa o di un grafico in precedenza era considerato parte della leggenda, ma questo uso è obsoleto. (2) Un argine artificiale che confina un canale di ruscello o limita le aree adiacenti soggette ad allagamento. (S) Sul fondo del mare, un terrapieno che confina con un canyon, una valle o un canale marino.

Argine. (1) Un argine artificiale che confina un canale di ruscello o limita le aree adiacenti soggette ad allagamento.

(2) Sul fondo del mare, un terrapieno che costeggia un canyon, una valle o un canale marino.

Luce. Il segnale emesso da un ausilio luminoso alla navigazione; un pezzo di apparecchio illuminante; un ausilio luminoso alla navigazione su un fi <ed structure.

Faro. Un edificio in un punto cospicuo della costa, un molo o un molo, un'isola o uno scoglio, da cui di notte viene esibita una luce come ausilio alla navigazione. Tutte le nazioni marittime hanno dipartimenti governativi responsabili dell'istituzione e della manutenzione dei fari.

Elenco delle luci. (1) Una pubblicazione che fornisce informazioni dettagliate sugli aiuti alla navigazione illuminati e sui segnali da nebbia. Vengono forniti il nome e la posizione degli ausili luminosi, le loro caratteristiche, altezze, portata, descrizione della struttura e altre osservazioni pertinenti.

(2) Ligh£ Lix£, pubblicato dalla US Coast Cuard in cinque volumi, copre le acque degli Stati Uniti e dei suoi possedimenti, tra cui l'Intracoastal Waterway, i Creat Lakes (sia statunitensi che alcuni aiuti sulle coste canadesi) e Mississippi e i suoi affluenti navigabili. Oltre alle informazioni sugli ausili luminosi, il Ligh£ Lix£ fornisce informazioni su boe non illuminate, radiobeacon, stazioni di calibrazione radio direction finder, daybeacon, RACON, ecc. (S) Lix£ di Ligh£x, pubblicato dal NIMR in sette volumi, copre acque diverse dagli Stati Uniti e dai suoi possedimenti. Oltre alle informazioni sugli ausili luminosi, il Lix£ di Lix£x fornisce informazioni su segnali di tempesta, stazioni di segnalazione, stazioni di rilevamento della direzione radio, radiobeacon, ecc.

Numero elenco luci (LLNR). Il numero utilizzato per identificare una luce di navigazione nella Ligh£ Lix£, questo numero non deve essere confuso con "International Number", che è un numero identificativo assegnato dall'In£exna£ional Hydxogxaphic Oxganixa£ion. Il numero internazionale è di tipo i£alico e si trova sotto il numero Ligh£ Lix£ in Ligh£ Lix£, talvolta chiamato lix£ di ligh£x numbex,

Settore leggero. (1) Come definito dai rilevamenti verso il mare, il settore in cui un fanale di navigazione è visibile o in cui ha un colore distintivo diverso da quello dei settori adiacenti, o in cui è oscurato. (2) L'arco su cui è visibile una luce descritto in gradi veri osservati da un vaso verso la luce.

Nave faro. Una nave contrassegnata in modo distintivo che fornisce aiuti ai servizi di navigazione simili a una stazione luminosa, ovvero una luce di alta intensità e affidabilità, segnale sonoro e radiobeacon, e ormeggiata in una stazione in cui è installato un fi <ed structure is not feasible. The chart symbol represents the appro<i-

posizione di accoppiamento dell'ancora. Chiamate anche ligh£ vexxel, le navi faro non sono più utilizzate negli Stati Uniti.

Stazione luminosa. Una stazione presidiata che fornisce una luce solitamente di alta intensità e affidabilità. Può anche fornire segnali sonori e servizi radiobeacon. In molti casi, i segnali sonori, le apparecchiature radiobeacon e il personale operativo sono alloggiati in edifici separati vicino alla struttura luminosa.

Caratteristica di linea. Una caratteristica cartografica con la geometria di una linea, cioè definita da una sequenza di punti collegati. Rappresentato su una mappa da una linea di una certa larghezza o tipo, ad esempio, tratteggiata, punteggiata, doppia, una sequenza di simboli.

Linea di suoni. Una serie di sondaggi ottenuti da una nave in navigazione, generalmente a intervalli regolari. In pilotaggio, queste informazioni possono essere utilizzate per determinare una posizione stimata, registrando i sondaggi a intervalli appropriati (alla scala della carta) lungo una linea tracciata su carta trasparente o plastica, per rappresentare la traccia, e quindi adattando la trama a il grafico, per tentativi ed errori. Si dice che una nave che ottiene sondaggi lungo una linea di rotta, da utilizzare per creare o migliorare una carta, esegue una linea di sondaggi.

Litorale. Appartenente alla riva, specie del mare; una regione costiera. Usato in modo coestensivo con "ripariero". Guarda anche: terre rivierasche.

Corrente litoranea. Una corrente nella zona litoranea come una longshore o una corrente di strappo.

Stato litorale. Uno che confina con il mare o con i laghi di Creat. Corrisponde allo Stato ripariale, che confina con un fiume. Guarda anche: terre rivierasche.

Sone Litorale. Nell'ingegneria costiera, l'area dalla costa fino a poco oltre la zona di demolizione. Nell'oceanografia biologica, è quella parte della divisione bentonica che si estende dalla linea di alta marea fino a una profondità di circa 200 metri. Il sistema litoraneo è suddiviso in una zona eulittorale e una sublitorale, separate ad una profondità di circa 50 metri. Inoltre, spesso usato in modo intercambiabile con "zona intertidale".

Disturbo magnetico locale. Un'anomalia del campo magnetico terrestre, che si estende su un'area relativamente piccola, a causa di influenze magnetiche locali. Chiamato anche: a££xac£ion locale, anomalia magnetica,

Serratura. Un bacino in un corso d'acqua con cassoni o porte a ciascuna estremità per mezzo del quale le navi passano da un livello dell'acqua all'altro senza influenzare materialmente il livello superiore. Bloccare una nave significa far passare una nave attraverso una chiusa.

Avviso locale ai marinai (LNM). (1) Un documento scritto che fornisce informazioni relative alle condizioni degli aiuti alla navigazione e dei corsi d'acqua all'interno di ciascun distretto di Cuard della costa degli Stati Uniti che è di interesse per il marinaio. (2) Un avviso emesso da ciascun distretto di Cuard della costa degli Stati Uniti per diffondere informazioni importanti che incidono sulla sicurezza della navigazione all'interno del distretto. Il Local No£ice £o Maxinexx riporta modifiche e carenze negli aiuti alla navigazione mantenuti da e sotto l'autorità della US Coast Cuard. Altre informazioni includono profondità del canale, nuove mappe, operazioni navali, regate, ecc. Poiché le informazioni temporanee, note o di breve durata, non sono incluse nel settimanale No£ice £o Maxinexx pubblicato dalla National Imagery and Mapping Agency, il appropriato Local No£ice £o Maxinexx può essere l'unica fonte di tali informazioni. Gran parte delle informazioni contenute nel Local No£ice £o Maxinexx sono incluse nel settimanale No£ice £o Maxinexx, The Local No£ice £o Maxinexx è pubblicato tutte le volte che è necessario; di solito settimanale.

Può essere ottenuto presentando domanda al comandante del distretto di Cuard della costa degli Stati Uniti appropriato.

Log boom. Tronchi pesanti incatenati o legati insieme e ormeggiati o ancorati in modo da racchiudere e contenere tronchi trasportati su zattera.

Longitudine. Distanza angolare, lungo un cerchio massimo primario, dal punto di riferimento adottato; l'angolo tra un piano di riferimento passante per l'asse polare e un secondo piano passante per quello a <is. Texxex£xial longi£ude is the arc of a parallel, or the angle at the pole, between the prime meridian and the meridian of a point on the earth, measured eastward or westward from the Prime meridian through 180°, and labeled ”E” or ”W” to indicate the direction of measurement.  Rx£xonomical longi£ude is the angle between the plane of the prime meridian and the plane of the celestial meridian at a station and the plane of the geodetic meridian at Creenwich. Geode£ic and sometimes ax£xonomical longi£ude are also called geogxaphic longi£ude, Geode£ic longi£ude is used in charting.

Bar lungo la costa. Un bar che corre più o meno parallelo alla battigia.

Stazione di vedetta. Una struttura distintiva o un luogo a terra da cui il personale vigila sugli eventi in mare o lungo la costa.

Torre di avvistamento. Qualsiasi torre sormontata da una casetta in cui si tiene abitualmente la guardia, distinto da una torre di osservazione in cui non si tiene la guardia.

Loran. (1) La designazione di una famiglia di sistemi di navigazione elettronica mediante i quali le linee iperboliche di posizione sono determinate misurando le differenze nel tempo di ricezione di segnali di impulsi sincronizzati da due fi <ed transmitters.  The name ”LORAN” is derived from the words Long RAng Naviga£ion, (2) Un sistema di radionavigazione a lungo raggio e bassa frequenza (da 90 a 110 kHz) mediante il quale si ottiene una linea iperbolica di posizione di elevata precisione misurando la differenza nei tempi di arrivo dei segnali impulsivi irradiati da un coppia di trasmettitori sincronizzati (stazione principale e stazione secondaria), che sono separati da diverse centinaia di miglia.

Datum di bassa marea (LLWD). Un'approssimazione della bassa marea media inferiore che è stata adottata come riferimento standard per un'area limitata e viene mantenuta per un periodo indefinito indipendentemente dal fatto che possa differire leggermente da una migliore determinazione della bassa marea media da una serie successiva di osservazioni . Utilizzato principalmente per scopi di ingegneria fluviale e portuale. Il dato di bassa marea inferiore del Columbia River è un esempio.

Pianura. Terreno basso e relativamente pianeggiante a un'altitudine inferiore rispetto ai distretti adiacenti.

Datum acqua bassa (LWD). L'elevazione dinamica per ciascuno dei laghi Creat e del lago St. Clair e le corrispondenti superfici in pendenza dei fiumi St. Marys, St. Clair, Detroit, Niagara e St. Lawrence a cui si riferiscono le profondità mostrate sulle carte nautiche e le profondità autorizzate per progetti di miglioramento della navigazione.

Linea di acque basse. La linea in cui il dato di bassa marea stabilito interseca la riva. Il piano di riferimento che costituisce il dato di bassa marea differisce nelle diverse regioni.

Loxodrome. Una curva, sulla superficie di una sfera, che interseca tutti i grandi cerchi della sfera con un angolo obliquo costante, teoricamente non raggiunge mai il polo mentre ci si avvicina ad esso da vicino.

Gamma luminosa. La distanza massima che può essere vista una luce data la sua portata nominale (intensità luminosa) e la visibilità meteorologica esistente.

Cambio annuale magnetico. La quantità di cambiamento secolare magnetico subito in 1 anno. Chiamato anche variazione annuale, variazione magnetica annuale, xa£e annuale, xa£e annuale di variazione.

Disturbo magnetico. Un cambiamento rapido, irregolare e di grande ampiezza del campo magnetico terrestre, che si verifica all'incirca nello stesso momento in tutto il mondo. Un disturbo magnetico è solitamente associato al verificarsi di brillamenti solari o altre forti attività solari. Chiamato anche magnet£ic x£oxm, a volte, la variazione magnetica giornaliera è chiamata magnet£ic dix£uxbance,

Meridiano magnetico.  La linea avente la direzione dell'ago magnetico in un dato punto; un piano verticale fi <ed by the direction taken by a perfect compass needle.

Nord magnetico. La direzione indicata dal polo di ricerca del nord di un ago magnetico sospeso liberamente, influenzato solo dal campo magnetico terrestre.

Variazione magnetica. Un cambiamento regolare o irregolare, nel tempo, di declinazione magnetica, calo o intensità. Nella navigazione nautica e aeronautica, e talvolta nel rilevamento, il termine vaxia-£ione magnetico viene utilizzato per la declinazione magnetica. Le variazioni magnetiche regolari sono: xeculax, il cambiamento di anno in anno nella stessa direzione (che di solito persiste per molti decenni); annuale, la variazione su un periodo di 1 anno; e diuxnal, la variazione in un periodo di 1 giorno (2k ore). Le variazioni irregolari, quando improvvise, mondiali e gravi, sono conosciute come magnetiche x£oxmx,

Terraferma. La porzione principale di un ampio terreno. Il termine è usato vagamente per contrastare una massa di terra principale delle isole periferiche e talvolta delle penisole.

Importanti aiuti alla navigazione. Un ausilio di notevole intensità, affidabilità e portata esibito da fi <ed structures or marine sites. Major aids are classified as primary or secondary and are usually manned or remotely monitored.

Luce maggiore. Una luce di alta intensità e affidabilità esibita da un fi <ed structure or on a marine site (except range light). Major lights include primary seacoast lights and secondary lights. See also: Luce minore.

Mangrovie. Questo tipo include le mangrovie e le specie di alberi simili a piante che sono prevalentemente mangrovie. Queste piante sono piante perenni che creano frequentemente un litorale apparente. Gran parte di questa vegetazione cresce in prossimità della linea di galleggiamento alta con una crescita sporgente e aggrovigliata che oscura la costa al marinaio.

Litorale artificiale (artificiale). Questa è la linea di contatto tra la superficie di un corpo idrico e il terreno o gli elementi artificiali a condizione che la linea di galleggiamento artificiale sia continua con la costa naturale. Ciò ha lo scopo di includere come litorale artificiale l'acqua lungo i frangiflutti, le paratie, le aree di riempimento, i moli e altre strutture costruite dal terreno.

Carta geografica. Una rappresentazione, solitamente su una superficie piana, di tutta o parte della superficie della terra, della sfera celeste o di un'altra area; mostrando la dimensione e la posizione relativa, secondo una data proiezione, delle caratteristiche fisiche rappresentate e qualsiasi altra informazione che possa essere applicabile allo scopo previsto. Tale rappresentazione destinata principalmente all'uso della navigazione è chiamata chax£, Un metodo per rappresentare tutta o parte della superficie di una sfera o di uno sferoide, come la terra, su una superficie piana è chiamato mappa pxojec£ion, A planime£ xic map indica solo le posizioni orizzontali degli elementi; una mappa £opogxafica indica sia la posizione orizzontale che quella verticale. Una mappa topografica che mostra rilievi per mezzo di linee di contorno tracciate a intervalli regolari di altezza è chiamata mappa con£oux, una mappa xelief enfatizza le quote o rilievi relativi; una mappa tridimensionale in rilievo è chiamata modello xelief, Il modello sul lato inferiore di estese aree nuvolose, creato dalle quantità variabili di luce riflessa dalla superficie terrestre, è chiamato mappa xky, Un grafico che mostra la distribuzione delle condizioni meteorologiche su un'area in un dato momento può essere chiamata mappa esadecimale debole,

Mappa batimetrica. Mappa che delinea la forma del fondo di uno specchio d'acqua, o di una sua porzione, mediante l'uso di contorni di profondità (isobati).

Digitalizzazione delle mappe. Conversione dei dati cartografici da forma grafica a forma digitale.

Modifica della mappa. Il processo di controllo di una mappa o di una carta, nelle sue varie fasi di preparazione, per garantire l'accuratezza, la completezza, la corretta preparazione e interpretazione delle fonti utilizzate e una riproduzione leggibile e precisa.

Mappa, isogonica. Una mappa che mostra linee di inclinazione magnetica costante per un particolare dato di base (mostrato sulla mappa). Vengono generalmente mostrate anche linee di uguale variazione annua della declinazione. Se la mappa è progettata per essere utilizzata nella navigazione, viene chiamata ixogonic chax£,

Mappa, planimetrico. Una mappa che mostra solo le posizioni orizzontali delle caratteristiche rappresentate. A differenza di una carta topografica, una carta planimetrica non mostra rilievi in forma misurabile. Le caratteristiche naturali solitamente mostrate includono fiumi, laghi e mari; montagne, valli e pianure; foreste, praterie, paludi e deserti. Le caratteristiche culturali mostrate includono città, fattorie, vie di trasporto e strutture di pubblica utilità; e confini politici e privati.

Proiezione della mappa. Un sistema ordinato di linee su un piano che rappresenta un corrispondente sistema di linee immaginarie su una superficie di riferimento terrestre o celeste adottata. Anche il concetto matematico di un tale sistema.

Proiezione cartografica, Mercatore. Una proiezione cartografica conforme del cosiddetto tipo cilindrico. L'equatore è rappresentato da una linea retta fedele alla scala; i meridiani geografici sono rappresentati da rette parallele perpendicolari alla retta che rappresenta l'equatore; sono distanziati in base alla loro distanza all'equatore. I paralleli geografici sono rappresentati da un secondo sistema di rette perpendicolari alla famiglia di rette che rappresentano i meridiani, e quindi parallele all'equatore. La conformità si ottiene mediante l'analisi matematica, la spaziatura dei paralleli viene aumentata con l'aumentare della distanza dall'equatore per conformarsi alla scala in espansione lungo i paralleli risultanti dai meridiani rappresentati da linee parallele. La proiezione della mappa di Mercatore è considerata una delle più preziose di tutte le proiezioni della mappa, la sua caratteristica più utile è che una linea di rilevamento costante (azimut) su una sfera è rappresentata sulla proiezione da una linea retta.

Rilievo della mappa. Una mappa la cui superficie è sagomata per rappresentare la topografia in una regione. Il tipo più comune è la mappa in rilievo di plastica. Questo viene realizzato stampando una normale carta topografica su un foglio di plastica, che viene poi posizionato su uno stampo in gesso che è stato scolpito per rappresentare la topografia. Il calore e la pressione vengono applicati per fissare permanentemente il foglio di plastica nella forma dello stampo. Un altro tipo, meno comune e più costoso ma che mostra più dettagli con maggiore accuratezza, è la solida carta in rilievo, realizzata intagliando la topografia, ecc., in una sostanza adatta, come gesso, e quindi dipingendo o disegnando ulteriori dettagli sulla modello. Chiamato anche modello £exxain o modello xelief,

Scala della mappa, equivalente. Una scala equivalente è la relazione che una piccola distanza sulla mappa ha con la corrispondente distanza sulla terra, espressa come un'equivalenza. Di solito, ma non necessariamente, l'equivalenza è espressa in diverse unità specificate; ad esempio, 1 pollice (sulla mappa) equivale a 1 miglio (sul terreno).

Scala della mappa, frazionaria. Una scala frazionaria è il rapporto che ogni piccola distanza sulla mappa ha con la corrispondente distanza sulla terra. Può essere scritto in forma di frazione: 1/10.000; o in proporzione 1:10.000.

Scala della mappa, grafica (o barra). Una linea su una mappa suddivisa e contrassegnata con la distanza che ciascuna delle sue parti rappresenta sulla terra.

Mappa, topografica. (1) Una mappa che mostra la posizione orizzontale e verticale di elementi naturali e artificiali. Si distingue da una mappa planimetrica per la presenza di simboli quantitativi che mostrano il rilievo. Una mappa topografica di solito mostra le stesse caratteristiche di una mappa planimetrica, ma utilizza linee di contorno numerate o simboli comparabili per indicare i prospetti di montagne, valli e pianure; nel caso delle carte idrografiche, simboli e numeri sono usati per mostrare le profondità negli specchi d'acqua. (2) Una mappa il cui scopo principale è ritrarre e identificare le caratteristiche naturali o artificiali della superficie terrestre nel modo più fedele possibile entro i limiti imposti dalla scala.

Dati di margine. Tutte le informazioni esplicative riportate a margine di una mappa o di un grafico che chiariscono, definiscono, illustrano e/o integrano la parte grafica del foglio. Chiamato anche boxdex da£a, boxdex infoxma£ion, maxgin infoxma£ion,

Mare marginale. L'area d'acqua confinante con una nazione su cui ha giurisdizione esclusiva, salvo il diritto al passaggio innocente di navi straniere. È una creazione del diritto internazionale, anche se finora non è stato raggiunto alcun accordo dalla comunità internazionale sulla sua ampiezza. Si estende verso il mare dal punto di bassa marea lungo una costa diritta e dai limiti verso il mare delle acque interne dove sono presenti argini. Gli Stati Uniti hanno tradizionalmente rivendicato le miglia nautiche S come larghezza e non hanno riconosciuto le pretese di altri paesi su una cintura più ampia. Chiamato anche £exxi£oxial xea, adjacen£ xea, maxine bel£, maxi£ime bel£ e 3-mile limi£,

Molo marginale. Un molo a filo con il litorale adiacente generale e normalmente di pavimentazione in cemento o asfalto in cima a supporti a pila aperta. Questo è il tipo predominante di moderno molo per carichi generali.

Marina. Una struttura portuale per piccole imbarcazioni, yacht, ecc., dove sono disponibili forniture, riparazioni e servizi vari.

Marino. Un significato aggettivo relativo alla navigazione o alla spedizione; relative o connesse al mare; usato o adottato per l'uso in mare. A volte chiamato maxime, ma marittimo si applica più frequentemente a ciò che confina con il mare.

Ferrovia marittima. Una ferrovia marina è un meccanismo di binario, culla e avvolgimento per trainare le navi fuori dall'acqua in modo che lo scafo possa essere esposto come in un bacino di carenaggio. Questo è anche chiamato pa£en£ xlip nella terminologia britannica.

Vegetazione marina. Ai fini della cartografia NOAA, vegetazione marina si riferisce alla vegetazione permanente o semipermanente o ad aree di vegetazione che crescono in corrispondenza o verso il mare dalla costa e presentano un certo significato per il marinaio.

marcatore. (1) Un piccolo radiofaro automatico con una portata da k a 6 miglia situato su una boa, una banchina o una struttura a pali. Non è inteso per rilevamenti precisi a lungo raggio, ma funge da segnale locale che indica l'ingresso di un canale, un punto di svolta, una banchina, ecc., All'interno o vicino a un porto. L'uso di due o più beacon fornisce un "fi<." (2) Ciò che segna qualcosa; un segnale luminoso. Guarda anche: Radiofaro.

(S) Termine usato per descrivere un ausilio inteso come guida per la normale navigazione di superficie. È generalmente usato per riferirsi a qualsiasi fi privato non illuminato o illuminato <ed aid to navigation not established or maintained by the U.S. Coast Cuard and not listed in the Ligh£ Lix£, which is erected to make minor channels. The term may also refer to markers for other specific purposes (e.g., measured mile markers or dredging range).

Boa di segnalazione. Una boa temporanea utilizzata nel rilevamento topografico per creare un luogo di particolare interesse, come una secca o una scogliera. Guarda anche: Boa della stazione.

Marna. Uno dei numerosi descrittori della "natura del fondale marino" utilizzato nella tabella n. 1. Un deposito terroso e fatiscente, in particolare uno di argilla mi <ed with sand, lime, decomposed shells, etc. Sometimes a layer of marl becomes quite compact.  Part of the ocean bed is composed of marl. Marl is generally not a suitable holding material for anchors. Anchoring in marl requires an anchor with a pointed bill to penetrate the bottom.

Palude. (1) Un'area di terreno umido, spesso spugnoso, soggetta a frequenti inondazioni o inondazioni di marea, ma non considerata costantemente sott'acqua. È caratterizzato dalla crescita di piante vascolari a stelo non legnoso, come giunchi, cordgrassi, canneti e altre specie delle zone umide, e dalla mancanza di alberi. La palude costituisce spesso una transizione tra il mare aperto e gli altopiani aridi ed è spesso associata a un litorale apparente.

(2) Un tratto di terreno basso e umido, generalmente paludoso e ricoperto di vegetazione ruvida. A volte può essere sufficientemente asciutto per consentire la lavorazione del terreno o il taglio del fieno, ma richiede il drenaggio per renderlo permanentemente arabile.

Corrispondenza. L'atto mediante il quale i dettagli o le informazioni sul bordo, o sull'area di sovrapposizione, di una mappa o di una carta vengono confrontati, regolati e corretti per concordare con la carta sovrapposta esistente.

Materasso. Una massa di sterpaglia intrecciata, pali, ecc., utilizzata per proteggere una banca dall'erosione.

Significa acqua alta più alta (MHHW). Un dato di marea. La media dell'altezza dell'acqua alta più alta di ogni giorno di marea osservata durante l'epoca dei dati di marea nazionale. Per le stazioni con serie più brevi, vengono effettuati confronti osservazionali simultanei con una stazione di marea di controllo al fine di derivare il dato equivalente del National Tidal Datum Epoch.

Significa acqua alta (MHW). Un dato di marea. La media di tutte le altezze dell'acqua alta osservate durante l'epoca dei dati di marea nazionale. Per le stazioni con serie più brevi, vengono effettuati confronti osservazionali simultanei con una stazione di marea di controllo al fine di derivare il dato equivalente del National Tidal Datum Epoch.

Significa alta linea di galleggiamento (MHWL). La linea su una carta o mappa, che rappresenta l'intersezione della terra con la superficie dell'acqua all'altezza dell'acqua alta media. Guarda anche: Litorale.

Significa bassa acqua bassa (MLLW). Un dato di marea. La media dell'altezza di bassa marea inferiore di ciascun giorno di marea osservata durante l'epoca dei dati di marea nazionale. Per le stazioni con serie più brevi, vengono effettuati confronti osservazionali simultanei con una stazione di marea di controllo al fine di derivare il dato equivalente del National Tidal Datum Epoch.

Significa acqua bassa (MLW). Un dato di marea. La media di tutte le altezze di bassa marea osservate durante l'epoca dei dati di marea nazionale. Per le stazioni con serie più brevi, vengono effettuati confronti osservazionali simultanei con una stazione di marea di controllo al fine di derivare il dato equivalente del National Tidal Datum Epoch.

Linea di galleggiamento medio bassa (MLWL). La linea su una carta o mappa che rappresenta l'intersezione della terra con la superficie dell'acqua all'altezza della bassa marea media.

Gamma media di marea. La differenza di altezza tra acqua alta media e acqua bassa media.

Livello medio del mare (MSL). (1) Un dato di marea. La media aritmetica delle altezze orarie osservate durante il National Tidal Datum Epoch. Le serie più brevi sono specificate nel nome; es. livello medio mensile del mare e livello medio annuale del mare. (2) L'altezza media della superficie del mare per tutte le fasi della marea in un periodo di 19 anni, solitamente determinata da letture orarie dell'altezza. Una determinazione del livello medio del mare che è stata adottata come standard per le altezze è chiamata xea level da£um,

Miglio misurato. Una lunghezza di 1 miglio nautico, i cui limiti sono stati accuratamente misurati e sono indicati da distanze a terra. Viene utilizzato dalle navi per calibrare log, contagiri motore, ecc. e per determinare la velocità.

Proiezione di Mercatore. Una proiezione conforme della mappa su un piano, in cui le linee di latitudine e longitudine sono rette parallele che si intersecano ad angolo retto e in cui i meridiani di longitudine sono distanziati equamente su tutta la mappa, in base alla loro distanza all'equatore, e le distanze tra i paralleli sono ricavate da un'analisi matematica, la loro spaziatura porta un'esatta relazione con la diffusione dei meridiani lungo un parallelo corrispondente.

Meridiano. Una linea di riferimento nord-sud, in particolare un grande cerchio attraverso i poli geografici della terra. Il termine si riferisce solitamente al ramo superiore, la metà, da polo a polo, che passa per un dato luogo; l'altra metà è chiamata ramo inferiore.

meridiani. Piani immaginari che passano attraverso i poli e misurano le longitudini ad est o ad ovest del meridiano principale di Creenwich. Guarda anche: Longitudine.

Mesa. Una collina rocciosa dalla sommità piatta con pendii scoscesi. (Stati Uniti sudoccidentali.)

metro. L'unità base di lunghezza nel Sistema Internazionale di Unità, pari a S9.S7008 pollici, circa.

Ciclo metonico. Un periodo di quasi 19 anni o lunazioni 2S5. Ideato da Metone, astronomo ateniese vissuto nel V secolo aC, allo scopo di ottenere un periodo in cui il novilunio e il plenilunio si sarebbero ripetuti nello stesso giorno dell'anno.

Sistema metrico. Sistema decimale di pesi e misure basato sul metro come unità di lunghezza e il chilogrammo come unità di massa.

Microonde. Un'onda elettromagnetica molto corta, generalmente considerata da S0 centimetri a 1 millimetro di lunghezza. Sebbene i limiti non siano chiaramente definiti, è generalmente considerato come la lunghezza d'onda di un'operazione radar.

Torre a microonde. Una torre che trasporta emittenti e ricevitori a microonde utilizzati nella trasmissione di segnali di comunicazione.

Boa MidJchannel.  Vedere Boa da fairway.

Media latitudine. Metà della somma aritmetica delle latitudini di due luoghi dalla stessa parte dell'equatore.

Miglio. (1) Un'unità di distanza. Il miglio nautico, o miglio marittimo, è utilizzato principalmente nella navigazione. Quasi tutte le nazioni marittime hanno adottato il Miglio Nautico Internazionale di 1.852 metri proposto nel 1929 dall'Ufficio Idrografico Internazionale. I Dipartimenti della Difesa e del Commercio degli Stati Uniti hanno adottato questo valore il 1 luglio 195k. Utilizzando il fattore di conversione iarda-metro in vigore dal 1 luglio 1959 (1 iarda = 0,91kk metro, esattamente), il miglio nautico internazionale equivale a 6076,115k9 piedi, circa. Il miglio geografico è la lunghezza di un minuto d'arco dell'equatore, considerato 6.087,08 piedi. Lo statuto miglio o miglio terrestre (5.280 piedi negli Stati Uniti) è comunemente usato per la navigazione su fiumi e laghi, in particolare nei laghi Creat del Nord America. (2) Un'unità di distanza, variamente definita. Guarda anche: Miglio, nautico; Mile, statuto.

Mile, nautica internazionale. Il miglio nautico definito esattamente come 1.852 metri di lunghezza. Fu proposto nel 1929 dall'International Hydrographic Bureau a causa della varietà di miglia nautiche allora in uso. Da allora è stato adottato dalla maggior parte delle nazioni marittime e, il 1 luglio 195k, dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti e dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Miglio, nautico. Il miglio nautico statunitense è definito come uguale alla lunghezza di 1/60 di grado di un cerchio massimo su una sfera avente un'area uguale all'area di un ellissoide che rappresenta la superficie terrestre. Il suo valore, calcolato per lo sferoide di Clarke del 1866, è 1,85S.2k8 m (6.080,2 piedi); (confronta con il miglio nautico internazionale di 1.852 m (6.076,1 piedi)).

Il miglio nautico statunitense è anche chiamato miglio xea, miglio geossafico e miglio geoxafico. Può essere considerato uguale alla lunghezza di un minuto di arco lungo l'equatore o di un minuto di latitudine in qualsiasi punto della mappa. Il miglio nautico viene utilizzato principalmente per indicare le distanze sull'acqua. È l'unità di lunghezza utilizzata per definire il nodo, un'unità di velocità definita come 1 miglio nautico all'ora.

Mile, statuto. Un'unità di lunghezza definita esattamente 5.280 piedi. Viene utilizzato principalmente per indicare le distanze sulla terraferma.

Minore aiuto alla navigazione. Una luce senza pilota e non monitorata su un fi <ed structure showing usually low to moderate intensity; generally fitted with light characteristics and dayboards in accordance with its lateral significance in the waterway.

Luce minore. Una luce automatica senza pilota su un fi <ed structure usually showing low to moderate intensity. Minor lights are established in harbors, along channels, along rivers, and in isolated locations. See also: Luce maggiore.

Fossato. Una depressione annuale che potrebbe non essere continua, situata alla base di una montagna sottomarina o di un'isola.

Montacarichi mobili. Un dispositivo per trainare piccole imbarcazioni e spostarle via terra su culle o nel luogo in cui i loro scafi e appendici subacquee vengono puliti, dipinti o riparati. È costituito da un telaio in acciaio automotore su pneumatici in gomma, con due imbracature sospese a argani elettrici. L'ascensore scorre su una pista che si estende sull'acqua, le imbracature vengono abbassate sott'acqua e la barca è posizionata sopra le imbracature; i montacarichi quindi sollevano le imbracature (e la barca) sopra la pista e da terra, e l'ascensore si allontana dalla pista.

Neo. Una forma di frangiflutti lungo il quale le navi possono giacere solo sul lato riparato; in alcuni casi può trovarsi interamente all'interno di un porto artificiale, consentendo alle navi di giacere lungo entrambi i lati. Una struttura, solitamente massiccia, sul lato verso il mare di un porto per la sua protezione contro l'azione della corrente e delle onde, il ghiaccio alla deriva, la sabbiatura, il vento, ecc. A volte può essere adatta per l'attracco di navi. Guarda anche: Molo; Banchina.

Ormeggio. Un luogo dove una nave può essere messa al sicuro. (Di solito a pl.) L'attrezzatura utilizzata per proteggere una nave. Il processo di messa in sicurezza di una nave, diverso dall'ancoraggio con una singola ancora.

Boa di ormeggio. Una boa fissata al fondo da ormeggi permanenti e dotata di mezzi per ormeggiare una nave mediante l'uso della sua catena di ancoraggio o cime di ormeggio.

Luce in codice Morse. Una luce in cui le apparenze di luce di due durate chiaramente diverse sono raggruppate per rappresentare uno o più caratteri nel codice Morse.

Morena. Qualsiasi accumulo di materiale sciolto depositato da un ghiacciaio.

Tumulo. Una bassa collina di terra, naturale o artificiale; in generale, qualsiasi collina prominente, più o meno isolata.

Montare. Una grande collina o montagna, di solito una massa di terra staccata e caratteristicamente conica.

Montagna. Un'elevazione naturale della superficie terrestre che sale più o meno bruscamente dal livello circostante e raggiunge un'altitudine che, relativamente alle quote adiacenti, è impressionante o notevole.

Catena montuosa. Una serie di montagne o creste montuose collegate e allineate.

Bocca. Il luogo di scarico di un ruscello nell'oceano o l'ingresso di una baia dall'oceano.

Fango. Uno dei numerosi descrittori della "natura del fondale marino" utilizzati nella tabella n. 1. Un termine generale applicato a mi <tures of sediments in water. Where the grains are less than 0.002 mm in diameter, the mi<ture is called clay,  Where the grains are between 0.002 mm and 0.0625 mm in diameter the mi<ture is called xil£,

Muschio. Una palude o una palude. (Locale negli Stati Uniti centro-settentrionali, Canada e Alaska.)

Si restringe. Una parte stretta navigabile di una baia, stretto, fiume, ecc.

Confine nazionale. Il confine marittimo degli Stati Uniti entro il quale esercita la sovranità esclusiva salvo il diritto al passaggio innocente di navi straniere; il limite di tre miglia. Vedere: Mare marginale.

Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA). La NOAA è stata costituita il S ottobre 1970, dal Piano di riorganizzazione k del 1970. Le sue funzioni principali sono autorizzate dal Titolo 15, Capitolo 9, Codice degli Stati Uniti (Servizio meteorologico nazionale); Titolo SS, Capitolo 17, Codice degli Stati Uniti (National Ocean Survey); e Titolo 16, Capitolo 9, Codice degli Stati Uniti (National Marine Fisheries Service). La missione della NOAA è stata ulteriormente definita dal Coastal Zone Management Act del 1972, dal Marine Mammals Protection Act del 1972, dal Marine Protection, Research,

e Sanctuaries Act del 1972, il Weather Modification Reporting Act del 1972, l'Endangered Species Act del 197S, l'Offshore Shrimp Fisheries Act del 197S e il Fishery Conservation and Management Act del 1976. La missione della NOAA è esplorare, mappare e tracciare un grafico dell'oceano globale e delle sue risorse viventi, gestire, utilizzare e conservare tali risorse e descrivere, monitorare e prevedere le condizioni nell'atmosfera, nell'oceano, nel sole e nell'ambiente spaziale, emettere avvertimenti contro imminenti eventi naturali distruttivi, sviluppare metodi benefici di modificazione ambientale e valutare le conseguenze di modifiche ambientali involontarie su diverse scale temporali.

Porto naturale. Un porto che possiede un riparo naturale in larga misura. I porti naturali richiedono solo la fornitura di strutture come banchine o moli e talvolta l'approfondimento con mezzi artificiali per renderli utili come porti marittimi.

Litorale naturale. Questa è la linea di contatto tra la superficie di uno specchio d'acqua e la terra naturale, isole comprese. Non comprende la linea di galleggiamento lungo elementi galleggianti o artificiali, o lungo rocce più piccole di quelle considerate isole.

Nautico. Di o relative a navi, navigazione (principalmente marina) o marinai. Al contrario, naviga£ional si riferisce solo alla navigazione, maxine si riferisce al mare, maxiime indica parentela o pro <imity to the sea, and naval refers to the Navy.

Carta nautica. Una rappresentazione di una porzione delle acque navigabili della terra e delle aree costiere adiacenti su una proiezione cartografica specifica e progettata specificamente per soddisfare i requisiti della navigazione marittima. Sono inclusi nella maggior parte delle carte nautiche: profondità dell'acqua, caratteristiche del fondale, elevazione di elementi topografici selezionati, configurazione generale e caratteristiche della costa, linea di costa (di solito la linea di galleggiamento alta media), pericoli, ostacoli, aiuti alla navigazione, limiti dati di marea e informazioni sulla variazione magnetica nell'area cartografica.

Manuale della Carta Nautica. Un manuale, edito da NOAA, per il cartografo impegnato nella costruzione e revisione di carte nautiche.

Navigabilità. L'effettiva capacità navigabile di un corso d'acqua e non l'entità dell'influenza delle maree.

Navigabile. Permettere il passaggio a un'imbarcazione; in grado di essere navigato.

Acque navigabili degli Stati Uniti. Le acque navigabili degli Stati Uniti sono quelle acque soggette al flusso e riflusso della marea e/o sono attualmente utilizzate, o sono state utilizzate in passato, o possono essere suscettibili di essere utilizzate per il trasporto di commercio interstatale o estero. Una determinazione di navigabilità, una volta effettuata, si applica lateralmente su tutta la superficie del corpo idrico, e non si estingue con azioni o eventi successivi che impediscano o distruggano la navigabilità. Vedere SS CFR Parte S29 per una definizione più completa di questo termine.

Navigazione. Il processo di pianificazione, registrazione e controllo del movimento di un'imbarcazione o di un veicolo da un luogo all'altro. La parola "navigare" deriva dal latino naviga£ux, participio passato del verbo navigere, che deriva dalla parola navis, che significa "nave", e agere, che significa "muovere" o "dirigere".

Aiuto alla navigazione. Uno strumento, dispositivo, carta, metodo, ecc., destinato ad assistere nella navigazione di un'imbarcazione. Questa espressione non deve essere confusa con aidx £o naviga£ion, che si riferisce solo a dispositivi esterni a un'imbarcazione. Nell'uso britannico, i termini aiuto alla navigazione e aiuto alla navigazione sono usati indistintamente.

Navigazione, lungo la costa. Navigazione in prossimità di una costa, in contrasto con la navigazione offshore.

Navigazione, elettronica. Navigazione per mezzo di apparecchiature elettroniche. L'espressione navigazione elettronica è più inclusiva della navigazione radio, poiché include la navigazione che coinvolge qualsiasi dispositivo o strumento elettronico.

Navigazione, offshore. Navigazione a distanza da una costa, in contrasto con la navigazione costiera.

Navigazione, radio. Qualsiasi metodo di navigazione in cui la posizione o la velocità sono dedotte dalle misurazioni sulle onde radio. Il termine è generalmente applicato solo a uno dei seguenti metodi di navigazione: (a) misurare la direzione o la distanza di due o più trasmettitori radio, (b) misurare le differenze di distanza di due o più coppie di trasmettitori radio, (c) misurare la Spostamento Doppler nella frequenza di un segnale da uno o più beacon orbitanti.

Sistema di navigazione. Un insieme di apparecchiature e tecniche mediante le quali la posizione di un veicolo in movimento, una nave o un aeromobile può essere determinata e resa nota in modo sufficientemente rapido in modo che le informazioni possano essere utilizzate per la navigazione.

Sistema di navigazione, iperbolico. Un sistema di navigazione che utilizza le differenze di distanza (misurate in lunghezze d'onda) di un'unità mobile da tre o più fi <ed stations to determine location. The locus of points all of which have the same difference of distance is a ”hyperbola.” If the difference in distance from two pairs of fi<ed points (one point of which may be common to the two) is determined, two intersecting hyperbolas result and the mobile unit is located at one of those intersections.

Neatline. Linea, solitamente griglia o reticolo, che delimita i dettagli di una mappa. Indicato anche come "linea netta interna" per differenziarsi dal bordo disegnato al di fuori della linea netta.

Collo. (1) Uno stretto istmo, mantello o promontorio. (2) Le aree di terra tra i corsi d'acqua che sfociano in un suono o in una baia. (S) Stretto lembo di terra, che collega una penisola con la terraferma. (k) uno stretto specchio d'acqua tra due corpi più grandi; uno stretto.

Rete sotto lo spazio della chiglia.  La distanza tra il fondo dell'oceano e la parte dello scafo di una petroliera più vicina al fondo dell'oceano quando la petroliera è in navigazione, ormeggiata o ancorata, considerando il movimento della nave in risposta alla combinazione di vento, onde, marea e condizioni attuali.

Nuovo grafico. Di solito viene costruita una nuova carta per soddisfare le esigenze di navigazione in una determinata area; ad esempio, l'area non aveva prima un'adeguata copertura cartografica della stessa scala, oppure i limiti sono cambiati radicalmente. Il nuovo grafico può cancellare un grafico esistente.

Nuove edizioni. Un problema grafico che annulla un numero precedente. Se le nuove informazioni rendono obsoleta la carta esistente, la nuova stampa viene designata come una nuova edizione. Una nuova edizione riflette uno o più cambiamenti di tale importanza per la navigazione che tutte le stampe precedenti sono obsolete. Le modifiche possono essere basate su correzioni da No£ice £o Maxinexx (NM), oltre ad altre fonti. La data di una nuova edizione è la data dell'ultimo NIMR NM da cui la carta è stata corretta. Il numero di edizione e la data sono stampati nell'angolo inferiore sinistro del grafico.

Ciclo di marea di diciannove anni. Il periodo di tempo generalmente considerato come un ciclo di marea completo perché la più importante delle variazioni periodiche di marea dovute a cause astronomiche avrà attraversato cicli completi. Il ciclo più lungo a cui è soggetta la marea è dovuto a un lento cambiamento della declinazione della luna, che copre 18,6 anni.

Intervallo nominale. La distanza massima che una luce può essere vista con tempo sereno (visibilità meteorologica di 10 miglia nautiche) indipendentemente dalla curvatura della terra, dall'altezza dell'occhio o dall'altezza della luce. Elencato per tutti gli ausili luminosi federali ad eccezione delle luci della gamma e delle luci direzionali.

Bacino non mareale. Un bacino chiuso separato dalle acque di marea da un cassone o paratoie. Le navi vengono spostate nel molo vicino all'alta marea. Il molo è chiuso quando la marea comincia a calare. Se necessario, le navi vengono mantenute a galla pompando acqua nel molo per mantenere il livello desiderato. Chiamato anche noi £ dock,

Acque non di marea. Acque non soggette all'influenza delle maree.

Elevazione normale della piscina. Il livello al quale viene generalmente mantenuto un corpo idrico controllato.

Nord. La direzione di riferimento primaria relativa alla terra; la direzione indicata da 000° in qualsiasi sistema diverso da quello relativo. Il vero nord è la direzione del polo geografico nord; nord magnetico la direzione nord determinata dalla bussola magnetica terrestre; griglia nord una direzione di riferimento arbitraria utilizzata con la navigazione della griglia.

Tacca. Una breve gola attraverso una collina, un crinale o una montagna. Un passaggio profondo e ravvicinato; una gola; spacco. (Locale nel New England.)

Avviso ai naviganti (NM). Una pubblicazione settimanale della Na£ional Imagexy and Mapping Regency (NIMR) preparata congiuntamente con la NOAA e la US Coast Cuard che fornisce informazioni sui cambiamenti negli aiuti alla navigazione (luci, boe, luci diurne, distanze), pericoli per la navigazione (rocce, secche, scogliere, relitti), elementi selezionati dal Local No£ice £o Maxinexx, importanti nuovi sondaggi, cambiamenti nei canali, costruzione di porti, informazioni sulla radionavigazione, carte e pubblicazioni nuove e riviste, avvertenze e avvisi speciali, idrolant, Hydropac, Navarea IV pertinenti e XII messaggi e, in generale, tutte le informazioni che interessano le carte nautiche, i manuali, i cataloghi, le indicazioni di navigazione (piloti), ecc. Il No£ice £o Maxinexx dovrebbe essere usato abitualmente per aggiornare le ultime edizioni delle carte nautiche e pubblicazioni correlate .

Boa della suora. Boa non illuminata la cui parte superiore del corpo (sopra la linea di galleggiamento), o la maggior parte della sovrastruttura, ha all'incirca la forma di un cono con il vertice rivolto verso l'alto. Chiamato boa conica nella terminologia britannica.

Oscurato. Detto dell'arco di un settore luminoso indicato dai suoi cuscinetti di limitazione in cui la luce non è visibile da verso il mare.

Grafico obsoleto. Una carta che non è considerata sicura da utilizzare per la navigazione perché non contiene le ultime informazioni importanti per la navigazione.

Ostruzione. Tutto ciò che ostacola o impedisce il movimento, in particolare tutto ciò che mette in pericolo o impedisce il passaggio di una nave o di un aeromobile. Il termine è solitamente usato per indicare un pericolo isolato per la navigazione, come uno scoglio o un pinnacolo sommerso nel caso della navigazione marittima, e una torre, un edificio alto, una vetta, ecc., nel caso della navigazione aerea.

Boa di ostacolo. Una boa usata da sola per indicare una scogliera o una secca pericolosa. La boa può essere superata su entrambi i lati.

Luce di ostacolo. Una luce che indica una torre radio o un altro ostacolo all'aeromobile.

Segno di ostacolo. Un segno di navigazione utilizzato da solo per indicare una barriera corallina o un banco pericoloso. Il voto può essere passato su entrambe le mani.

Luce occasionale. Una luce messa in servizio solo su richiesta.

Oceano. Il grande corpo di acqua salata, che occupa i due terzi della superficie della terra, o una delle sue principali suddivisioni. Il mare in contrapposizione alla terra.

Al largo. Lontano dalla riva. La zona relativamente piatta di larghezza variabile che si estende dal limite esterno della parete costiera in pendenza piuttosto ripida fino al bordo della piattaforma continentale.

Stazioni luminose offshore. Stazioni luminose con equipaggio costruite su siti marini esposti per sostituire le navi faro.

Navigazione offshore. Navigazione a distanza da una costa, in contrasto con la navigazione costiera in prossimità di una costa.

Torre in mare aperto. Stazioni luminose con equipaggio o monitorate costruite su siti marini esposti per sostituire navi leggere.

Acqua al largo.  Acque adiacenti a terreni in cui le proprietà fisiche sono leggermente influenzate dalle condizioni continentali.

Suoni spenti. Detto di una nave che naviga oltre la curva di 100 braccia. In passato si diceva di una nave nell'acqua più profonda di quanto si potesse suonare con il piombo sonoro.

Fuori stazione. Un aiuto galleggiante non nella posizione assegnata.

Sistema di navigazione Omega. Un sistema di radionavigazione mondiale, continuo, di media precisione, che fornisce linee di posizione iperboliche attraverso confronti di fase di segnali a onda continua VLF (da 10 kHz a 1k kHz) trasmessi su una frequenza comune su base a tempo condiviso. Il sistema è composto da otto stazioni trasmittenti.

Omnirange. Un ausilio radio alla navigazione che fornisce l'indicazione diretta di un rilevamento magnetico (omnibearing) di quella stazione da qualsiasi direzione. Chiamato anche omnidixec£ional xange o omnidixec£ional beacon,

Corsia a senso unico. Una corsia entro la quale si consiglia a tutte le navi di procedere approssimativamente nella stessa direzione.

Sui suoni. Detto di una nave che naviga all'interno della curva di 100 braccia. In tempi antichi si diceva di una nave in acqua sufficientemente bassa per suonare suonando il piombo.

Oose. Uno dei numerosi descrittori della "natura del fondale marino" utilizzati nella tabella n. 1. Un sedimento organico soffice, viscido che ricopre parte del fondo oceanico composto principalmente da conchiglie o altre parti dure di minuscoli organismi. In generale, melma offre un pessimo acquisto per le ancore.

Costa aperta. La costa che costeggia il mare marginale, distinta dalla costa che costeggia le acque interne. Una costa che non è riparata dal mare.

Porto aperto. Un porto non riparato esposto al mare.

Mare aperto. L'area d'acqua della costa aperta verso il mare rispetto alla normale boa di bassa marea, o verso il mare rispetto alle acque interne.

Piattaforma continentale esterna (OCS). Indica tutte le terre sommerse che si trovano verso il mare e al di fuori dell'area delle "terre sotto le acque navigabili" come definito nella Sezione 2(a) del Submerged Lands Act (kS USC 1S01(a)) e di cui il sottosuolo e il fondale marino appartengono al Regno Stati e sono soggetti alla sua giurisdizione e controllo. Per "attività OCS" si intende qualsiasi attività offshore associata all'esplorazione, allo sviluppo o alla produzione dei minatori dell'OCS.

Struttura della piattaforma continentale esterna (OCS). "Impianto OCS" indica qualsiasi isola artificiale, installazione o altro dispositivo permanentemente o temporaneamente attaccato al sottosuolo o al fondo marino dell'OCS, eretto allo scopo di esplorare, sviluppare o produrre risorse da esso, o qualsiasi installazione o altro dispositivo di questo tipo ( diversa da una nave o nave) ai fini del trasporto di tali risorse. Il termine comprende le unità mobili di perforazione offshore a contatto con i fondali marini dell'OCS per l'esplorazione o lo sfruttamento di risorse sottomarine.

Presa. L'apertura attraverso o attraverso la quale qualsiasi corpo d'acqua scarica il suo contenuto.

sconfinamenti. Onde corte e che si infrangono, che si verificano quando una forte corrente passa sopra una secca o un'altra ostruzione sottomarina o incontra una corrente o un vento contrari. Vedere: Strappi.

Palizzata. Una pittoresca ed estesa scogliera rocciosa che si erge ripida dal margine di un ruscello o di un lago; una linea di scogliere audaci, in particolare una che mostra colonne basaltiche (di solito plurale).

Paralleli. Piani immaginari che passano attraverso la terra parallelamente all'equatore e misurano le latitudini a nord oa sud dell'equatore.

Passaggio. (1) Un canale navigabile che conduce a un porto o fiume. A volte chiamato Passaggio. (2) Un'interruzione in una catena montuosa, che consente un passaggio anticipato da un lato all'altro della catena; chiamato anche ✓ol.

(S) Un'apertura stretta attraverso una barriera corallina, un pedaggio o un banco di sabbia.

Passaggio. Uno stretto canale navigabile, in particolare attraverso scogliere o isole. A volte chiamato a passaggio, o nelle acque del New England, un buco,

Luce che passa. Un termine si applica a una luce di candela inferiore montata su una struttura leggera. Utilizzato quando un marinaio esce dal raggio di luce principale (come una luce di gamma) ma deve comunque mantenere la struttura in vista durante il transito.

Picco. Una cima di montagna appuntita; il punto più alto; vertice; una montagna sottomarina che si eleva per più di 500 braccia dal fondo del mare e con una sommità appuntita o arrotondata.

Ciottolo. Uno dei numerosi descrittori della “natura del fondale marino” utilizzati nella Carta n. 1. Vedi indice: Pietre.

Linea beccata. In cartografia, un simbolo costituito da una linea spezzata a intervalli regolari.

Penisola. Un corpo di terra che si protende e quasi circondato dall'acqua, spesso (ma non necessariamente) collegato a un corpo di terra più grande da un collo o un istmo.

Pertica. Un'asta posta sopra una boa, una roccia o una secca come segno per i navigatori. A volte una palla o una gabbia viene posizionata nella parte superiore del trespolo, come segno identificativo.

Periodo. L'intervallo di tempo tra l'inizio dell'aspetto identico in due cicli successivi di una luce ritmica.

Permafrost. Uno strato di terreno o substrato roccioso a una profondità variabile sotto la superficie terrestre in cui la temperatura è rimasta sotto lo zero ininterrottamente da poche a diverse migliaia di anni.

Fotogrammetria. (1) La scienza o l'arte di ottenere misurazioni affidabili da immagini fotografiche. (2) La scienza della preparazione di carte e mappe da fotografie aeree utilizzando apparecchiature e metodi stereoscopici.

Simbolo pittorico. Un simbolo la cui forma è una rappresentazione semplificata della caratteristica o del fenomeno che rappresenta.

Molo. (1) Una struttura che si estende nell'acqua approssimativamente perpendicolarmente a una riva oa una sponda e fornisce l'attracco per le navi e che può anche fornire strutture per la movimentazione del carico. Guarda anche: Molo. (2) Una struttura che si estende nell'acqua approssimativamente perpendicolarmente a una riva o a una sponda e fornisce una passeggiata o un luogo per altri usi, come molo per la pesca.

(S) Un supporto per le campate di un ponte.

Pierhead. Quella parte di un molo o di un molo che si proietta più lontano nell'acqua.

Mucchio. Un lungo e pesante legno o sezione di acciaio, cemento, ecc., costretto nella terra per fungere da supporto, come per un molo, o per resistere alla pressione laterale.

Mucchio, foglio. Un palo con una sezione trasversale piatta generalmente snella da conficcare nel terreno o nel fondo del mare e ingranato o incastrato con elementi simili per formare un diaframma, una parete o una paratia.

Accatastamento. Un gruppo di pile disposte in fila.

Boa pilastro. Una boa composta da un'alta struttura centrale montata su un'ampia base piatta. Chiamato anche boa di segnalazione,

Pilota. Colui che dirige i movimenti di una nave attraverso acque pilota; di norma, colui che ha dimostrato una vasta conoscenza di canali, ausili alla navigazione, pericoli per la navigazione, ecc., in una determinata area ed è autorizzato per quella zona.

Zona pilota. Un'area pilota rappresenta un luogo di incontro o di imbarco in cui le navi prelevano o sbarcano i piloti. Una nave pilota può navigare nell'area in modo continuativo o uscire su richiesta.

Stazione pilota. L'ufficio o sede di piloti; il luogo dove si possono ottenere i servizi di un pilota.

Pinnacolo. Sul fondo del mare, un'alta torre o pilastro a forma di guglia di roccia o corallo, lungo o in cima a una vetta. Può essere o meno un pericolo per la navigazione in superficie. A causa dell'innalzamento del fondale marino, nessun avvertimento viene dato dal suono.

Tubo. Un tubo metallico cavo, di vari diametri e lunghezze, incastrato nel fondo in modo simile a un mucchio. I tubi sono spesso utilizzati come ausili privati per la navigazione e nella determinazione della migrazione della sabbia della spiaggia o del fondale (deposizione o erosione).

Pianura. Una regione di pendenza generale uniforme, relativamente pianeggiante, di notevole estensione, e non interrotta da marcati rilievi e depressioni (può trattarsi di un esteso fondovalle o di una sommità di altopiano); e estensione del terreno pianeggiante o quasi pianeggiante; una regione del fondale marino piatta, in leggera pendenza o quasi livellata.

Indicatore di posizione del piano (PPI). Un cannocchiale a raggi catodici su cui i segnali appaiono in relazione corretta tra loro, in modo che la faccia del cannocchiale presenti una rappresentazione simile a una mappa dell'area attorno al trasmettitore, il direttore di un bersaglio essendo rappresentato dalla direzione della sua eco da un centro e dalla portata di la sua distanza da quel centro.

Altopiano. Una regione di pianura elevata, altopiano o cima piatta di notevole estensione; un'elevazione relativamente piatta del fondale marino maggiore di 60 miglia nautiche attraverso la vetta e normalmente in aumento di oltre 100 braccia su tutti i lati.

Piattaforma. (1) Nella letteratura geografica, un terrazzo naturale o artificiale; un pezzo di terreno rialzato piatto; un altopiano, un altopiano. (2) Nella terminologia oceanografica, qualsiasi struttura artificiale (aeromobile, nave, boa o torre) da o su cui sono sospesi o installati strumenti oceanografici. (S) Strutture che sono erette sul o sopra il fondo marino e il sottosuolo della piattaforma continentale esterna e nelle acque sotto la giurisdizione degli Stati Uniti, allo scopo di esplorare, sviluppare, rimuovere e trasportare risorse da lì. Questo include tutti i fi <ed structures, temporary or permanent, for which a U.S Army Corps of Engineers’ permit is issued. It includes, but is not necessarily limited to, all drilling platforms, production platforms, quarters platforms, pipeline riser platforms, manifold platforms, loading platforms, boat landings, caissons, oil well protective structures, tank battery barges submerged on station, drilling barges submerged on location, breakwater barges submerged on location, and all other piles, pile clusters, pipes, or structures erected in the waters.

Pocopeccato. Una palude; un triste. (Stati Uniti meridionali)

Punto. L'estremità estrema di un mantello, o l'estremità esterna di qualsiasi area di terra che sporge nell'acqua (meno prominente di un mantello).

Proiezione di mappe policoniche. Una proiezione cartografica avente il meridiano geografico centrale rappresentato da una linea retta, lungo la quale la spaziatura delle linee che rappresentano i paralleli geografici è proporzionale alle distanze tra i paralleli; i paralleli sono rappresentati da archi di cerchio che non sono concentrici, ma i cui centri giacciono sulla linea che rappresenta il meridiano centrale, ed i cui raggi sono determinati dalle lunghezze degli elementi di cono, che sono tangenti lungo le parallele. Tutti i meridiani tranne quelli centrali sono curvi.

Stagno. Un piccolo specchio d'acqua calma di formazione artificiale, il cui letto è scavato nel terreno o formato dall'argine e dalla diga di una cavità naturale. Un piccolo lago d'acqua dolce.

Pontone. Una barca a fondo piatto, o un certo numero di barche a fondo piatto, o altri oggetti galleggianti, come cilindri cavi, usati come supporti per un ponte.

Ponte di barche. Un ponte sostenuto su pontoni.

Piscina. Una pozza d'acqua o un piccolo stagno; un piccolo specchio d'acqua stagnante; un piccolo e piuttosto profondo specchio d'acqua (di solito) dolce, come quello di un ruscello.

Porta. Un luogo per il carico e lo scarico delle navi riconosciute e vigilate ai fini marittimi dalle pubbliche autorità. Il termine comprende una città o un borgo per l'accoglienza di marinai e mercanti e denota quindi qualcosa di più di un porto o di una lepre. Un porto può possedere un porto, ma un porto non è necessariamente un porto. Qualsiasi insenatura naturale o insenatura in riva al mare con un'adeguata profondità dell'acqua e un riparo sufficiente per le navi soddisfa le condizioni essenziali di un porto. Per farne un porto, nel senso accettato della parola, devono esserci in aggiunta alloggi e strutture per lo sbarco di passeggeri e merci e una certa quantità di commercio estero.

Boa di babordo. Boa che deve essere lasciata a babordo quando ci si avvicina dal mare aperto o in genere si procede in direzione della corrente principale di piena, o nella direzione stabilita dall'autorità preposta.

Posizione. Un punto definito da coordinate dichiarate o implicite, in particolare una sulla superficie terrestre. A fi< è una posizione relativamente precisa determinata senza riferimento a nessuna posizione precedente. Un fi< in corsa è una posizione determinata dall'incrocio di linee di posizione ottenute in tempi diversi e avanzate o ritirate in un tempo comune. Una posizione stimata è determinata da dati incompleti o dati di dubbia accuratezza. Una posizione di dead reckoning è determinata avanzando una posizione precedente per percorsi e distanze. Una posizione più probabile è quella posizione di un'imbarcazione giudicata più accurata quando esiste un elemento di dubbio sulla vera posizione. Può essere una posizione fi<, running fi<, stimata o dead reckoning a seconda delle informazioni su cui si basa. Una posizione assunta è un punto in cui si presume che si trovi un'imbarcazione. Una posizione geografica è quel punto della terra in cui un dato corpo celeste si trova allo zenit in un determinato momento, o qualsiasi posizione definita per mezzo delle sue coordinate geografiche. Una posizione geodetica è un punto sulla terra le cui coordinate sono state determinate mediante triangolazione da una stazione iniziale accuratamente nota o definita in termini di latitudine e longitudine geodetica. Una posizione astronomica è un punto della terra le cui coordinate sono state determinate a seguito dell'osservazione dei corpi celesti, o definito in termini di latitudine e longitudine astronomiche. Una posizione marittima è la posizione di un porto marittimo o di un altro punto lungo una costa. Una posizione relativa è quella definita con riferimento ad un'altra posizione, sia fi <ed or moving.

Posizione approssimativa. Di posizione inesatta. L'espressione è usata principalmente sui grafici per indicare che la posizione di un relitto, di una secca, ecc., non è stata determinata con precisione o non rimane fi <ed. Usually shown by the abbreviation ‘PA’.

Posizione dubbia. Di posizione incerta. L'espressione è usata principalmente sui grafici per indicare che un relitto, una secca, ecc., è stato segnalato in varie posizioni e non determinato in nessuna. Solitamente indicato dalla sigla 'PD'.

Posizione, stimata. La posizione più probabile di un'imbarcazione determinata da dati incompleti o dati di dubbia accuratezza. Tale posizione potrebbe essere determinata applicando una correzione alla posizione di dead reckoning.

Sistema di posizionamento, iperbolico. Un sistema di posizionamento in cui l'osservatore misura la differenza di tempo di ricezione dei segnali provenienti da due stazioni le cui coordinate sono note. La differenza di tempo viene convertita in una differenza di distanza. Il luogo di tutti i punti che giacciono su un fi <ed difference in distance from two points are the two branches of a hyperbola.

Sistema di posizionamento, inerziale.  Un sistema di posizionamento costituito da un computer e un insieme di tre accelerometri e due o tre giroscopi. I giroscopi sono fissati tra loro in modo da definire l'orientamento degli accelerometri rispetto alle coordinate non rotanti e gli accelerometri misurano le componenti di accelerazione del sistema di posizionamento lungo le direzioni definite dai giroscopi. Il computer e le apparecchiature associate integrano le componenti di accelerazione per fornire le tre componenti di spostamento del sistema di posizionamento.

Sistema di posizionamento, radio.  Un sistema di posizionamento in cui viene misurato il tempo di viaggio o lo sfasamento delle onde radio. I più comuni sistemi di radioposizionamento attualmente misurano la differenza nel tempo di percorrenza degli impulsi radio da tre o più punti noti.

Sistema di posizionamento, satellite. Un sistema di posizionamento costituito da un ricevitore radio, o ricevitore e trasmettitore, nel punto la cui posizione deve essere determinata, uno o più fari o transponder in orbita attorno alla terra e un sistema di calcolo per determinare e prevedere le orbite. I satelliti possono essere considerati punti di posizione nota. Il radioricevitore può misurare i tempi di percorrenza degli impulsi radio, le direzioni verso i satelliti o lo spostamento Doppler della frequenza delle onde radio emesse dai satelliti.

Inviare. Un piccolo faro, più consistente di un trespolo, usato per marcare i canali. Guarda anche: Mucchio.

Acqua potabile. Acqua adatta da bere o da cucinare, sia dal punto di vista sanitario che estetico.

Presa di acqua potabile (PWI). Una struttura progettata per l'assunzione di acqua potabile. La presa è solitamente sopraelevata rispetto al fondo, supportata e protetta da una struttura di screening dei detriti (culla), una caratteristica tracciata separatamente.

Libbra netta. Rete fissa composta da rete verticale sorretta e trattenuta da paletti. Si compone di tre parti essenziali. Il piatto (pound, pocket, bowl), le ali o cuori e il leader o piombo. La sterlina è costituita da un sacco di robusta rete con maglie da 1 pollice il cui margine è supportato da paletti verticali. Il fondo della sterlina è steso e assicurato da funi che passano attraverso anelli vicino all'estremità inferiore dei paletti. Le ali o il cuore sono recinzioni verticali di rete divergenti dall'ingresso della rete. La maglia è di 1/2 pollice e sono supportati da paletti. Il capo, che può variare in lunghezza da circa 150 piedi a 1.000 o più, si estende dalla riva o da acque poco profonde in acque più profonde e devia il pesce verso il cuore o le ali.

Prateria. Una pianura senza alberi ed erbosa; un ampio tratto di pascolo; un tratto basso, sabbioso ed erboso nella pineta della Florida.

Pratico. Autorizzazione concessa dalle autorità di quarantena (US Public Health Service) ad una nave, arrivata da un porto estero, per comunicare con la costa; pratique è normalmente concesso solo dopo l'ispezione e il rilascio. Pratique può essere concesso via radio senza ispezione ad alcune delle navi passeggeri più grandi che entrano in determinati porti statunitensi; la richiesta di tale pratica radiofonica deve essere effettuata via radio, fornendo tutti i dettagli relativi alle condizioni igienico-sanitarie a bordo, da 12 a 2k ore prima dell'orario di arrivo al porto.

Zona di precauzione. Una misura di rotta comprendente un'area entro limiti definiti in cui le navi devono navigare con particolare cautela e all'interno della quale può essere raccomandata la direzione del flusso di traffico.

Precipizio. L'orlo o il bordo di una scogliera alta e molto ripida; un brusco declivio.

Grafico preliminare. Un grafico per il quale c'è un forte requisito, ma di una regione in cui alcuni o tutti i dati dell'indagine non soddisfano gli standard moderni. Le carenze nei sondaggi possono essere dovute a tecniche di rilevamento su piccola scala, antiquate o non standard, età obsoleta, dati non elaborati o non approvati o altri fattori che fanno sì che i dati del sondaggio siano al di sotto degli standard consueti per la scala del grafico.

Luce primaria. Un importante aiuto alla navigazione istituito allo scopo di effettuare approdi e passaggi costieri da promontorio a promontorio o per contrassegnare aree pericolose per i marinai.

Primo meridiano. Il meridiano della longitudine 0°, utilizzato come origine per la misurazione della longitudine. Il meridiano di Creenwich, in Inghilterra, è quasi universalmente utilizzato per questo scopo.

Aiuti privati alla navigazione. Nelle acque statunitensi, quegli aiuti alla navigazione non stabiliti e mantenuti dalla US Coast Cuard. Gli aiuti privati includono quelli stabiliti da altre agenzie federali previa approvazione della US Coast Cuard, quegli aiuti alla navigazione su strutture marine o altre opere che i proprietari sono legalmente obbligati a stabilire, mantenere e operare come prescritto dalla US Coast Cuard, e quegli aiuti che sono semplicemente desiderati, per un motivo o per l'altro, dalla singola società, dal governo statale o locale o da altro ente che ha stabilito l'aiuto con l'approvazione della US Coast Cuard. Sebbene gli aiuti privati alla navigazione siano ispezionati periodicamente dalla US Coast Cuard, il marinaio dovrebbe prestare particolare attenzione quando li utilizza per la navigazione generale.

Zona vietata. Un'area indicata sulle carte nautiche all'interno della quale è vietata la navigazione e/o l'ancoraggio se non autorizzato dall'autorità competente. Guarda anche: Zona pericolosa, Zona riservata.

Proiezione. (1) Le linee che rappresentano i paralleli di latitudine e meridiani di longitudine tracciate su un foglio di rilevamento, mappa o carta. (2) La rappresentazione di una figura su una superficie, piana o curva, secondo un piano definito. In una proiezione prospettica ciò avviene mediante la proiezione di linee che emanano da un unico punto, che può essere l'infinito.

Proiezione, conica conforme Lambert. Una proiezione conforme di tipo conico, su cui tutti i meridiani geografici sono rappresentati da linee rette, che si incontrano in un punto comune al di fuori dei limiti della mappa, e i paralleli geografici sono rappresentati da una serie di archi di cerchio aventi questo punto comune per un centro. Meridiani e paralleli si intersecano ad angolo retto e gli angoli sulla terra sono rappresentati correttamente sulla proiezione.

Proiezione, mercatore. Una proiezione conforme di tipo cilindrico. L'equatore è rappresentato da una linea retta fedele alla scala; i meridiani geografici sono rappresentati da rette parallele perpendicolari alla retta che rappresenta l'equatore; sono distanziati in base alla loro distanza all'equatore. I paralleli geografici sono rappresentati da un secondo sistema di rette perpendicolari alla famiglia di rette che rappresentano i meridiani, e quindi parallele all'equatore. La conformità si ottiene mediante l'analisi matematica, la spaziatura dei paralleli viene aumentata con l'aumentare della distanza dall'equatore per conformarsi alla scala in espansione lungo i paralleli risultanti dai meridiani rappresentati da linee parallele. Poiché le linee lossodromi appaiono come linee rette e le direzioni possono essere misurate direttamente, questa proiezione è ampiamente utilizzata nella navigazione.

Proiezione, obliqua. Qualsiasi proiezione standard utilizzata nella costruzione di mappe o mappe, che non è conforme a un formato nord-sud generale in relazione alle linee nette della mappa o della mappa.

Promontorio. Altura che si estende in un grande specchio d'acqua oltre la linea della costa. Chiamato promontorio quando il promontorio è relativamente alto e ha una parete ripida. Chiamato anche volpe,

Divisori proporzionali. Uno strumento costituito nella sua forma semplice di due gambe appuntite ad entrambe le estremità e munite di un perno regolabile, in modo che per ogni data impostazione del perno, la distanza tra una serie di estremità appuntite abbia sempre lo stesso rapporto con la distanza tra l'altra serie. Un cambiamento nel pivot cambia il rapporto. I divisori vengono utilizzati per trasferire misurazioni tra grafici o altri disegni che non sono della stessa scala.

Goniometro, treJarm. Strumento costituito essenzialmente da un cerchio graduato in gradi, al quale è attaccato un fi <ed arm and two arms pivoted at the center and provided with clamps so that they can be set at any angle to the fi<ed arm, within the limits of the instrument. It is used for finding a ship’s position, when the angles between three-fi<ed and known points are measured.

Provincia. Una regione composta da un insieme di caratteristiche batimetriche simili le cui caratteristiche sono nettamente in contrasto con quelle delle aree circostanti.

Nota dell'editore. Una nota a margine che indica l'editore e solitamente il luogo di pubblicazione.

Complesso di piattaforme di pompaggio (PPC). Un'unica piattaforma di una serie di piattaforme interconnesse che hanno una o più delle seguenti capacità: (1) pompare petrolio tra una nave e la costa; (2) strutture per l'attracco e la mensa del personale addetto; (S) area di atterraggio per elicotteri; e (k) ormeggio e carico per piccole navi.

Quarti. Uno dei numerosi descrittori della “natura del fondale marino” utilizzati nella tabella n. 1. Il quarzo è silice cristallina. Nella sua forma più comune è incolore e trasparente, ma assume una grande varietà di forme con vari gradi di opacità e colore. È il minerale solido più comune. Parte del fondale oceanico è composta da quarzo.

Banchina. Una struttura di solida costruzione lungo una riva o una sponda che fornisce l'attracco per le navi e che generalmente fornisce strutture per la movimentazione del carico. Una struttura simile di costruzione aperta è chiamata whaxf, Vedi anche: Neo.

Sabbie mobili. Sabbia sciolta, cedevole, bagnata che non offre supporto a oggetti pesanti. Il flusso dell'acqua verso l'alto ha una velocità che elimina le pressioni di contatto tra i granelli di sabbia e fa sì che la massa d'acqua sabbiosa si comporti come un fluido.

Gara. Acqua che scorre veloce in uno stretto canale o fiume; anche il canale stesso che può essere artificiale come in un mulino. Anche un rapido flusso d'acqua attraverso uno stretto canale nelle acque di marea e causato dal movimento di marea delle acque. Vedere: Corsa di marea.

RACON (Radar Transponder Beacon). Un sistema di radionavigazione che trasmette un segnale codificato che viene visualizzato sullo schermo radar dell'utente consentendogli di identificare l'ausilio e determinarne la portata e la direzione.

Radar. Un sistema elettronico progettato per trasmettere segnali radio e ricevere immagini riflesse di tali segnali da un "bersaglio" al fine di determinare il rilevamento e la distanza del "bersaglio".

Faro radar. Un trasmettitore radar le cui emissioni consentono a una nave di determinare la sua direzione e la posizione frequente rispetto al trasmettitore per mezzo dell'apparecchiatura radar della nave. Esistono due tipi generali di fari radar. Un tipo, il RACON, deve essere attivato dalle emissioni radar della nave; l'altro tipo, il RAMARK, trasmette continuamente e fornisce solo cuscinetti.

Boa radar. Una boa con riflettori angolari progettati nella sovrastruttura, mantenendo la forma caratteristica della boa. Questo per differenziarsi da una boa su cui è montato un riflettore angolare.

Cupola radar. Una struttura a forma di cupola utilizzata per proteggere l'antenna di un'installazione radar.

Riflettore radar. Un fi speciale <ture fitted to or incorporated into the design of certain aids to navigation to enhance their ability to reflect radar energy. In general, these fi<tures will materially improve the aids for use by vessels equipped with radar.

Radiofaro. Apparecchio elettronico che trasmette un segnale radio da utilizzare per fornire a un marinaio una linea di posizione.

Caratteristica radiofaro. La descrizione del ciclo completo di trasmissione di un radiobeacon in un dato periodo di tempo, compreso l'eventuale periodo di silenzio.

Cercatore di direzione radio (RDF). Apparecchiatura radioricevente che determina la direzione di arrivo di un segnale misurando l'orientamento del fronte d'onda o del vettore magnetico o elettrico. I rilevatori di direzione radio possono essere manuali o automatici. Chiamato anche dixec£ion findex, precedentemente chiamato xadio compaxx,

Frequenza radio. Qualsiasi onda elettromagnetica che si verifica all'interno di quel segmento dello spettro normalmente associato a una qualche forma di propagazione radio. Le frequenze radio sono generalmente classificate come molto basse, da S a S0 kilohex £ x (kHz); basso, da S0 a S00 kHz; medio, da S00 a S.000 kHz; alto, da S0 a S0 megahertz; molto alto, da S0 a S00 megahertz; ultra alto, da S00 a S.000 megahertz; super alto, da S a S0 gigahertz; estremamente alto, da S0 a S00 gigahertz.

Albero radiofonico. Un albero radio è una struttura alta tenuta in verticale da tiranti.

Radionavigazione. (1) La determinazione della posizione, o l'ottenimento di informazioni relative alla posizione, ai fini della navigazione mediante le proprietà di propagazione delle onde radio. (2) Come definito dall'In£exna£ional Telecommunica£ion Union (ITU), la radiodeterminazione utilizzata ai fini della navigazione, compreso l'avviso di ostacolo.

Stazione radio. Un luogo dotato di uno o più trasmettitori o ricevitori, o una combinazione di trasmettitori e ricevitori, comprese le apparecchiature accessorie necessarie in un luogo, per lo svolgimento di un servizio di radiocomunicazione. Ogni stazione è classificata in base al servizio in cui opera permanentemente o temporaneamente.

Torre radiofonica. Una torre radio è una struttura a traliccio autoportante.

Rampa. Una struttura inclinata che può essere utilizzata sia come approdo, a livelli d'acqua variabili, per piccole imbarcazioni, navi da sbarco o traghetto, sia per trainare una culla che trasporta una nave.

Gamma. (1) Due o più oggetti in linea. Si dice che tali oggetti siano "nel raggio di azione". Si dice che un osservatore che li ha nel raggio d'azione sia "sul raggio". Due segnali sono spesso posizionati allo scopo specifico di formare un raggio per indicare un percorso sicuro o la linea centrale di un canale. Chiamato leader maxkx in

terminologia britannica. (2) Distanza in una sola direzione o lungo un cerchio massimo. (S) La distanza estrema alla quale un oggetto o una luce può essere vista è chiamata xange vixual, (k) La distanza estrema alla quale un segnale può essere rilevato o utilizzato. La distanza massima alla quale viene fornito un servizio affidabile è chiamata opexa£ing xange, La diffusione delle gamme in cui vi è un elemento di incertezza interpretativa è chiamata cxi£ical xange, (5) La distanza che un'imbarcazione può percorrere a velocità di crociera senza il rifornimento si chiama cxuixing xadiux, (6) La differenza nei valori estremi di una quantità variabile. Guarda anche: Gamma di marea.

(7) Una serie di montagne o creste montuose è chiamata moun£ain xange, (8) Una linea predeterminata lungo la quale si muove un'imbarcazione mentre vengono registrati determinati dati

da strumenti solitamente posti al di sotto della linea, o l'intera stazione in cui tali informazioni sono determinate. Guarda anche: Gamma di smagnetizzazione. (9) Un'area in cui è autorizzata la pratica del tiro con l'equipaggiamento di artiglieria. (10) Sul fondo del mare, una serie di creste o montagne sottomarine.

Intervallo, geografico (al). La massima distanza alla quale una luce può essere vista in funzione della curvatura della terra e delle altezze della sorgente luminosa e dell'osservatore.

Gamma, luminoso. La massima distanza alla quale una luce può essere vista semplicemente in funzione della sua intensità luminosa, della visibilità meteorologica e della sensibilità dell'occhio dell'osservatore.

Intervallo, nominale. La gamma luminosa di una luce in un'atmosfera omogenea in cui la visibilità meteorologica è di 10 miglia marine.

Gamma di marea. Il dislivello tra acque consecutive di alta e bassa marea. L'intervallo medio è la differenza di altezza tra l'acqua alta media e l'acqua bassa media.

Rapide). Porzioni di torrente a corrente accelerata dove discende rapidamente ma senza interruzione della pendenza dell'alveo sufficiente a formare una cascata. Di solito usato al plurale.

Burrone. Una gola; una piccola gola o canyon, i cui lati hanno pendii relativamente uniformi.

Portata. Il segmento relativamente rettilineo di un fiume o di un canale tra due anse. Quella parte di un fiume tortuoso tra l'ultima ansa e il mare è chiamata xea xeach; quella parte tra il porto e la prima curva è chiamata haxbox xeach.

Ricostruito. Un fi <ed aid, previously destroyed, which has been restored as an aid to navigation.

Cuscinetto reciproco. Un rilevamento che differisce di 180° o uno misurato nella direzione opposta, da un dato rilevamento.

Direzione del flusso di traffico consigliata. Un modello di flusso di traffico che indica un movimento direzionale consigliato del traffico in cui non è pratico o non necessario adottare una direzione del flusso di traffico stabilita.

Traccia consigliata. Una rotta che è stata appositamente esaminata per garantire, per quanto possibile, che sia esente da pericoli e lungo la quale si consiglia la navigazione delle navi.

Riduzione dei sounding. I sondaggi registrati sui rilievi idrografici sono corretti per qualsiasi deviazione dalle profondità reali attribuibile al metodo di sondaggio o ad un guasto nell'apparato di misura e per l'elevazione della marea o del livello dell'acqua sopra o sotto il dato cartografico (correzione di marea o di fase).

scogliera. Un'elevazione rocciosa o corallina pericolosa per la navigazione in superficie che può rivelarsi o meno al dato sonda. Una scogliera rocciosa è sempre staccata dalla riva; una barriera corallina può o non può essere collegata alla riva.

Dato di riferimento. Un termine generale applicato a qualsiasi dato, piano o superficie utilizzato come riferimento o base da cui è possibile misurare altre quantità.

Stazione di riferimento. Una stazione di marea o corrente per la quale sono fornite previsioni giornaliere indipendenti nella tabella delle maree e nella tabella delle maree ✓uxxen£, e dalla quale si ottengono le previsioni corrispondenti per le stazioni subordinate mediante differenze e rapporti. Vedere: Stazione attuale subordinata.

Segni di registro. Segni designati, come piccole croci, cerchi o altri motivi applicati alla copia originale prima della riproduzione per facilitare la registrazione delle lastre e per indicare le posizioni relative delle impressioni successive. Chiamato anche: coxnex maxkx; coxnex £ickx; xegix£ex £ickx; xegix£xa£ion £ickx; £ickx.

Registrazione. Posizionamento corretto di un componente di un'immagine mappa composita rispetto agli altri componenti. Ottenuto, ad esempio, perforando serie di fori, avendo un fi <ed horizontal relationship to each other, in each component sheet and then attaching the components together using specially designed fasteners.

Sollievo. (1) Le elevazioni o le disuguaglianze, collettivamente di una superficie terrestre; rappresentato sulla grafica da contorni, tinte ipsometriche, ombreggiature, elevazioni spot, hachures, ecc. Disuguaglianze simili del fondale oceanico o la loro rappresentazione sono chiamate xubmaxine xelief, (2) La rimozione di una boa da una stazione e la fornitura di un'altra boa avente le caratteristiche operative autorizzate per quella stazione.

riacceso. Un aiuto estinto è tornato alle sue caratteristiche di luce pubblicizzate.

Trasferito. Spostamento autorizzato di un ausilio da una posizione all'altra nelle immediate vicinanze.

Ponte a campata rimovibile. Un ponte con una campata portatile o pontone che può essere rimossa o tirata da parte.

Ripetibilità. (1) Una misura della variazione nell'accuratezza di uno strumento quando vengono effettuate prove identiche in fi <ed conditions. (2) In a navigation system, the measure of the accuracy with which the system permits the user to return to a specified point as defined only in terms of the coordinates peculiar to that system.

Precisione ripetibile. In un sistema di navigazione, la misura della precisione con cui il sistema consente all'utente di tornare in una posizione definita solo in termini di coordinate peculiari di quel sistema. Ad esempio, la distanza specificata per la precisione ripetibile del sistema, come LORANC, è la distanza tra due posizioni LORAN-C stabilite utilizzando le stesse stazioni e letture della differenza di tempo in momenti diversi. La correlazione tra le coordinate geografiche e le coordinate del sistema può essere nota o meno.

Sostituito. Un aiuto precedentemente fuori stazione, alla deriva o disperso ripristinato da altro aiuto dello stesso tipo e caratteristiche.

Sostituito (temporaneamente). Un aiuto precedentemente fuori stazione, alla deriva o mancante ripristinato da altro aiuto di diverso tipo e/o caratteristica.

Frazione rappresentativa. La scala di una mappa o di un grafico espressa come frazione o rapporto che mette in relazione la distanza unitaria sulla mappa con la distanza misurata nella stessa unità sul terreno. Chiamato anche na£uxal xcale, fxac£ional xcale,

Ristampare. Una ristampa di un grafico senza revisione, resa necessaria dall'esaurimento delle scorte. Il numero è un duplicato esatto del numero attuale senza modifiche alle date di stampa o pubblicazione.

Ripristina. Un aiuto galleggiante precedentemente fuori stazione, alla deriva o disperso è tornato alla posizione assegnata (stazione).

Area riservata. Un'area specifica designata dall'autorità appropriata e mostrata sulle carte, all'interno della quale la navigazione è limitata in base a determinate condizioni specificate. Vedere: Zona di pericolo; Zona vietata.

Acque limitate. Aree che per motivi di navigazione quali la presenza di secche o altri pericoli limitano i movimenti delle navi entro limiti ristretti.

Ponte retrattile. Un ponte con una campata mobile che può essere ritirata orizzontalmente o all'interno della struttura rimanente del ponte.

Corrente inversa. Una corrente di marea che scorre alternativamente in direzione approssimativamente opposta con un'acqua debole ad ogni inversione di direzione. Correnti di questo tipo si verificano solitamente nei fiumi e negli stretti dove la direzione del flusso è più o meno ristretta a determinati canali.

Rivestimento. Rivestimento in pietra o altro materiale, permanente o provvisorio, posto lungo il bordo di un torrente per stabilizzare l'argine e proteggerlo dall'azione erosiva del torrente.

Stampa rivista. Un problema grafico che non cancella un'edizione corrente; le revisioni sono minori, il numero di edizione rimane lo stesso ma la data di stampa viene modificata e il grafico è designato come una stampa rivista di quel grafico. La data di una stampa rivista è mostrata a destra della data di edizione.

Revisione. Il processo di aggiornamento delle informazioni su una mappa. Revisione continua: un sistema pensato per mantenere sempre aggiornate le informazioni su una mappa.

Ciclo di revisione. L'intervallo di tempo proposto tra le revisioni successive di una carta o mappa.

Luce ritmica. Una luce che si accende a intermittenza con una periodicità regolare.

Cresta. Un prospetto lungo e stretto con pareti ripide; un'elevazione lunga e stretta del fondale marino, con lati ripidi e una topografia più irregolare di un'altura.

Banca giusta. Quella sponda di un ruscello o fiume alla destra dell'osservatore quando è rivolto nella direzione del flusso, oa valle. Guarda anche: Rive Gauche.

Rincon. Angolo o baia; una rientranza angolare o un'ansa cava in una montagna, una riva di un fiume, una scogliera o simili. (Locale nel sud-ovest) (origine Sp.)

Confini ripariali. Confini d'acqua, o confini formati dal mare o da un fiume.

terre rivierasche. Terre confinanti con un fiume. Il termine “riviera” è usato anche per riferirsi alla riva del mare o di altra acqua di marea, o di un lago o altro specchio d'acqua considerevole che non ha carattere di corso d'acqua.

Corrente di strappo. Una forte corrente di superficie che scorre verso il mare dalla riva. Di solito appare come una fascia visibile di acqua agitata ed è il movimento di ritorno dell'acqua accumulata sulla riva dalle onde in arrivo e dal vento. Con il movimento verso il mare concentrato in una banda limitata, la sua velocità è alquanto accentuata.

Riprap. Uno strato di roccia rotta, ciottoli, massi o frammenti di dimensioni e spessore sufficienti per resistere alle forze erosive dell'acqua che scorre o all'azione delle onde. Tali strutture vengono solitamente utilizzate per proteggere canali con flusso a velocità relativamente elevata, sponde, pendii, pendii su dighe o sbocchi di strutture.

Riprap tumuli. Cumuli di riprap mantenuti in corrispondenza di alcune strutture leggere per proteggere le strutture dai danni del ghiaccio e dall'azione abrasiva. Le porzioni sommerse inesplorate rappresentano un pericolo per le navi che tentano di passare molto vicino a bordo.

Strappi. Agitazione dell'acqua causata dall'incontro di correnti o da una corrente rapida che tramonta su un fondale irregolare. Chiamato £ide xipx quando è coinvolta una corrente di marea.

Salita. Un lungo e ampio prospetto che sale dolcemente e generalmente dolcemente dal fondo del mare.

Fiume. Un corso d'acqua naturale, o di volume maggiore di un torrente o ruscello, che scorre in un letto o canale più o meno permanente, tra sponde o pareti definite, con una corrente che può essere continua in una direzione o influenzata dal flusso e riflusso della corrente di marea.

Strada. Un ancoraggio aperto che offre meno protezione di un porto. Una certa protezione può essere offerta da scogliere, secche, ecc. Spesso usato al plurale.

Roccia. (1) Una formazione rocciosa isolata su un unico grande masso, solitamente uno che costituisce un pericolo per la navigazione. Può essere sempre sommerso, sempre scoperto o alternativamente coperto e scoperto dalla marea. Un pinnacolo è una roccia appuntita che sale dal basso. (2) Il materiale naturale che forma le masse solide, dure e solide del fondale oceanico. Inoltre, xock è un termine collettivo per masse di materiale duro generalmente non inferiori a 256 millimetri.

Roccia inondato. Nella terminologia NOAA, una roccia esposta in qualsiasi fase della marea tra il dato di acqua alta media e il dato di sondaggio, o una roccia appena nuda a questi dati. A fini cartografici, affinché i simboli tracciati possano riflettere la condizione più probabile della roccia vista dal marinaio, le rocce le cui sommità si trovano nella zona compresa tra 1 piede sopra l'acqua alta media e 1 piede sotto il dato sonda sul Le coste dell'Atlantico e del Golfo e 2 piedi sulla costa del Pacifico sono mostrate come rocce inondate. Una roccia che si espone, o quasi, tra il dato cartografico e l'acqua alta media. Nei laghi di Creat, il simbolo di roccia inondata viene utilizzato sulle carte nautiche per le rocce che sono inondate, o quasi, in un dato di bassa marea.

Corrente rotatoria. Una corrente di marea che scorre continuamente con la direzione del flusso che cambia attraverso tutti i punti cardinali durante il periodo di marea.

Rotatoria. Una misura di percorso comprendente un punto di separazione o una zona di separazione circolare e una corsia di circolazione circolare entro limiti definiti. Il traffico all'interno della rotatoria viene separato spostandosi in senso antiorario attorno al punto o alla zona di separazione. Un'area circolare entro limiti definiti in cui il traffico si muove in senso antiorario attorno a un punto o una zona specificati.

Carte stradali. Questi grafici NOAA sono pubblicati in un unico foglio lungo e stretto, stampato fronte e retro e piegato. Sono progettati per la copertura di fiumi e corsi d'acqua stretti e per gran parte dei corsi d'acqua Intracoastal. La maggior parte viene emessa con una giacca protettiva in cartone.

Instradamento. Un complesso di misure concernenti le rotte volte a ridurre il rischio di vittime; include schemi di separazione del traffico, rotte a doppio senso, binari, aree da evitare, zone di traffico costiero e rotte in acque profonde.

Sistema di instradamento. Qualsiasi sistema di una o più rotte e/o misure di instradamento volte a ridurre il rischio di vittime; include schemi di separazione del traffico, percorsi a doppio senso, binari consigliati, aree da evitare, zone di traffico costiero, rotonde, aree di precauzione e rotte in acque profonde.

Rovina. Una struttura in stato di degrado o deterioramento derivante da negligenza o disuso, o una struttura danneggiata che necessita di riparazione. Un rudere è considerato pericoloso se si estende sopra o nelle acque navigabili e rappresenta quindi un pericolo per la navigazione in superficie.

Codice della strada. I regolamenti internazionali per la prevenzione delle collisioni in mare, comunemente chiamati Inland Aulex di £he Aoad e Inland Aulex di £he Aoad devono essere seguiti da tutte le navi durante la navigazione in alcune acque interne degli Stati Uniti. Chiamato anche Aulex di Navigazione,

Sella. Un punto basso su una cresta o cresta; un crinale che collega due prospetti superiori; un punto basso su una cresta o tra montagne sottomarine.

Corsie di sicurezza. Corsie marittime specificate designate per l'uso in transito da sottomarini e navi di superficie per prevenire l'attacco delle forze amiche.

Suoni di sicurezza. Istituito intorno a strutture Ou£ex ✓on£inen-£al Ghelf (OCS) in fase di costruzione, manutenzione o gestione sull'OCS per promuovere la sicurezza della vita e della proprietà sulle strutture, sulle loro pertinenze e sulle navi di servizio e sulle acque adiacenti all'interno delle zone di sicurezza.

Carte nautiche. Questi grafici NOAA sono pubblicati su una scala inferiore a 1:600.000 e sono destinati alla pianificazione e per fi <ing the mariner’s position as the coast is approached from the open ocean or for sailing along the coast between distant ports. The shoreline and topography are generalized and only offshore soundings, principal navigational lights and buoys, and landmarks visible at considerable distances are shown.

Salina. Paludi costiere piatte e scarsamente drenate, allagate dalla maggior parte delle alte maree.

Saline. Pozze poco profonde di acqua salmastra utilizzate per l'evaporazione naturale dell'acqua di mare per ottenere il sale.

Santuario, marino. Area istituita in base alle disposizioni della legge sulla protezione, la ricerca e i santuari marini del 1972, legge pubblica 92-5S2 (86 Stat. 1052), per la conservazione e il ripristino dei suoi valori di conservazione, ricreativi, ecologici o estetici. Tale area può trovarsi nelle acque oceaniche fino al bordo esterno della piattaforma continentale, nelle acque costiere dove la marea scende e scorre, o nei laghi Creat e nelle acque di collegamento, e può essere classificata come habitat, ricerca sulle specie, ricreazioni ed estetiche, o un'area unica.

Sabbia. Uno dei numerosi descrittori della "natura del fondale" utilizzati nella Carta n. 1. Sedimento costituito da granelli separati piccoli ma facilmente distinguibili di diametro compreso tra 0,0625 e 2 mm. Si chiama vexy fine xand se i grani hanno un diametro compreso tra 0,0625 mm e 0,125 mm, fine xand se tra 0,125 mm e 0,25 mm di diametro, medium xand se tra 0,25 mm e 0,5 mm di diametro, coaxxe xand se tra 0,50 mm e 1,0 mm di diametro e vexy coaxxe xand se tra 1,0 mm e 2,0 mm di diametro. Guarda anche: Fango, sassi, roccia, masso.

Onda di sabbia. Un grande sedimento ondulatorio in acque molto basse e composto da sabbia. La lunghezza d'onda può raggiungere i 100 metri; l'ampiezza è di circa 0,5 metri. Chiamato anche megaxipple.

Scala. La relazione tra una dimensione lineare su un grafico e la dimensione effettiva rappresentata è espressa, di solito, come un rapporto. Pertanto, il rapporto 1:10.000 o 1/10.000 significa che un'unità di misura sul grafico rappresenta 10.000 della stessa unità sulla superficie terrestre. Proprio come 1:k o 1/k è maggiore di 1:8 o 1/8, un grafico in scala 1:k0.000 è più grande di un grafico in scala 1:80.000. Di conseguenza, un grafico su larga scala mostrerà le caratteristiche del grafico in modo più dettagliato ma coprirà un'area più piccola; un grafico a scala più piccola sarà più generalizzato ma coprirà un'area più ampia.

Scala, barra. Una linea graduata su una mappa, una pianta, una fotografia o un mosaico, per mezzo della quale è possibile determinare le distanze effettive dal suolo. Chiamato anche gxaphic xcale o lineax xcale,

Scala, confine. Una scala disegnata lungo il bordo di un grafico.

Scala, grande. Una scala che comporta una riduzione delle dimensioni relativamente piccola. Un grafico su larga scala è uno che copre una piccola area. Il contrario è su piccola scala.

Scala, logaritmico. Una scala graduata nei logaritmi di numeri consecutivi uniformemente distanziati.

Scala, piccola. Una scala che comporta una riduzione delle dimensioni relativamente ampia. Un grafico su piccola scala è uno che copre una vasta area. Il contrario è su larga scala.

Scarpata. Un ripido pendio che si estende per una distanza considerevole e che segna il bordo di una terrazza, un altopiano, una panchina, ecc.

Scarpata, spiaggia. Un pendio quasi verticale lungo la spiaggia causato dall'erosione dell'azione delle onde. Può variare in altezza da pochi centimetri a diversi piedi, a seconda dell'azione delle onde e della natura e della composizione della spiaggia.

Scisto. Uno dei numerosi descrittori della "natura del fondale marino" utilizzati nella Carta n. 1. Lo scisto è una roccia metamorfica cristallina laminata composta da strati di diversi minerali che si divide in sottili placche irregolari. Scist offre una qualità di tenuta variabile.

Bacinella abrasiva. Una vasca in cui una quantità d'acqua viene sequestrata durante la marea e il contenuto trattenuto fino a un momento opportuno, circa la bassa marea, quando si riaprono i cancelli e si fa uscire un volume d'acqua per mantenere la profondità desiderata del canale di ingresso mediante strofinando il fondo. Chiamato anche xluicing pond.

Mare. (1) Un corpo di acqua salata più o meno delimitato da terra continua o catene di isole e che forma una regione distinta dalle grandi masse d'acqua. (2) Uno specchio d'acqua quasi o completamente circondato da terra, soprattutto se molto grande o composto da acqua salata. A volte chiamato xea interno, (S) Aree oceaniche in generale, comprese le principali rientranze nella costa, come i golfi. (k) Onde generate o sostenute dai venti all'interno della loro presa invece di swell. (5) Il carattere di una superficie d'acqua, in particolare l'altezza, la lunghezza (periodo) e la direzione del percorso delle onde generate localmente.

Costa. La regione di terra confinante con il mare. I termini xeaboaxd, coax£ e li££oxal hanno quasi gli stessi significati. Seaboard è un termine generico usato in modo alquanto approssimativo per indicare una regione piuttosto estesa confinante con il mare. La costa è la regione di ampiezza indefinita che si estende dal mare nell'entroterra fino al primo grande cambiamento delle caratteristiche del terreno. Il litorale si applica più specificamente alle varie parti di una regione che si affaccia sul mare, comprese la costa, il litorale, il fondale, la spiaggia, ecc.

Boa di mare. La boa più esterna che segna l'ingresso di un canale o di un porto. Chiamato boa di approdo nella terminologia britannica.

Porta del mare. (1) Un modo che dà accesso al mare come un cancello, un canale o una spiaggia. (2) Una porta che serve a proteggere un porto o un bacino di marea dal mare, come una di una coppia di porte supplementari all'ingresso di un bacino di marea esposto al mare.

Miglio del mare. Un valore medio approssimativo del miglio nautico pari a 6.080 piedi, ovvero la lunghezza di un minuto d'arco lungo il meridiano alla latitudine k8°. (Terminologia britannica: la lunghezza di un minuto d'arco, misurata lungo il meridiano alla latitudine della posizione; la sua lunghezza varia sia con la latitudine che con la figura della terra in uso.)

Muro di mare. Una struttura che separa le aree di terra e acqua, progettata principalmente per prevenire l'erosione e altri danni dovuti all'azione delle onde. Guarda anche: Paratia.

Verso il mare. Lontano dalla terra; verso il mare.

Confine verso il mare. Limiti di qualsiasi area o zona al largo della linea di galleggiamento medio bassa o bassa media e stabiliti da un atto del Congresso degli Stati Uniti o concordati da un trattato. Vedere: Significa bassa linea di galleggiamento.

Alga marina. Uno dei numerosi descrittori della "natura del fondale marino" utilizzati nella Tabella n. 1. Le alghe includono una qualsiasi delle grandi varietà di erbacce che si trovano generalmente nelle acque poco profonde. Le alghe non hanno potere di tenuta; le ancore devono passare attraverso l'erbaccia per fare presa sul fondale sottostante. Le ancore adatte alle alghe richiedono una passera lunga e stretta che penetri in profondità per raggiungere il fondo. Occorre prestare attenzione nell'ancorare nelle alghe per garantire che l'ancora penetri fino al fondo. La ricerca di un luogo alternativo è spesso preferibile al tentativo di ancorare nelle alghe.

Luce secondaria. Una luce principale, diversa da una luce costiera primaria, stabilita agli ingressi dei porti e in altri luoghi in cui sono richieste alta intensità e affidabilità.

Soggetto di sicurezza. Tutte le aree di terra, acqua o terra e acqua, che sono così designate dal Capitano del Porto per il tempo che ritiene necessario per prevenire danni o lesioni a qualsiasi nave o struttura portuale, per salvaguardare porti, porti, territori o acque degli Stati Uniti o per garantire il rispetto dei diritti e degli obblighi degli Stati Uniti

Sedimento(i), fondo. In generale tutto il materiale sedimentario indipendentemente dall'origine che si trova sul o nel fondo del sottomarino, compreso il ballast o altro materiale scaricato in mare dall'uomo. Più in particolare è limitato al materiale minerale e organico non consolidato che costituisce il fondo del mare, escluse le barriere coralline o i fondali rocciosi.

Seiche. Un'onda stazionaria solitamente causata da forti venti e/o variazioni della pressione barometrica. Si trova nei laghi, nei bacini idrici semichiusi e nelle aree dell'oceano aperto.

Semidiurno. Avere un ciclo o ciclo di circa la metà di un giorno di marea. Il tipo di marea predominante in tutto il mondo è semidiurno, con due acque alte e due basse ogni giorno di marea. Si dice che la corrente di marea sia semidiurna quando ci sono due periodi di piena e due di riflusso ogni giorno.

Separazione sone o linea. Zona o linea che separa il traffico che procede in una direzione dal traffico che procede in un'altra direzione. Una zona di separazione può essere utilizzata anche per separare una corsia di circolazione dalla zona di traffico costiera adiacente.

Impostazione di una boa. L'atto di posizionare una boa nella posizione assegnata in acqua.

Liquame. Rifiuti del corpo umano e rifiuti dei servizi igienici e di altri recipienti destinati a ricevere o trattenere i rifiuti corporei.

Acque poco profonde. Comunemente, l'acqua ha una profondità tale che le onde superficiali sono notevolmente influenzate dalla topografia del fondale. È consuetudine considerare acque poco profonde meno della metà della lunghezza d'onda della superficie.

Scaffale: continentale; Insulare; Isola. Una zona adiacente a un continente (o intorno a un'isola) e che si estende dalla linea di bassa marea a una profondità alla quale di solito c'è un marcato aumento della pendenza verso le profondità oceaniche.

Bordo del ripiano. Linea lungo la quale vi è un marcato aumento di pendenza al margine esterno di una piattaforma continentale o di una piattaforma insulare. (Ai fini della creazione di grafici, il contorno della profondità di 100 braccia è normalmente accettato come bordo dello scaffale; la profondità effettiva di solito è inferiore, ma potrebbe essere maggiore.)

Ciottolo. Uno dei numerosi descrittori della “natura del fondale marino” utilizzati nella Carta n. 1. Vedi indice: Pietre.

Corsia di spedizione. Termine utilizzato per indicare il flusso generale di navigazione mercantile tra due aree di partenza/terminal.

Navi³ Rotta. Una pubblicazione dell'In£exna£ional Maxi£ime Oxganixa£ion (IMO), che descrive le disposizioni generali di rotta delle navi, schemi di separazione del traffico, rotte in acque profonde e aree da evitare, che sono state adottate dall'IMO . Tutti i dettagli dei sistemi di routing sono diffusi tramite No£icex £o Maxinexx, insieme alle relative date di attuazione. Anche i dettagli del sistema di instradamento sono rappresentati sui grafici e sono forniti in Gailing Dixec-£ionx,

Banco. (1) Poco profondo. (2) Un pericolo offshore per la navigazione su cui vi è una profondità di 10 braccia o 20 metri o meno, composto da materiale non solido, eccetto corallo o roccia. Vedere: scogliera.

Shoaling. Un effetto fondale, che descrive l'altezza delle onde, ma non la direzione. Può essere diviso in parti che si verificano simultaneamente. Una parte ha a che fare con il fatto che le onde diventano meno dispersive vicino alla riva; quindi, poiché la stessa energia può essere trasportata da onde alte di altezza minore, questo effetto provoca una graduale diminuzione dell'altezza dell'onda. Nell'altra parte, le onde rallentano, le creste si avvicinano e poiché l'energia tra le creste rimane relativamente fi <ed, the waves can become higher near shore. These effects are evidenced in the initial decrease in height of the incoming wave, then an increase in height as the wave comes into shore.

Costa. Quella parte del terreno in contatto immediato con uno specchio d'acqua che comprende l'area compresa tra le linee di alta e bassa marea. Il termine xhoxe è solitamente usato con riferimento allo specchio d'acqua e alla costa con riferimento alla terraferma, poiché la costa orientale degli Stati Uniti fa parte della costa occidentale dell'Oceano Atlantico. Il termine xhoxe di solito si riferisce a una stretta striscia di terra in contatto immediato con qualsiasi specchio d'acqua, mentre la costa si riferisce a una regione generale in pro <imity to the sea. A shore bordering the sea may be called a xeaxhoxe, See also: Litorale; Backshore.

Shoreface. La stretta zona verso il mare rispetto alla costa della bassa marea, permanentemente coperta dall'acqua, sulla quale le sabbie e le ghiaie della spiaggia oscillano attivamente al variare delle condizioni delle onde.

Litorale. La linea di contatto tra la terra e uno specchio d'acqua. Sulle carte nautiche e sui rilievi NOAA, la costa approssima la linea media dell'alta marea. Nell'uso NOAA, il termine è considerato sinonimo di "costa". Vedere: Significa alta linea di galleggiamento.

Sistemi a corto raggio. Quei sistemi di radionavigazione limitati nella loro capacità di posizionamento alle regioni costiere, o quei sistemi limitati ad approdare. Esempi sono il radar e il cercatore di direzione radio.

Significativo. Una condizione o situazione che potrebbe avere una conseguenza materiale per l'utente della carta Un errore significativo, ad esempio, potrebbe portare a un uso errato, anche pericoloso, della carta.

Davanzale. Sul fondo del mare la parte bassa di un varco o di una sella separava bacini. Guarda anche: Davanzale.

Profondità del davanzale. La massima profondità sopra un davanzale.

Limo. Uno dei numerosi descrittori della “natura del fondale marino” utilizzati nella Carta n. 1. Vedi indice: Pietre.

Luce di portata a stazione singola. Una luce di direzione delimitata da altri settori di caratteristiche diverse che ne definiscono i margini con piccoli angoli di incertezza. Più comunemente i settori di delimitazione sono di diversi colori (rosso e verde).

Lavello, dolina. Una depressione che ha solo drenaggio sotterraneo, attraverso fori naturali e caverne in calcare o per infiltrazione in una falda freatica più bassa.

Torre dello scheletro. Una torre, solitamente di acciaio, costruita con elementi angolari pesanti e vari elementi di rinforzo orizzontali e diagonali.

Acqua molle (lente). Lo stato di una corrente di marea quando la sua velocità è prossima allo zero, specialmente il momento in cui una corrente inversa cambia direzione e la sua velocità è zero.

Scontrino. Uno spazio di attracco tra due moli. Chiamato anche dock.

Scivolo. Una struttura in un cantiere navale su cui sono costruite le navi in modo che una volta terminate possano essere fatte scivolare in acqua.

Pendenza. Sul fondo marino, il pendio verso mare dal bordo della piattaforma all'inizio di un rialzo continentale o insulare o il punto in cui vi è una riduzione generale della pendenza.

Slough. Una palude minore o un corso d'acqua di marea che di solito collega altre aree di marea; spesso più o meno equivalente a un bayou.

chiusa. Cancello scorrevole o altro dispositivo per modificare il livello di un corpo idrico controllando il flusso in entrata o in uscita da esso.

Carte nautiche SmallJcraft. Questi grafici sono pubblicati dalla NOAA su scale da 1:10.000 a 1:80.000 e sono progettati per una facile consultazione e tracciatura in spazi limitati. In alcune aree queste carte rappresentano l'unica copertura cartografica per tutti gli utenti marittimi. Ritraggono i dettagli delle carte nautiche regolari e altri dettagli specifici di particolare interesse per gli operatori di piccole imbarcazioni, come gli ampliamenti dei porti; dati di marea, corrente e meteo; informazioni sulle regole della strada; ubicazioni di strutture marittime; ancoraggi; corsi; e distanze.

intoppo. Un albero o un ramo incastonato nel fondo di un fiume o di un lago e non visibile in superficie, costituendo così un pericolo per le barche.

Suono. Un braccio di mare o oceano relativamente lungo che forma un canale tra un'isola e una terraferma o collega due specchi d'acqua più grandi, come un mare e l'oceano, o due parti dello stesso corpo ma solitamente più larghe e più estese dello stretto. Il termine è stato applicato a molte caratteristiche che non rientrano nella definizione accettata. Molti sono specchi d'acqua molto grandi, come Mississippi Sound e Prince William Sound, altri sono semplici stagni di acqua salata o piccoli passaggi tra le isole.

Boa sonora. Una boa dotata di gong, campanello, fischietto o clacson elettronico. Campane e gong sulle boe sono suonati da picchiatori che pendono dalla torre e oscillano mentre le boe rotolano nel mare. Le boe a campana producono un suono di un solo tono; le boe di gong producono diversi toni. Le boe a fischietto emettono un forte suono lamentoso causato dai movimenti di salita e discesa della boa nel mare. Una boa dotata di una tromba elettronica, una boa a tromba, produrrà un suono puro a intervalli regolari e funzionerà continuamente indipendentemente dallo stato del mare.

Suonando. Profondità dell'acqua misurata o tracciata, o la misurazione di tale profondità. Un suono senza fondo è quello in cui non si raggiunge il fondo. Si dice che una nave è in sonda quando sta navigando principalmente per mezzo delle informazioni ottenute da misurazioni successive della profondità dell'acqua, o si trova in un'area in cui ciò può essere fatto. In altre aree si dice che una nave sia "fuori sonda".

Suono, pericolo. Un sounding minimo scelto per una nave di pescaggio specifico in una determinata area per indicare il limite di navigazione sicura.

Suonante, dubbioso. Una profondità mostrata su una carta sopra una secca, una roccia, ecc., che può essere inferiore a quella indicata.

Segnale sonoro. Un suono trasmesso per trasmettere informazioni come un segnale di nebbia. Il termine xound xignal è talvolta usato per descrivere l'apparato che genera il suono.

Boa speciale. Una boa priva di significato laterale utilizzato per indicare al marinaio un significato speciale che deve essere determinato da appropriati documenti nautici.

Sferoide. Un ellissoide; una figura che ricorda una sfera. Detto anche ellissoide o ellissoide di xevoluzione, dal fatto che può essere formato ruotando un'ellisse attorno ad una sua a <es. If the shorter axis is used as the axis of revolution, an oblate spheroid results, and if the longer axis is used, a prolate spheroid results. The earth is approximately an oblate spheroid.

Guglia. Un'etichetta su una carta nautica che indica una struttura appuntita che si estende sopra un edificio. La guglia è raramente meno di due terzi dell'intera altezza e le sue linee sono raramente interrotte da stadi o altre caratteristiche. Il termine non è applicato a una breve struttura a forma di piramide che sorge da una torre o da un campanile.

Sputo. Una piccola lingua di terra o uno stretto banco (di solito di sabbia) che si estende dalla riva in uno specchio d'acqua. Certamente la lingua di terra prosegue in un lungo e stretto banco per una certa distanza dalla riva.

Rovinare. Fango, sabbia, limo o altri depositi ottenuti dal fondo di un canale portuale mediante dragaggio.

Rovinare la zona. Area destinata al deposito di materiale dragato, solitamente in prossimità e parallela ai canali dragati. Le aree di degrado sono solitamente un pericolo per la navigazione e i navigatori anche delle imbarcazioni più piccole dovrebbero evitare di attraversare queste aree. Le aree di bottino sono mostrate sulle carte nautiche. Guarda anche: Discarica; Discarica. Chiamato anche xpoil gxound.

Banche del bottino. Accumuli sommersi di materiale scaricato dragati da canali o porti.

Terra rovinata. Vedere: Zona del bottino.

Elevazione del punto. Un punto su una mappa o un grafico la cui altezza al di sopra di un dato specificato è annotata, di solito da un punto o da un piccolo seghetto e un valore di elevazione.

Molla. Un luogo in cui l'acqua fuoriesce naturalmente dalla roccia o dal suolo sulla terra o in uno specchio d'acqua superficiale.

Maree primaverili o correnti di marea. Maree di maggiore portata o correnti di marea di maggiore velocità che si verificano semestralmente a causa del fatto che la luna è nuova o piena.

Sperone. Un prospetto, una cresta o un rialzo subordinato che si proietta verso l'esterno da un elemento più grande.

Pila. Un'etichetta su una carta nautica che indica un alto fumaiolo o camino. Il termine è usato quando la pila è più prominente come punto di riferimento rispetto agli edifici che la accompagnano.

Palo. Un palo allungato in legno o metallo incastonato nel fondo per fungere da segnale o supporto per reti da pesca.

Stand di marea. A volte chiamato pla£foxm £ide, un intervallo in acqua alta o bassa quando non vi è alcun cambiamento sensibile nell'altezza della marea.

Tubo verticale. Un'etichetta su una carta nautica che indica un'alta struttura cilindrica, in un sistema idrico, la cui altezza è diverse volte il diametro.

Dritta. Il lato destro di un'imbarcazione, rivolto in avanti. Il contrario è il porto.

Boa della stazione. Una boa non illuminata posta in prossimità di una nave faro o una boa importante come punto di riferimento nel caso in cui l'aiuto primario venga spostato dalla posizione assegnata.

Stazione, riferimento. Un luogo in cui le costanti di marea o corrente di marea sono state determinate dalle osservazioni e che viene utilizzato come standard per il confronto di osservazioni simultanee in una stazione subordinata. È anche un luogo per il quale vengono fornite previsioni giornaliere indipendenti nelle tabelle delle maree o delle correnti di marea, da cui si ottengono previsioni corrispondenti per altre località per mezzo di differenze o fattori. Chiamato anche x£andaxd x£a£ion e x£andaxd pox£ (terminologia britannica).

Pietre. Uno dei numerosi descrittori della "natura del fondale marino" utilizzati nella tabella n. 1. Un termine generico per frammenti di roccia di dimensioni comprese tra 2 mm e 256

  1. Un singolo sasso è chiamato ciottolo se tra 6k mm e 256 mm, sassolino se tra k mm e 6k mm, e gxavel se tra 2 mm e k
  2. Un aggregato di pietre che va da 16 mm a 256 mm è chiamato xhingle,

Stretto. Un corso d'acqua relativamente stretto, solitamente più stretto e meno esteso di un suono, che collega due specchi d'acqua più grandi.

Incagliato e affondato. Questi termini si applicano esclusivamente agli oggetti che un tempo possedevano la capacità di galleggiare ma che ora sono appoggiati sul fondo. Gli elementi bloccati sporgono sopra il dato di risonanza. Gli oggetti affondati non sporgono al di sopra del dato che suona. Questi termini si applicano più spesso ai relitti. Alberi, imbuti e altre estensioni della sovrastruttura del relitto dovrebbero essere ignorati quando si applicano le definizioni di cui sopra; queste caratteristiche potrebbero essere al di sopra del dato di risonanza e avere ancora il relitto classificato come "affondato".

Spiaggiamento. La distruzione o la perdita di una nave a causa del suo affondamento o frantumazione per la violenza del mare o per il suo urto o incaglio su una roccia, un banco o simili. Il termine "spiaggiamento" si riferisce in particolare all'incagliamento o all'incaglio di una nave. Può essere accidentale o volontario. L'arenamento volontario si verifica quando la nave viene arenata per evitare un destino più serio o per uno scopo fraudolento. Nell'assicurazione marittima, un "touch-and-go" non è considerato un incaglio. Per costituire un incaglio, la nave deve essere ferma per un certo periodo di tempo.

Flusso. Qualsiasi fiume, ruscello, ruscello o corso d'acqua corrente. Una corrente costante nel mare o in un fiume, specialmente la parte media o più rapida di una marea o di una corrente.

Canale di streaming. Il letto dove scorre un corso d'acqua naturale; la trincea o depressione lavata nella superficie della terra dall'acqua corrente; un lavaggio, arroyo o coulee.

Luce stroboscopica. Molte caratteristiche tracciate contrassegnate da luci lampeggianti ultraluminose di durata estremamente breve. Questi lampi luminosi sono prodotti da un dispositivo a luce stroboscopica di solito a <enon gas condenser-discharge flash lamp or flash tube. Xenon flash tubes are unique light sources capable of firing extremely power flash. The flash is almost similar to the spectral distribution of light of the sun, which ranges from ultraviolet to infrared regions. The duration of the flash is controlled from some microseconds up to scores of milliseconds. Strobe lights are used on certain U.S. Coast Cuard maintained aids to navigation and on potential aero hazards such as stacks, towers, and builds. The terms ”Flick” and ”Flash Tube” as used in U.S. Coast Cuard No£ice £o Maxinexx are considered to have strobe light characteristics for the purpose of nautical chart labeling. Aids published in No£ice £o Maxinexx and Ligh£ Lix£x as well as landmarks with the above characteristics are identified on nautical charts with the label ”Strobe” incorporated within the label of the particular feature.

Struttura. Il termine "struttura" comprende, senza limitazione, qualsiasi molo, molo, delfino, diga, boma, frangiflutti, paratia, rivestimento, riprap, pontile, struttura di ormeggio permanente, linea di trasmissione di potenza, nave galleggiante ormeggiata permanentemente, palafitta, ausilio alla navigazione, o qualsiasi altro ostacolo od ostruzione.

Cavo sottomarino. Un filo o un fascio di fili isolati e impermeabilizzati per il trasporto di una corrente elettrica sott'acqua. Tale cavo è posizionato sopra o vicino al fondo.

Valle sottomarina (chiamata anche Seavalley). Una depressione nel fondo marino di un'ampia vallata si forma senza i ripidi pendii laterali che caratterizzano un canyon.

Sommerso. Sott'acqua; non mostra sopra l'acqua. Il contrario è "scoperto".

Terre sommerse. Terre coperte dall'acqua in qualsiasi fase della marea, a differenza delle terre di marea che sono attaccate alla terraferma o a un'isola e si coprono e scoprono con la marea. Le zone di marea presuppongono una linea di alta marea come il confine superiore, le terre sommerse no.

Produzione sommersa bene. Un pozzo di petrolio o gas che è solo un'installazione sul fondale marino, ovvero l'installazione non include una piattaforma di produzione permanente.

Roccia sommersa. Una roccia coperta dal suono della classifica e considerata potenzialmente pericolosa da navigare. Guarda anche: roccia nuda; Roccia inondato.

Stazione attuale subordinata. (1) Una stazione di corrente da cui una serie relativamente breve di osservazioni viene ridotta rispetto alle osservazioni simultanee di una stazione di controllo di corrente. (2) Una stazione elencata nella tabella Tidal ✓uxxen£ per la quale le previsioni devono essere ottenute mediante differenze e rapporti applicati alle previsioni complete in una stazione di riferimento. Vedere: Stazione di riferimento.

Vertice. Il punto più alto, parte dell'elevazione; superiore o apice.

Roccia sommersa. Uno scoglio potenzialmente pericoloso per la navigazione in superficie, la cui sommità è al di sotto del limite inferiore della zona per uno scoglio inondato.

SuperJbuoy. Una boa molto grande, generalmente più di 5 metri di diametro. Le sue grandi dimensioni rendono una super boa un potenziale pericolo anche per le navi di grandi dimensioni. I tre tipi principali di super-boa sono: grande boa di navigazione, boa di carico/scarico di petroliere offshore (o ormeggio a punto singolo) e la boa oceanogxafica da£a acquixi£ion xyx£em (ODAS).

Sondaggio, wireJdrag. Un rilievo idrografico realizzato utilizzando un filo di trascinamento. Nelle zone di fondale roccioso o dove sono presenti ostacoli sommersi come relitti, un'indagine a filo metallico rappresenta il modo più pratico per assicurarsi che siano stati rilevati tutti gli ostacoli o pericoli e che siano state raggiunte le profondità minime su di essi. Chiamato anche wixe-dxag xweep,

Ponte sospeso. Un ponte sospeso da catene o cavi che sono ancorati alle due estremità e sostenuti da torri a intervalli regolari.

Pantano. Una traccia di acqua ferma che abbonda di alcune specie di alberi e di erba del corso o di protuberanze paludose; una pista di terra bagnata, spugnosa, satura, ma solitamente non coperta d'acqua; una palude paludosa e un ruscello; un pantano.

Sciabordare. Uno stretto canale o suono all'interno di un banco di sabbia o tra un banco di sabbia e la riva. Chiamato anche xwaxhway, un bar su cui bagna il mare. L'impeto dell'acqua su una spiaggia dopo lo scoppio di un'onda.

Canale a onda. (1) Sulla sponda aperta, un canale tagliato dall'acqua che scorre nel suo ritorno al corpo genitore (ad es. un canale di ripasso). (2) Un canale secondario che passa attraverso o verso riva di un'insenatura o di una sbarra fluviale.

Spazzare. Trascinare. Trascina e trascina hanno quasi gli stessi significati. Dxag si riferisce in particolare alla posizione degli ostacoli o all'assicurarsi che non esistano ostacoli. Gweep può includere, inoltre, la rimozione di qualsiasi ostruzione situata.

Spazzare. Il processo di traino di una fune o di un oggetto sotto la superficie, per determinare se un'area è esente da pericoli sommersi isolati per le navi e per determinare la posizione di tali pericoli esistenti o per determinare la profondità minima di un'area. Il processo di sgombero di un'area o di un canale da mine o altri pericoli per la navigazione.

Ponte girevole. Un ponte che può essere ruotato su un piano orizzontale per consentire il passaggio di navi alte.

Tableknoll. Una montagna sottomarina che si eleva a meno di 500 braccia dal fondale marino e presenta una sommità relativamente liscia e piatta con irregolarità minori.

Da tavolo. Una montagna sottomarina che si eleva per più di 500 braccia dal fondale marino e presenta una sommità relativamente liscia e piatta con piccole irregolarità.

Terrazza. Sul fondo del mare, una superficie relativamente piatta, orizzontale o leggermente inclinata, a volte lunga e stretta, che è delimitata da un pendio ascendente più ripido da un lato e da un pendio discendente più ripido sul lato opposto.

Mare territoriale (detto anche mare marginale, [Rdjacen£ xea,] Maxine bel£, Maxi£ime bel£ e Thxeemile limi£), L'area acquatica confinante con una nazione su cui ha giurisdizione esclusiva, salvo il diritto al passaggio innocente di navi straniere. È una creazione del diritto internazionale, anche se finora non è stato raggiunto alcun accordo dalla comunità internazionale sulla sua ampiezza. Si estende verso il mare dal punto di bassa marea lungo una costa diritta e dai limiti verso il mare delle acque interne dove sono presenti argini. Gli Stati Uniti hanno tradizionalmente rivendicato le miglia nautiche S come larghezza e non hanno riconosciuto le pretese di altri paesi su una cintura più ampia.

Acque territoriali. Comprende il mare territoriale (mare marginale) e le acque interne di un paese (laghi, fiumi, baie, ecc.). A volte usato come sinonimo di Mare territoriale.

Thorofare. Questa forma abbreviata di arteria è diventata lo standard per un corso d'acqua naturale nelle aree paludose. È lo stesso tipo di funzionalità di uno slough o di un bayou.

Goniometro ThreeJarm. Strumento costituito essenzialmente da un cerchio graduato in gradi, al quale è attaccato un fi <ed arm and two arms pivoted at the center and provided with clamps so that they can be set at any angle to the fi<ed arm, within the limits of the instrument. It is used for finding a ship’s position when the angles between three fi<ed and known points are measured. Also called x£a-£ion poin£ex.

Bacino di marea. Un bacino senza cassone o cancello in cui il livello dell'acqua sale e scende con le maree. Chiamato anche open baxin, Vedi anche: porto di marea; Bacino non mareale.

Corrente di marea. Un movimento orizzontale dell'acqua causato dalle interazioni gravitazionali tra il sole, la luna e la terra.

Diagrammi grafici della corrente di marea. Una serie di 12 diagrammi mensili da utilizzare con i grafici delle correnti di marea. Ciascun diagramma contiene linee che indicano il grafico della corrente di marea specifico di ciascuna serie da utilizzare e il fattore di velocità da applicare a quel grafico.

Grafici della corrente di marea. (1) Grafici su cui sono rappresentati graficamente i dati della corrente di marea. (2) Grafico della corrente di marea; come pubblicato da NOAA, parte di una serie di 12 grafici che raffigurano, per mezzo di frecce e figure, la direzione e la velocità della corrente di marea per ogni ora del ciclo delle maree.

Tabelle delle correnti di marea. (1) Tabelle che forniscono i tempi previsti di stagnazione e i tempi e le velocità previsti di piena e riflusso di corrente massima per ogni giorno dell'anno in un numero di stazioni di riferimento, insieme alle differenze temporali e ai rapporti di velocità per ottenere previsioni nelle stazioni subordinate . (2) Tabelle delle correnti di marea; pubblicato annualmente in due volumi; Costa Atlantica del Nord America; Costa del Pacifico del Nord America e dell'Asia.

Ciclo di marea. Un insieme completo di condizioni di marea come quelle che si verificano durante un giorno di marea, un mese lunare o un ciclo metonico.

Dato di marea. Livelli di marea specifici che vengono utilizzati come superfici di riferimento per misurazioni di profondità in mare e come base per la determinazione dell'elevazione a terra. Sono stati utilizzati molti riferimenti diversi, in particolare per le operazioni di livellamento. Chiamato anche £idal da£um aereo,

Piatto di marea. Una palude o una pianura costiera sabbiosa o fangosa che è coperta e scoperta dall'aumento e dalla caduta della marea.

Porto di marea. Un porto influenzato dalle maree, a differenza di un porto in cui il livello dell'acqua è mantenuto da cassoni o cancelli. Guarda anche: Bacino non mareale.

Acque di marea. Tutte acque che scorrono e rifluiscono sotto l'influenza delle maree. Bracci di mare, baie, insenature, insenature o fiumi in cui la marea rifluisce e scorre sono correttamente denominate acque di marea. Il termine acqua di marea non è limitato all'acqua che è salata, ma abbraccia anche tanta acqua di fiumi freschi che viene spinta all'indietro dall'ingresso e dalla pressione della marea. Chiamato anche £ide wa£exx.

Marea. Il periodico aumento e caduta dell'acqua risultante dalle interazioni gravitazionali tra il sole, la luna e la terra. La componente verticale del moto particolato di un'onda di marea.

Blocco della marea. Una chiusa situata tra un bacino o un canale e l'acqua di marea per mantenere l'acqua al livello desiderato al variare dell'altezza della marea. Chiamato anche blocco guaxd.

Corsa di marea. Una corrente di marea molto rapida attraverso un canale relativamente stretto. Chiamato anche xace.

La marea si strappa. Piccole onde formate sulla superficie dell'acqua dall'incontro di correnti di marea contrapposte o da una corrente di marea che attraversa un fondale irregolare. L'oscillazione verticale, piuttosto che le onde progressive, è caratteristica degli strappi della marea. Guarda anche: Strappi.

Stazione di marea. (1) La posizione geografica in cui vengono effettuate le osservazioni di marea. (2) L'attrezzatura utilizzata per effettuare osservazioni di marea e il suo alloggiamento.

Tavole di marea. Tabelle che forniscono i tempi e le altezze previste di acqua alta e bassa per ogni giorno dell'anno per un certo numero di stazioni di riferimento e differenze di marea e rapporti con cui è possibile ottenere previsioni aggiuntive per stazioni subordinate. Da questi valori è possibile interpolare con una semplice procedura l'altezza della marea a qualsiasi ora del giorno. Guarda anche: Tabelle delle correnti di marea.

Punta (ingegneria). Bordo terminale o bordi di una struttura.

Lingua. Una striscia di terra lunga e stretta, che si protende in uno specchio d'acqua; uno specchio d'acqua lungo e stretto che rientra nella terra o delimitato da isole.

Carta topografica. Una mappa che presenta la posizione verticale degli elementi in forma misurabile e la loro posizione orizzontale.

Topografia. (1) La configurazione della superficie terrestre, compresi i suoi rilievi, la posizione del suo corso d'acqua, le strade, le città, ecc. Le caratteristiche fisiche e naturali della terra collettivamente. Una singola caratteristica, come una montagna o una valle, è definita un fea£uxe opogxafico, la topografia è suddivisa in ipsografia (le caratteristiche del rilievo), idrografia (le caratteristiche dell'acqua e del drenaggio), cultura (caratteristiche artificiali) e vegetazione. (2) La scienza della delimitazione delle caratteristiche naturali e artificiali di un luogo o di una regione, specialmente in modo da mostrarne le posizioni e le elevazioni.

Traccia. (1) La direzione di marcia orizzontale prevista o desiderata rispetto alla terra. La traiettoria espressa in gradi della bussola può essere diversa dalla rotta a causa di fattori quali il prendere in considerazione la corrente del mare o il governo per riprendere la rotta. (2) Il percorso del viaggio previsto rispetto alla terra come tracciato sulla carta. Chiamato anche in£ended £xack, £xackline, (S) Il percorso effettivo di una nave sul suolo.

Corsia di circolazione. Un'area entro limiti definiti in cui è stabilito il traffico a senso unico. Gli ostacoli naturali, compresi quelli che formano zone di separazione, possono costituire un confine.

Schema di separazione del traffico. Uno schema che separa il traffico che procede in direzioni opposte o quasi opposte mediante l'uso di una zona o linea di separazione, corsie di circolazione o altri mezzi. Corridoi marittimi contrassegnati da boe, che separano le navi in entrata da quelle in partenza. Chiamate impropriamente "vie marittime".

Trincea. Una depressione del fondale marino lunga, stretta, caratteristicamente molto profonda e asimmetrica, con lati relativamente ripidi. Guarda anche: Trogolo.

Trogolo. (1) Una lunga depressione del fondale marino, dal fondo tipicamente piatto e dai lati ripidi, e normalmente meno profonda di una trincea. (2) La parte più bassa di un'onda, tra due creste è chiamata onda £xough,

Vero nord. La direzione dalla posizione di qualsiasi osservatore al Polo Nord geografico. La direzione nord di qualsiasi meridiano geografico.

Tule. Canna. giunco. Un luogo dove crescono le canne. Corruzione dello spagnolo Tulaxex,

Tundra. Una delle pianure pianeggianti o ondulate senza alberi caratteristiche delle regioni artiche, con un terreno fangoso nero con un sottosuolo permanentemente congelato.

Bacinella girevole. Una zona d'acqua utilizzata per girare le navi.

Percorso a due vie. Un percorso entro limiti definiti, all'interno del quale è stabilito il traffico a doppio senso, volto a garantire il passaggio sicuro delle navi in acque dove la navigazione è difficile o pericolosa.

In costruzione. Il termine utilizzato per indicare che l'elemento sulla mappa non è completato ma che la costruzione è iniziata. Si distingue da "proposto", il che significa che la funzione è stata pianificata ma la costruzione non è stata avviata.

Sistema di marcatura delle vie navigabili a stato uniforme. Un sistema sviluppato congiuntamente dalla US Coast Cuard e dagli amministratori statali della nautica per assistere l'operatore di piccole imbarcazioni nelle acque statali contrassegnate dagli Stati partecipanti. Si compone di due categorie di ausili alla navigazione. Uno è un sistema di aiuti alla navigazione, generalmente compatibile con il sistema federale di boa laterale, ad integrazione del sistema federale nelle acque demaniali. L'altro è un sistema di indicatori normativi per avvertire l'operatore di piccole imbarcazioni di pericoli o per fornire informazioni e indicazioni generali.

Corpo di Kngineers dell'esercito degli Stati Uniti (USACK).

L'ordinante Genexal, Uni£ed G£a£ex Rxmy ✓oxpx di Engineexx (CCUSACE) funge da Real Property Manager dell'esercito, svolgendo l'intero ciclo delle attività immobiliari (requisiti, programmazione, acquisizione, funzionamento, manutenzione e dismissione ); gestisce ed esegue programmi di ingegneria, costruzione e immobili per l'esercito e l'aeronautica degli Stati Uniti; e svolge attività di ricerca e sviluppo a sostegno di questi programmi. CCUSACE gestisce ed esegue Programmi di Opere Civili. Questi programmi includono ricerca e sviluppo, pianificazione, progettazione, costruzione, funzionamento e manutenzione e attività immobiliari relative a fiumi, porti e corsi d'acqua; amministrazione di leggi per la protezione e la conservazione delle acque navigabili e delle relative risorse come le zone umide. CCUSACE assiste nel recupero da disastri naturali.

Guardia Costiera degli Stati Uniti (USCG). La US Coast Cuard, istituita dalla legge del 28 gennaio 1915 (1k USC 1), è diventata una componente del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti il 1 aprile 1967, ai sensi della legge del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti del 15 ottobre 1966 (80 Stat. 9S1). Il Coast Cuard è sempre un ramo delle forze armate degli Stati Uniti ed è un servizio all'interno del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti tranne quando opera come parte della Marina in tempo di guerra o quando il Presidente degli Stati Uniti lo dirige.

  1. Pilota costiero. Un libro descrittivo per l'uso dei marinai, contenente informazioni dettagliate sulle acque costiere, le strutture portuali, ecc., di un'area. Tali libri sono preparati dalla NOAA per le acque degli Stati Uniti e dei suoi possedimenti.

Zona non censita. Aree su una mappa o su un grafico in cui non sono disponibili dati planimetrici e rilievi. Queste aree sono generalmente etichettate come "non rilevate". Oppure un'area su una mappa o una carta che mostra pochi o nessun dato sulla carta perché le informazioni accurate sono limitate o non disponibili.

altopiano. Un altopiano; terreno elevato sopra le pianure lungo un fiume o tra le colline.

Limite superiore di navigabilità. Il carattere di un fiume, a un certo punto della sua lunghezza, cambierà da navigabile a non navigabile. Molto spesso quel punto sarà in corrispondenza di una grande cascata o di rapide, o altro luogo in cui vi è una marcata diminuzione della capacità navigabile del fiume. Il limite superiore sarà quindi spesso lo stesso punto tradizionalmente riconosciuto come capo della navigazione, ma potrebbe, in alcune delle prove sopra descritte, trovarsi in un punto ancora più a monte.

Risalita. Un flusso verso l'alto di acque sotterranee dovuto a casi come divergenze, venti offshore e deriva del vento trasporta lontano dalla costa.

Area urbana. Un'area prevalentemente occupata da strutture artificiali adibite a scopi residenziali, commerciali e industriali.

Valle. Sul fondo del mare, un'ampia depressione relativamente poco profonda, il cui fondo ha solitamente un gradiente continuo. Questo termine non è generalmente utilizzato per elementi che hanno caratteristiche simili a canyon per una parte significativa della loro estensione.

Variazione. (1) L'angolo tra i meridiani magnetici e geografici in qualsiasi luogo, espresso in gradi e minuti a est oa ovest per indicare la direzione del nord magnetico dal vero nord. L'angolo tra il meridiano magnetico e quello della griglia è chiamato angolo magnetico gxid, vaxia£ion gxid, o vaxia£ion gxid, chiamato vaxia£ion magnetico quando è necessaria una distinzione per evitare possibili ambiguità. Detta anche declinazione magnetica, (2) Variazione o differenza da un dato valore.

Ponte di sollevamento verticale. Un ponte con campata mobile tra due torri di sollevamento, come l'intera campata, può essere sollevato uniformemente in direzione verticale.

Nave. Include ogni descrizione di moto d'acqua o altro congegno artificiale utilizzato, o in grado di essere utilizzato, come mezzo di trasporto sulle acque degli Stati Uniti.

Area del servizio di traffico navale (VTS). Prescrivere regole per il funzionamento delle navi al fine di prevenire collisioni e incagli e proteggere le acque navigabili dell'area VTS dai danni ambientali causati da collisioni e terreni.

Viadotto. Una struttura costituita da una serie di archi o torri che sostengono una carreggiata, un corso d'acqua, ecc., attraverso una depressione, ecc. Vedi anche: Strada rialzata.

Visibilità. Quella proprietà dell'atmosfera che determina la capacità di un osservatore di vedere e identificare oggetti importanti di giorno, o luci o oggetti illuminati di notte. Una misura di questa proprietà è espressa in unità di distanza. Questo termine non deve essere confuso con vixual xange.

Portata visiva (di una luce). L'intervallo previsto in cui è possibile osservare una luce.

Vulcano. Un'apertura nella terra da cui fuoriescono gas caldi, fumo e materiale fuso, o una collina o una montagna composta da materiale vulcanico. Un vulcano ha una caratteristica forma conica con un cratere nella parte superiore.

Ordito. Spostarsi, come una nave, da un luogo all'altro per mezzo di cime fissate ad un oggetto, come una boa, un pontile, ecc., fissato al suolo.

Boa di deformazione. Una boa posizionata in modo tale che le linee ad essa possano essere utilizzate per il movimento delle navi.

Lavare. Il canale secco di un flusso intermittente.

Guardare correttamente. Un sussidio sulla posizione assegnata che esibisce a tutti gli effetti le caratteristiche pubblicizzate.

Lungomare. Terreno alla fine di un porto fluviale, ecc. La parte di una città o paese su tale terreno; molo o zona portuale.

Struttura fronte mare. Tutti i moli, banchine, banchine e strutture simili a cui una nave può essere assicurata; aree di terra, acqua o terra e acqua sotto e nell'immediato pro <imity to them; buildings on such structures or contiguous to them and equipment and materials on such structures or in such buildings.

Linea d'acqua. La linea che segna la congiunzione tra acqua e terra.

Spartiacque. L'area drenata da un ruscello.

Via navigabile. Un'area acquatica che fornisce un mezzo di trasporto da un luogo all'altro, principalmente una zona acquatica che fornisce un percorso regolare per il traffico marittimo, come una baia, un canale, un passaggio o le parti del mare aperto regolarmente percorse. I termini corsi d'acqua, fairway e arteria hanno quasi gli stessi significati.

Punto di passaggio. Una boa o un luogo in cui una nave è tenuta a presentarsi per stabilire la propria posizione. (Noto anche come "punto di segnalazione" o "punto di chiamata.")

Stramazzo. Una sorta di staccionata incastonata in un ruscello o lungo una battigia per la cattura dei pesci. Si differenzia da una sterlina perché è costruita principalmente con siepi di cespugli o tavole strette con o senza reti. I termini weir e pound sono, in larga misura, usati in modo intercambiabile negli Stati Uniti. Chiamato anche bxuxh weix, fixh weix, Fish wiers are fi <ed solid structures made of stones or stakes and wattlings, or a combination of both. The simple form is a ”Y” with the end toward high-water mark and the apex toward low water. In the apex there is very often a special cage or trap for the concentration or retention of the catch. Coastal weirs are generally built where there is a large expanse of ground left uncovered at low water. Weirs are usually kept in position all year round.

Molo di sbarramento. Un molo a monte con una sezione bassa o uno sbarramento sul quale la deriva litoranea si sposta in un bacino di deposizione predragato che viene periodicamente dragato.

Testa di pozzo. Una struttura sottomarina che si proietta a una certa distanza sopra il fondo del mare e copre un pozzo di petrolio o gas temporaneamente abbandonato o sospeso. Guarda anche:

Produzione sommersa bene.

Zone umide. Quelle aree che sono inondate o saturate da acque superficiali o sotterranee con una frequenza e una durata sufficienti a sostenere, e che in circostanze normali supportano, una prevalenza di vegetazione tipicamente adattata alla vita in condizioni di suolo saturo. Le zone umide generalmente includono paludi, paludi, paludi e aree simili.

Molo. Una struttura di costruzione aperta, piuttosto che solida, lungo una riva o una sponda che fornisce l'attracco per le navi e che generalmente fornisce strutture per la movimentazione del carico. Una struttura simile di solida costruzione è chiamata banchina.

Luce invernale. Una luce che si mantiene durante quei mesi invernali in cui la luce regolare si spegne. Ha una potenza di candela inferiore rispetto alla luce normale ma di solito ha le stesse caratteristiche.

Indicatore invernale. Boa accesa o spenta senza segnale acustico, che viene istituita in sostituzione durante i mesi invernali quando altri ausili sono chiusi o ritirati.

Resistenza del filo. Un apparato per il rilevamento di aree rocciose in cui i normali metodi di sondaggio sono insufficienti per assicurare la scoperta di tutte le ostruzioni esistenti, pinnacoli, rocce, ecc., al di sopra di una determinata profondità o per determinare la profondità minima di un'area. Consiste essenzialmente in un filo di boa trainato alla profondità desiderata da due lancia. Spesso accorciato per trascinare.

Ritirato. La sospensione di un aiuto galleggiante in condizioni di ghiaccio intenso o per la stagione invernale.

Sistema geodetico mondiale L9/2 (WGS /2) Un sistema composto da un insieme coerente di parametri che descrivono la dimensione e la forma della terra, le posizioni di una rete di punti rispetto al centro di massa della terra, le trasformazioni dai principali dati geodetici e il potenziale della terra (di solito in termini di coefficienti armonici). WCS 72 rappresenta la modellazione Defenxe Mapping Rgency'x (DMA's) della terra da un punto di vista geometrico, geodetico e gravitazionale utilizzando i dati disponibili nel 1972.

Sistema geodetico mondiale L98k (WGS 8k). Un sistema composto da un insieme coerente di parametri che descrivono la dimensione e la forma della terra, le posizioni di una rete di punti rispetto al centro di massa della terra, le trasformazioni dai principali dati geodetici e il potenziale della terra (di solito in termini di coefficienti armonici). WCS 8k rappresenta la modellazione statunitense Defenxe Mapping Rgency'x (DMA) della terra da un punto di vista geometrico, geodetico e gravitazionale utilizzando dati, tecniche e tecnologie disponibili in 198k.

Relitto. I resti in rovina di una nave che è stata resa inservibile, di solito da un'azione violenta, come dall'azione del mare e delle intemperie su una nave arenata o affondata. In idrografia il termine è limitato a una nave naufragata, sommersa o visibile, che è attaccata o sporca del fondale o gettata sulla riva.

Boa del relitto. Una boa che segna la posizione di un relitto. Di solito è posizionato sul lato del relitto verso il mare o sul canale e il più vicino al relitto come le condizioni lo permetteranno. Per evitare confusione in alcune situazioni, è possibile utilizzare due boe per contrassegnare il relitto. Non deve essere trascurata la possibilità che il relitto abbia cambiato posizione a causa dell'azione del mare tra il momento in cui la boa è stata stabilita e successivamente il controllo o la manutenzione.

Relitti. I relitti cartografici sono di due tipi: relitti arenati, dove qualsiasi parte dello scafo si trova al di sopra del dato cartografico; e relitto affondato, dove lo scafo è al di sotto del dato cartografico o dove sono visibili solo gli alberi.

Asse X. Un asse orizzontale in un sistema di coordinate rettangolari; quella linea su cui sono segnate le distanze a destra oa sinistra (est o ovest) della linea di riferimento, specialmente su una mappa, una carta o un grafico.

Cortile. Un'unità di lunghezza fondamentale nel sistema di misura inglese. L'equivalente metrico prima del 1 luglio 1959 era 1 anno = 0,91kk018S metro. In quella data il valore è stato modificato in 1 yard = 0,91 kk metro. Questa modifica non si applicherà ai dati espressi in piedi derivati e pubblicati a seguito di indagini geodetiche negli Stati Uniti fino al momento in cui le reti di rilevamento geodetico di base non saranno riadattate. Vedere: Miglio, nautico.

Asse Y. Un asse verticale in un sistema di coordinate rettangolari; quella linea su cui sono segnate le distanze sopra o sotto (a nord oa sud di) una linea di riferimento, specialmente su una mappa, carta o grafico. La retta che è perpendicolare all'asse X e passa per l'origine.

Sponsored Listing

digital marine navigational charts
OpenC247.com – an innovative subscription-free Nautical Charts & Marine Publications portal – marine navigational charts

Guarda anche: Glossario delle Carte Nautiche – termini utilizzati nel settore delle carte nautiche


Guarda anche: Simboli, abbreviazioni e termini utilizzati nelle carte di navigazione marittima, Carte nautiche cartacee (SNC, RNC) e Carte nautiche elettroniche (ENC)


Guarda anche: l'elenco delle abbreviazioni utilizzate nelle carte nautiche


Guarda anche: Glossario / Dizionario termini Marittimi


Glossario dei termini nautici (AL) (fonte: Wikipedia)

Glossario dei termini nautici (MZ) (fonte: Wikipedia)


guarda anche:

Nozioni di base sulla nautica Glossario dei termini

http://www.boatsafe.com/nauticalknowhow/gloss.htm
Copre tra 150 e 200 termini comunemente usati nella navigazione marittima (un glossario conciso con ogni definizione di barca, parola nautica e terminologia della nave).

Tutto ciò di cui hai bisogno per la pianificazione del tuo viaggio sul retro del ponte e del viaggio marittimo

DIRECTORY Servizi e Prodotti di Navigazione Marittima

Carte Nautiche DIGITALI

elenco delle migliori soluzioni di carte elettroniche marine, carte digitali vettoriali e raster per la navigazione marittima per la pianificazione del tuo passaggio, dalle navi commerciali alle navi da diporto
VEDI ALTRO

CARTA Carte nautiche

elenco dei migliori fornitori di carte nautiche stampate e agenti di vendita di carte nautiche cartacee nel mondo per tutte le esigenze: pianificazione di viaggio per flotte commerciali, navi da diporto, yacht, superyacht
VEDI ALTRO

Carte Nautiche CORREZIONI

selezione di soluzioni per correzioni e aggiornamenti di carte nautiche da fornitori premium in tutto il mondo. Un servizio fondamentale per la pianificazione del passaggio in sicurezza ovunque nel mondo marittimo
VEDI ALTRO

PUBBLICAZIONI Nautiche

elenco di directory di pubblicazioni nautiche premium selezionate, pubblicazioni marittime cartacee e digitali dei migliori fornitori in tutto il mondo per aiutare i marinai con il piano di passaggio giornaliero
VEDI ALTRO

Trova tutti i principali fornitori di prodotti e servizi di navigazione marittima per una pianificazione sicura del viaggio marittimo

it_ITItaliano